Venerdì 22 Giugno 2018
   
Text Size

COMITATO RIF, DOMANDA SULLE VOLUMETRIE

riprendiamoci_il_futuro

Nell’incontro con i comitati che lottano per la chiusura della discarica e per il potenziamento della raccolta differenziata del 21 febbraio 2011, il dirigente del servizio rifiuti della Regione Puglia, dott. Campobasso ha affermato chel’ordinanza [n. 1 del 6/08/2010 del presidente della Regione Puglia Schittulli] come l’ha ricostruita l’assessore Barchetti, che è un magistrato, scade il 20 marzo. C’è una comunicazione del dirigente del settore rifiuti della Provincia che il presidente Schittulli in queste ore sta facendo sua. Sta facendo una nota al PM. Noi Regione abbiamo una comunicazione del dirigente della Provincia Latrofa che dice che sviluppando i tempi, l’ordinanza di Schittulli scade il 20 marzo”.

Al di là delle date delle ordinanze, delle lettere e delle comunicazioni, sulle quali sono in corso accertamenti della magistratura, come si può realisticamente credere che il sopralzo di cinquanta centimetri della discarica Martucci possa durare anche sei mesi, da settembre a marzo (e non da agosto a marzo), volendo dare per buone le affermazioni e i metodi della Provincia per la determinazione delle volumetrie?

Facciamo qualche calcolo, con semplicissimi strumenti da scuola media: le quattro operazioni e i pesi specifici.

L’altezza di cinquanta centimetri, su una superficie di circa nove ettari (la superficie del terzo lotto della discarica in contrada Martucci ancora in esercizio), sviluppa il volume di circa 45.000 metri cubi.

Il 10 giugno 2010, a seguito di una richiesta formale dell’Ufficio Ambiente del Comune di Conversano, la Lombardi Ecologia dichiarò un volume residuo in discarica di 34.308 metri cubi prevedendo che si sarebbe esaurito in 60 giorni.

Infatti, il 28 luglio 2010 la Lombardi Ecologia annunciò che i volumi disponibili si sarebbero esauriti intorno al 9-11 agosto. Ogni giorno in discarica vengono smaltiti circa 500 metri cubi di rifiuti. Il volume autorizzato si sarebbe dovuto esaurire dopo circa 90 giorni (intorno al 15 novembre).

È possibile ricavare la media dei volumi scaricati quotidianamente in discarica dalle stesse cifre dichiarate dalla Lombardi. Infatti, dividendo i 34.308 metri cubi per i giorni stessi che la Lombardi dichiarava le sarebbero stati sufficienti a esaurirli, ottengo la media quotidiana di metri cubi giornalieri occupati dai rifiuti (secondo le stesse stime Lombardi),... ovvero 571,8 mc.

In pratica

mc 34.308 : 60 = 571,8 mc

quindi anche più di 500 e quindi i giorni di durata del sopralzo potrebbero essere anche meno di 90.

A pag. 40 dello Studio di Impatto Ambientale che la ditta ha presentato per ottenere la sopraelevazione della discarica di un metro, è scritto che dall’11 agosto al 23 settembre 2010 sono stati smaltiti 21.138 tonnellate. Questo ci dice due cose: 1) che l’11 agosto è la data di riferimento per l’esaurimento dei volumi autorizzati; 2) e ancora una volta che i calcoli che facciamo da circa un anno sono corretti; ogni giorno in discarica vengono smaltiti oltre 500 tonnellate di rifiuti.

Come è possibile, quindi, che i volumi autorizzati il 6 agosto 2010 con la sopraelevazione di 50cm (circa 45.000 metri cubi) si esauriranno tra 30 giorni, il 20 marzo?

Si veda, ancora, ad esempio il sito della Regione: ogni anno (che anche da noi dura 12 mesi!) i 21 comuni dell’ATO BA/5 smaltiscono in discarica oltre 180.000 tonnellate di RSU. Il peso specifico dei rifiuti biostabilizzati è di 0,75 - 0,85 t/mc. Possibile che una volta arrivati in discarica i rifiuti siano così comprimibili?

Se dunque vogliamo sapere quanto volume occupano queste 180.000 tonnellate basta dividerle per il loro peso specifico:

1mc : 0,85 = x : 180.000

x = 180.000 : 0,85

x = 211.765 mc

oppure

X = 180.000 : 0,75

X = 240.000 mc

In pratica, le volumetrie dei rifiuti biostabilizzati in un anno occupano circa dai 211.765 ai 240.000 mc.

Se consideriamo il semestre settembre 2010-febbraio 2011 i metri cubi che i rifiuti biostabilizzati dovrebbero occupare in discarica dovrebbero andare dai 100.000 (per difetto) ai 120.000 mc a fronte di un sopralzo che, invece, di metri cubi ne autorizzerebbe soltanto 45.000! Andrebbe considerato che i rifiuti biostabilizzati pesano un 15% in meno di quelli raccolti per strada. Questo però dovrebbe essere compensato dal terreno che normalmente viene utilizzato per coprire i rifiuti. Forse anche per questo i rifiuti non vengono coperti regolarmente ogni giorno?

L’ultima ordinanza del Presidente della Regione Nichi Vendola, la 95/CD del 24 dicembre 2010, rinviava la chiusura della discarica in contrada Martucci a fine febbraio basandosi su quanto dichiarato dalla Lombardi Ecologia. Leggiamo: “Vista la nota della società Lombardi Ecologia prot. n. 2927 del 15 novembre 2010 con la quale si comunica” che la discarica “possiede volumi disponibili fino a tutto febbraio 2011”, il commissario “ordina… di proseguire l’esercizio provvisorio” della biostabilizzazione e lo smaltimento dei rifiuti in discarica “fino ad esaurimento delle volumetrie autorizzate con la citata Ordinanza del presidente della Provincia di Bari n. 1 del 06.08.2010”.

Ogni giorno in discarica vengono smaltiti circa 500 metri cubi di rifiuti.

Se moltiplichiamo questo valore per il numero di giorni che sono intercorsi dal 15 novembre (vedi il precedente post) ad oggi otteniamo altri 50.000 metri cubi.

 

Comitato Riprendiamoci il futuro

Commenti 

 
#1 falchi & colombe 2011-02-26 20:51
caro comitato abbiate il coraggio di fare il passo successivo se veramente volete tutelare l'ambiente i cittadini il paesaggio e la salute. Tutto quello che dite ha una solida base di verità - portatela e sostenetela anche nelle sedi giudiziarie visto che quello politiche sono prese da altri " interessi "
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI