Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

WWF: PARTE IL PROGETTO "BULB BOX"

bulb_box

Inaugurato il progetto Bulb box, nato dalla collaborazione di  IKEA, WWF Italia e dal consorzio RAEE Ecolight. Nei 18 punti vendita dell'IKEA sarà possibile ritirare – e poi riconsegnare – questa Bulb box, una scatola dove raccogliere le lampadine a risparmio energetico non più funzionanti per poi avviarle alle pratiche di corretto riciclo e recupero che saranno, appunto, gestite dal consozio Ecolight.

Oltre a promuovere la pratica virtuosa dello smaltimento dei rifiuti, l'operazione ha due vantaggi immediati: per ogni scatola riconsegnata, l’IKEA devolverà un euro in favore dei progetti di conservazione del WWF e un buono per l'acquisto di una confezione di tre lampadine a basso consumo ai clienti in possesso dell'IKEA Family.

“L’obiettivo è raccogliere almeno la metà delle scatole che sono in distribuzione – precisa Riccardo Giordano, environmental manager di IKEA Italia – che significa, riciclare oltre 100mila lampadine evitando così la dispersione nell’ambiente di una quota significativa di sostanze inquinanti pericolose come mercurio e polveri fluorescenti, ma anche permettendo il recupero di quasi 7 tonnellate di vetro”. 

Come spiega Giancarlo Dezio, direttore generale di Ecolight, il corretto smaltimento di queste lampadine – che secondo normativa sono classificate come rifiuti speciali – “permette non solamente di smaltire le componenti inquinanti, ma anche di recuperare vetro che viene riutilizzato, per esempio, nella creazione di oggetti in vetro, nuove lampadine, ma anche piastrelle. L’anno scorso, in Italia, sono state raccolte più di 900 tonnellate tra lampadine a risparmio energetico e neon. Nei soli primi sei mesi di quest’anno, la raccolta sta raggiungendo le 1.400 tonnellate, facendo così presagire almeno un raddoppio rispetto al 2009”.

Il WWF ricorda che “ormai siamo in piena fase di transizione nell’uso delle vecchie lampadine a incandescenza in virtù della normativa europea che ha sancito la progressiva messa al bando delle vecchie lampade a incandescenza: già oggi sono fuori mercato quelle con potenza da 100 e da 75 watt, entro il 2011 toccherà a quelle 60W e da settembre 2012 tutte le altre di inferiore  potenza. L’Unione Europea, attraverso l’eliminazione delle lampade inefficienti, conta nel 2020 di arrivare a risparmiare, nel solo settore domestico, circa 39 miliardi di kWh all’anno (rispetto ai consumi stimati per quella data) e questo eviterà l’emissione di oltre 15 milioni di tonnellate di CO2”.

Commenti 

 
#3 ... 2010-09-25 17:38
bisogna vedere se il comune sà dell En 13432. ultimamente le normative le leggono da fax.
Segnala all'amministratore
 
 
#2 sabio 2010-09-24 18:50
E per la normativa comunitaria EN 13432 il comune cosa fa? Siamo arrivati al 2011.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 Beppe Cacciapaglia 2010-09-24 12:30
Bellissima iniziativa.
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI