Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

EPISODIO TRISTE A CONVERSANO

penna-stilografica

Vorrei segnalare l'insensibilità e la mancanza di rispetto di un ausiliare del traffico e del Comandante dei Vigili urbani di Conversano.

Martedi 3 agosto ore 9,30 nei pressi dell'Ospedale di Conversano, 29 gradi. Mi accingo ad accomapagnare al reparto cardiologia il mio papà di anni 78 cardiopatico e con una insufficienza respiratoria per l'applicazione dell'holter.

Parcheggio di fronte all'ingresso principale (di un ospedale, non un mercato o un bar) cerco di pagare ma il totem non funziona e non so dove sono ubicati gli altri. Decido di accompagnare papà al reparto e poi tornare per cercare un'altra macchinetta.

Ritorno alle ore 9,42 (totale dodici minuti considerando il quarto piano con ascensori intasati): la mia auto è già multata, incontro l'ausiliario, tale Rosa Maria Diegone, arrogante e maleducata come il suo Comandante da me interpellato telefonicamente (ho avuto la sensazione di parlare con un impianto Bancomat, anzi "loro" sono educati).

Ciò che mi ha ferito nel profondo non è la multa (che peraltro pagherò senza inoltrare ricorso) ma la strafottenza e l'indifferenza mostrata di fronte al grave problema dell'assistenza agli anziani. Morale: sono deluso da Conversano che non merita la disumanità di certi personaggi.

Giuseppe Maiellaro

Commenti 

 
#17 Gianvito F 2010-08-07 23:29
Angelo, hai ragione su questo, anche se - ti dirò - due volte ho chiamato e due volte hanno "inviato" la pattuglia. Sarò stato fortunato, è anche vero comunque che sono in pesante mancanza di organico (mancano otto vigili), con assunzioni bloccate! Sicuramente la "civiltà" dei conversanesi non aiuta... Ci vorrebbe più rigore, SEMPRE, e su questo bisogna lavorare assolutamente in Comune ed in seno al Comando della Polizia Municipale.
Segnala all'amministratore
 
 
#16 La Redazione 2010-08-07 20:59
Redazione: 393 90 64 127
Segnala all'amministratore
 
 
#15 Angelo Lorusso2 2010-08-07 20:06
Prendo in fede le parole del sig. Maiellaro circa il mancato funzionamento del totem, e non stento inoltre a credere alla solerzia con cui si facciano le multe sulle strisce blu.

Al di là dell'intelligenza e dell'elasticità con cui si possa risolvere una situazione anomala del genere, mi rammarico soprattutto di una cosa.

Preso atto della scrupolosa inflessibilità dei tutori dell'ordine pubblico, mi chiedo come mai, in dieci anni di vita conversanese, essi non si siano mai presentati alle mie numerose chiamate (dovete sapere che sono un cittadino che arriva anche alla pedanteria circa certe mancanze di rispetto sulla strada).

E non parlo di sciocchezze, ma di atteggiamenti che compromettono, o bloccano addirittura, la viabilità in molte zone note del paese. Il tutto, sempre in orari e giorni non particolarmente impegnativi per il loro lavoro (in caso di feste comandate ed eventi, IO ho l'elasticità di soprassedere).

Che le multe (o perlomeno gli interventi) fatte per divieto di sosta abbiano un sapore diverso rispetto alle altre? a cosa si deve questa differenza di attaccamento alla professionalità?

Colgo l'occasione per chiedere chiarimenti laddove possibile, ed incitare i nostri dipendenti pubblici a rendersi presenti in maniera più poliedrica sul territorio.

p.s.: per la Redazione. Non riesco più a effettuare il login dal mio browser attuale. potrei avere un contatto per l'assistenza? Da solo non sono riuscito a trovarlo
Segnala all'amministratore
 
 
#14 giuseppe maiellaro 2010-08-06 20:46
Ecco il mio nome per esteso, contenti? (quella della sigla era una scelta della redazione.)
Confermo in pieno la mia lettera. La vigilessa ed il suo Comandante erano perfettamente al corrente del non funzionamento del totem. Vi dirò di piu' il giorno successivo-con mio rammarico- lo stesso totem era ancora guasto (e non esiste un cartello che indichi dove sono ubicati gli altri). Io in presenza di un totem guasto e di un parcheggio vicino l'ospedale avrei evitato le multe sino alla riparazione dell'apparecchio.
Cordiali saluti.
Segnala all'amministratore
 
 
#13 hi 2010-08-06 20:40
In un paese civile simili lamentele sono fuori luogo.
Il parcheggio se dovuto si paga, senza eccezioni di merito.
Altrimenti ognuno ha le sue (presunte) buone ragioni, ed è per tale motivo che forse i vigili o ausiliari rispondo in maniera poco gentile, visto che qui tutti sono bravi a lamentarsi, a torto o a ragione.
Tanto per, anni fa mi è capitata una cosa simile (non a Conversano), ho parcheggiato vicino all'ospedale per la situazione inderogabile del caso, ho trovato la multa, ho pagato i miei bei 34 euro senza lamentarmi, così dovrebbero fare tutti !
Segnala all'amministratore
 
 
#12 La_rive_gauche 2010-08-06 19:45
Lo dirò fino allo sfinimento: sul Largo della Corte, in generale, e nel casal vecchio, in particolare, i primi incivili (o come loro stessi li amano chiamare, vandali notturni)sono i residenti. Vuoi per gli infiniti transiti a tutte le ore del giorno e della notte, vuoi per i parcheggi sulle piazze e da ultimo per l'abitudine di accatastare il pattume di casa nei pressi dei cestini per i rifiuti da passeggio. Vergognosi!
Segnala all'amministratore
 
 
#11 danielepasquale5@gmail.com 2010-08-06 19:22
Una proposta semiseria che esula dall'argomento... ma, non troppo.

Perchè non privatizzare, seguendo le ultime inclinazioni e linee guida degli Enti Locali più virtuosi, anche Piazza Castello o Piazza XX Settembre?
Si potrebbe consentire la sosta, davanti al tabacchi, ai bar o persino dinanzi alla scalinata di Villa Garibaldi, alla modica cifra di 5,00 euro ogni quarto d'ora e farla poi controllare dagli ausiliari.
Se vigili non ce ne sono o son troppo pochi, allora sia il denaro a moderare i comportamenti incivili degli automobilisti!
Segnala all'amministratore
 
 
#10 Gianvito F 2010-08-06 18:35
Sicuramente, ma la scelta è redazionale. Sarebbe stato certamente più corretto siglare anche il nome dell'ausiliare. Del resto, mi pare che proprio su questo sito sia uso siglare anche i nomi dei delinquendi...
Segnala all'amministratore
 
 
#9 gf 2010-08-06 18:19
scusatemi ma secondo me una denuncia mediatica senza il nome di chi la fa e indicando invece la/e presunta/e persona/e autore/i del gesto maleducato è un gesto di altrettanta maleducazione e sdegno. impubblicabile.
Segnala all'amministratore
 
 
#8 danielepasquale5@gmail.com 2010-08-06 16:54
@ indigeno
Concordo in pieno!
A noi, però non è dato sapere se c'è stata effettiva maleducazione o semplicemente un rifiuto secco a stracciare un documento già redatto!
Avere tatto, cortesia, educazione o comprensione nell'esecuzione di un dovere è auspicabile per chiunque ma, ... ad ognuno il suo!
Ci sono autorità preposte a dirimere eventuali divergenze di veduta tra p.u. e cittadino.
Prendersela con chi compie il proprio dovere non serve.
In definitiva, dobbiamo chiederci cosa vogliamo per davvero dai Vigili Urbani e dagli ausiliari.
Quando ci sono e svolgono le loro funzioni senza intaccare il nostro portafoglio, siamo dalla loro parte, quando invece incominciano a sanzionare i nostri comportamenti scorretti li accusiamo di essere maleducati ed arroganti.
Io credo che i vigili e sicuramente gli ausiliari, sono molto comprensivi quando possono.
Segnala all'amministratore
 
 
#7 Gianvito F 2010-08-06 16:23
Io credo che comunque G.M. avrebbe dovuto mostrare il fatto che il totem non funzionasse. In quel caso, credo che l'Ausiliare avrebbe capito e fatto in modo che la multa venisse annullata.

Più che altro, mi chiedo se l'azienda che ha in appalto il sistema di pagamento abbia considerato, prima dell'installazione dei totem, la possibilità di installarne modelli che prevedano la possibilità di avere il resto o di decidere il tempo di sosta... Non è possibile spendere 50 cent anche per soste di pochi minuti, quando poi ci sono cozzali che trasformano Largo della Corte in un parcheggio aggratis... Speriamo che le telecamere vengano attivate presto!
Segnala all'amministratore
 
 
#6 indigeno 2010-08-06 14:09
Per daniele pasquale5...la cortesia e l'educazione (forse la comprensione è chedere troppo) prescindono sempre dai doveri!!!
Segnala all'amministratore
 
 
#5 T. Sanguineti 2010-08-06 13:59
Un po' di tatto (in grassetto) se uno non ce l'ha non se lo potrebbe dare ?

E' risibile l'atteggiamento da tolleranza zero alla Rudy Giuliani (salvo poi beccare la figlia a fregar profumi...) a fronte di un lassismo riguardo le zone pedonali Largo della corte ad es. non presidiata in occasione dell'ultimo consiglio comunale (nemmeno l'addetto al togli e metti della transenna al varco di corso Adriatico).

Nel racconto del nostro amico una cosa però non quadra:
i totem già non funzionano? è sicuro? oppure son difficili da usare ?
forse è per questo che i metropolitani non han preso in gran considerazione le sue rimostranze ?
Segnala all'amministratore
 
 
#4 La Redazione 2010-08-06 12:33
Ultima notazione sul grassetto: esso dipende esclusivamente da impostazioni grafiche prestabilite e comuni, in base alle quali ogni nome proprio viene, appunto, evidenziato in grasseto.
Segnala all'amministratore
 
 
#3 La Redazione 2010-08-06 12:29
La scelta di pubblicare le sole iniziali del firmatario della lettera è stata presa dalla Redazione.
Chiederemo comunque l'autorizzazione a pubblicare nome e cognome per intero.
Ciò non toglie che, in base alle norme vigenti, restiamo sempre disponibili a rilasciare i relativi dati a chiunque,a buon diritto, ne faccia richiesta.
Segnala all'amministratore
 
 
#2 Pressing 2010-08-06 12:15
Mi scusi, visto che lei è stato così pronto a pubblicare nome e cognome dell'ausiliario (addirittura in grassetto), perché non ha pubblicato il suo? La ringrazio e la saluto.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 danielepasquale5@gmail.com 2010-08-06 02:36
Quello che le è accaduto è sicuramente spiacevole.
Può sembrare ingiusto ma, il commento più obbiettivo relativo a questo increscioso accadimento è, che l'agente ha fatto il suo dovere.
La ragazza, nello svolgimento del servizio per cui è pagata, non poteva avere alcuna idea dei motivi che l'hanno spinta a parcheggiare senza poter pagare la sosta.
Il comandante d'altra parte poteva solo ricordarle che aveva il diritto di fare ricorso.
Credo che con le relative certificazioni mediche, un giudice o il prefetto, le avrebbe dato ragione.
Altro, invece, ci sarebbe da dire circa l'opportunità di ubicare un'area a pagamento proprio dinanzi a strutture ospedaliere o farmacie ...
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI