Mercoledì 25 Aprile 2018
   
Text Size

RISCHIO INFILTRAZIONI MALAVITOSE NELLE F.E.R.

regione-puglia

Dopo il rischio di impoverire le risorse agricole, le fonti energetiche rinnovabili (FER) ritornano in primo piano per il pericolo di diventare campo d’azione della malavita organizzata. A rendere nota tale preoccupazione la vicepresidente della Regione Puglia, nonché assessore allo Sviluppo economico, Loredana Capone, la quale ha scritto al prefetto di Bari Carlo Schilardi chiedendo di “valutare la possibilità di convocare una apposita riunione con i Prefetti pugliesi e la Regione” per approfondire le iniziative preventive.

 Nella lettera della Capone si chiarisce che il combinato disposto di incentivi nazionali (il cosiddetto “conto energia”) e favorevoli condizioni ambientali ha veicolato in Puglia numerosi investimenti da parte di aziende nazionali e internazionali.

Dunque, stanti “i limiti previsti dalla disciplina vigente ai controlli consentiti agli uffici regionali”, risulta necessario “sviluppare un’attività di collaborazione con le Prefetture pugliesi, al fine di scongiurare ogni possibile fenomeno distorsivo in tali iniziative di impresa”.

 “Finché il governo nazionale – conclude la vicepresidente – distribuirà incentivi così elevati, arrestare l’onda degli interessi è un’impresa titanica e in questo flusso può arrivare insieme con l’imprenditoria onesta anche quella criminale”.

Commenti 

 
#1 falchi&colombe 2011-01-26 12:59
solo a Conversano non si assumono cautele ....prima di tutto un territorio fatto di gente onesta e disenteressata va difeso dalla classe politica con scelte coraggiose e in linea con gli interessi di tutti. pochi sino ad oggi a Conversano e in Consiglio Comunale si battono per la gestione degli impianti a terra. vediamo molto interesse da parte del presidente del consiglio e da alcuni componenti delle opposizioni. non basta alzate la voce, coinvolgete la gente...basta subire Poi Esiste anche la certificazione antimafia...
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI