Giovedì 15 Novembre 2018
   
Text Size

DISCARICA: RIUNIONE ASS. AMBIENTALISTE E DI CATEGORIA

discarica-video

Lo scorso venerdì 13 Agosto, presso la sede del WWF–Conversano è stata convocata un’assemblea tra tutte le associazioni ambientaliste e di categoria. All’ordine del giorno la beffa del sopralzo che ha passato un colpo di spugna sulle aspettative di chiusura della vecchia discarica.

Obiettivo dell’incontro – come spiega lo stesso vicepresidente WWF Puglia, Leonardo Lorusso – è stata l’organizzazione di una manifestazione, utile a evidenziare il dissenso verso gli ultimi provvedimenti su Contrada Martucci, «che dovrà avvalersi di una capillare opera di sensibilizzazione, giacché se non s’innescherà un movimento forte e numeroso, sarà difficile mutare lo status quo».

Interviene poi l’ex assessore Pasquale Loiacono, invitato quale persona informata sui fatti, il quale meglio spiega le dinamiche della vicenda: «Si erano messi in atto tutti gli strumenti opportuni per procedere alla chiusura della discarica, direzione condivisa – almeno in un primo momento – anche dalla Regione, che aveva concesso due mesi di sostegno economico per il trasporto dei rifiuti fuori bacino. Poi all’improvviso ci si accorge di non avere le giuste competenze e si decide di demandare ogni scelta alla Provincia. Un improvviso cambio di scenario che fa quantomeno presumere che in queste ultime ore ci sia stata qualche pressione».

«Quest’ordinanza – chiosa Loiacono – è uno schiaffo alla città, al territorio e all’amministrazione stessa; ben vengano dunque iniziative che vanno nella direzione di smuovere le coscienze per un futuro migliore, testimoniare che esiste un fronte comune, fatto di semplici cittadini che sono stanchi di questi soprusi».

Tra i tanti, meritevoli di segnalazione altri due interventi. Il primo è quello di Giovanni Tauro (Confagricoltura) che con la discarica fa i conti ogni giorno, avendo degli appezzamenti di terra proprio nei pressi di contrada Martucci: «Da quando si erano iniziati i lavori di copertura della discarica, la situazione era molto migliorata, si era assestato anche il problema degli escrementi dei gabbiani sulle colture e delle buste di plastica che “sfuggivano” dalla discarica e volavano verso i campi. Ora che si sta procedendo a “scoperchiare”, tutto è ricominciato, a partire dall’odore insopportabile».

Segue Vito Damiani: «È facile prevedere che la discarica di servizio e soccorso si trasformerà in un quarto lotto. Quindi sì a questa manifestazione; tuttavia, onde evitare che il Sindaco – come ha fatto per gli impianti carburante – possa dire che è un problema di 200 persone, è importante una grande attività di sensibilizzazione». A chi rileva che la città o ha paura o si è ormai assuefatta al problema, Damiani replica che «chi “mangia” dalla Lombardi è un’esigua minoranza; se riusciamo a sensibilizzare il resto della città, avremo ottenuto una piccola vittoria».

 

La manifestazione di protesta si concretizzerà in una fiaccolata, fissata per il 19 agosto alle ore 19.00.

Partenza Piazza Carmine – Arrivo Piazza Castello.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI