Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

STORICO "SORPASSO" DEL SOLARE SUL NUCLEARE

energia_rinnovabile

Mentre l’Italia continua ad interessarsi al nucleare come panacea per l’autosufficienza energetica,  dalla statunitense “Duke University” arriva uno studio che, avvalendosi di tecniche di comparazione su costi e produzioni, sancisce lo “storico sorpasso” dell’energia solare su quella nucleare.

Secondo il rapporto (http://www.ncwarn.org/?p=2290) siglato da John Blackburn, docente di economia, produrre energia solare costa solo 16 centesimi di dollaro a kilowattora. Una convenienza che stride con l’incremento (da 2 a 10 miliardi) dei finanziamenti per la gestione delle centrali nucleari registrato nel 2010. 

solare_nucleare

A conferma della tesi statunitense, si aggiunge lo studio “Investimenti all’estero in energie rinnovabili e ruolo delle politiche pubbliche”, realizzato dallo IEFE (l’Istituto di economia e politica dell’energia e dell’ambiente dell’Università Bocconi) in collaborazione con Ernst &Young.

Nell’analisi condotta dall’Istituto milanese, si dimostra come nel 2009 “gli investimenti mondiali nelle c.d. energie sostenibili hanno raggiunto i 162 miliardi di $, superando per il secondo anno consecutivo i nuovi investimenti nelle energie tradizionali”.

La crescita ha interessato principalmente la produzione di energia elettrica, segnando un più 25% rispetto agli investimenti in impianti alimentati da energia convenzionale.

“La quota maggiore degli investimenti – analizza nel dettaglio il report dello IEFE – nella realizzazione di nuovi progetti riguarda gli impianti eolici per la produzione di energia elettrica (67,3 miliardi di $, pari al 43% degli investimenti in energie sostenibili nel 2009), seguita dagli impianti solari (24,3 miliardi di $, cioè il18% del totale), gli impianti a biomasse e biogas per produzione di elettricità e calore (10,8 miliardi di $ e una quota del 9% sul totale) e i biocarburanti (6,9 miliardi di $, circa il 6% degli investimenti totali)”.

Un dato che dovrebbe far riflettere è la localizzazione delle aziende che producono energia rinnovabile – e iniziano ad assecondare il fenomeno dell’internazionalizzazione degli investimenti. L’80% è concentrato nel Nord Italia, a fronte del 5% del nostro meridione.

Commenti 

 
#1 alessandro de robertis 2010-09-29 21:08
Abbiamo per puro caso citato lo stesso articolo di John Blackburn quasi in contemporanea (voi avete il dono di essere istantanei, noi dobbiamo attendere i tempi della stampa), io lo cito in un articolo in uscita sul prossimo numero di carta canta. Credo che sull'argomento sia davvero interessante far partire uno scambio di opinioni.
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI