Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

GIORNATA PER LA PREVENZIONE DEL DIABETE

diabete

Era presente anche a Conversano questa mattina, in piazza Aldo Moro, una postazione in cui alcuni medici e infermieri a disposizione dei cittadini hanno misurato il livello della glicemia di quanti hanno voluto sottoporsi al prelievo di una goccia di sangue.

diabete_2L’iniziativa, nell’ambito della “Giornata mondiale del diabete” prevede non solo uno screening della popolazione, ma anche una campagna informativa per la prevenzione di questa malattia. I dati sono infatti allarmanti: più 280 mila persone nel mondo sono colpite da diabete mellito e il numero è destinato a crescere. Si calcola che nel 2025, se non sarà effettuata una prevenzione efficace, saranno 380 milioni le persone nel mondo affette da questa patologia.

Per prevenirlo occorre effettuare il test e misurare la glicemia, adottare uno stile di vita sano e attivo, seguire una alimentazione corretta. Un italiano su dieci è diabetico oppure non sa di esserlo, in quanto questa malattia non presenta sintomi evidenti, se non nelle forme più gravi. È importante sapere che con questa malattia è possibile condurre una vita normale, prestando alcune piccole attenzioni. Riportare la glicemia alla norma quanto più precocemente possibile dopo la diagnosi di diabete è quanto mai necessario per la prevenzione di complicanze microvascolari e cardiovascolari, neuropatia ecc. Tuttavia, una volta iniziate le semplici cure e seguendo una dieta specifica, è possibile, anzi necessario, fare attività fisica.

Il diabete purtroppo si sta diffondendo tra i giovani e i bambini, in particolare in presenza di altre patologie quali l’obesità. Negli ultimi dieci anni l’insorgenza registrata di diabete di tipo 2, che di solito colpisce gli adulti, ha superato quella del diabete di tipo 1 tra gli scolari della scuola media. Per questo, soprattutto negli USA, patria dell’obesità, si sta cercando di stimolare i ragazzi ad una attività fisica costante e , soprattutto, a seguire una dieta equilibrata, in cui si faccia particolare attenzione alle bibite e ai succhi di frutta eccessivamente zuccherati. Come sempre, però, prevenire è meglio che curare.

Commenti 

 
#4 Sergio Stagnaro 2011-08-26 13:45
La prevenzione del DM tipo 2, oggetto della notizia è "secondaria": se si è fortunati, si fa diagnosi di diabete mellito tipo 2 o 1, ORMAI in atto, magari non ancora noto! Purtroppo, da almeno dieci anni sono insorte le "cosiddette" complicazioni diabetiche, che tali in verità NON sono: nascono PRIMA.
A mio parere una efficace Prevenzione Primaria è possibile a condizione che:

A) sia riconosciuta - auspicabilmente alla nascita - la Costituzione Semeiotico-Biofisico-Quantistica diabetica e il relativo reale rischio, in modo quantitativo.

B) Che tale diagnosi sia posta con un fonendoscopio, cioè senza spesa: sono impensabili indagini "genetiche" su vasta scala. Nessuna apparecchiatura per quanto sofistiata è in grado di riconoscere le condizioni sopra riferite di predisposizione al diabete mellito.

C) che sia la Costituzione diabetica sia il Reale Rischio Congenito siano curabili... e lo sono (chiedere a Google).
Segnala all'amministratore
 
 
#3 Sergio Stagnaro 2010-12-01 13:54
Nel sito della Società Internazionale di Semeiotica Biofisica Quantistica, http://www.sisbq.org, potete leggere, già in rete, le Relazioni del prossimo Convegno Nazionale della SISBQ che si terrà a Riva Trigoso (Genova), sotto gli auspici della Presidenza della Repubblica, nei giorni 19-20 d dicembre 2010.
Certamente le Relazioni saranno considerate rivoluzionarie anche per la Diabetologia: in UN SECONDO si può riconoscere se un individuo è, oppure non è, predisposto al diabete, utlilizzando il Medico un fonendoscopio.
Buona lettura

Sergio Stagnaro MD
Via Erasmo Piaggio 23/8
16039 Riva Trigoso (Genoa) Italy
Founder of Quantum Biophysical Semeiotics
Who's Who in the World (and America)
since 1996 to 2010
Ph 0039-0185-42315
Cell. 3338631439
www.semeioticabiofisica.it

http://club.quotidianonet.ilsole24ore.com/blog/sergio_stagnaro
Segnala all'amministratore
 
 
#2 una precisazione... 2010-11-18 13:06
nel mondo si parla attualmente di 177milioni di persone con diagnosi di diabete!
Segnala all'amministratore
 
 
#1 una precisazione... 2010-11-18 13:05
nell'articolo viene detto che "più di 280 mila persone nel mondo soffrono di diabete..." MAGARI!!!

i numeri viaggiano invece su queste cifre...


Numero di diabetici nel mondo
(di età compresa tra i 20 e i 79 anni)

Asia sud-orientale - 49.0 milioni
Pacifico occidentale - 45.9 milioni
Europa - 32.2 milioni
Nord America - 21.4 milioni
Mediterraneo Orientale e Medio Oriente - 14.2 milioni
Sud e Centro America - 11.3 milioni
Africa - 2.5 milioni

280 mila...forse sono solo i pugliesi!!
per quanto riguarda il corretto stile di vita, questo ovviamente serve a prevenire le conseguenze del diabete, ma non a prevenire il diabete, se parliamo del tipo 1, autoimmune, quello che colpisce più i giovani.

un saluto
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI