Giovedì 13 Dicembre 2018
   
Text Size

RIF: L’ENNESIMA BEFFA DELL’ORDINANZA VENDOLA

riprendiamoci_il_futuro

 

Ancora una beffa: l’ultima ordinanza del Commissario

Vendola chiude una discarica vecchia per aprirne una nuova,

contrabbandando il CDR come RSU

 

Il Comitato Riprendiamoci il futuro denuncia l’ennesima beffa ordita ai danni dei cittadini di Conversano e di Mola (e dell’onestà di chi rivendica una gestione dei rifiuti ecosostenibile) con l’ordinanza n. 98 del 18 marzo 2011 del Commissario Delegato per l’emergenza ambientale nella Regione Puglia, Nichi Vendola.

In essa, col pretesto dell’avvio dell’impianto complesso per la produzione di CDR di contrada Martucci, in regime transitorio, si autorizza l’utilizzo della discarica annessa all’impianto (ex secondo lotto della discarica Lombardi Ecologia), non come discarica di servizio/soccorso, funzionale a tale impianto, ma come discarica di tutto il materiale che lavorerà l’impianto (rifiuti biostabilizzati e materiale secco, che invece dovrebbe formare le balle di CDR).

Con impudenza, nell’ordinanza si rinvia ulteriormente di una settimana la chiusura del terzo lotto della discarica Lombardi Ecologia (che l’ultimo stratagemma degli strateghi della gestione dei rifiuti aveva fissato al 19 marzo), per “consentire l’avvio formale e sostanziale dell’intero impianto di trattamento, inclusa la produzione del CDR, con i rifiuti conferiti dal 20 marzo 2011”. In realtà, la produzione di CDR non ci sarà, in quanto, soltanto qualche rigo più avanti, Vendola ordina che siano “conferiti i rifiuti derivanti dal trattamento di raffinazione della frazione secca, utilizzando la linea di produzione CDR, nella discarica di servizio e soccorso”: in pratica i rifiuti subiranno una parvenza di trattamento per la produzione di CDR, ma poi finiranno nella discarica di servizio/soccorso. Tutto questo è fuorilegge: il rifiuto secco con potere calorifico maggiore di 13.000 kJ/kg (altamente infiammabile) non può essere smaltito in una discarica.

Nonostante la completa inutilità del trattamento dei rifiuti deciso da questa ordinanza, i cittadini sborseranno quasi il doppio rispetto a prima: 87,29 euro a tonnellata (costo proposto dalla Società Progetto Ambiente Bacino Bari Cinque che “ha incontrato il consenso dei partecipanti all’incontro” – i Comuni di Conversano e Mola). In questa tariffa non è prevista la partenza del centro di prima raccolta e stoccaggio del materiale proveniente da raccolte differenziate, che non viene neanche contemplato come parte dell’intero impianto di trattamento. Come se tutto ciò non bastasse, l’ordinanza n. 98/2011 ignora deliberatamente che quel che esce da questo ciclo di produzione industriale è un rifiuto speciale che non può essere smaltito in una discarica autorizzata per RSU (come lo è quella di servizio/soccorso), ma deve essere smaltito in un’apposita discarica per rifiuti speciali a spese del gestore, cioè la Progetto Ambiente Bacino Bari 5.

Ci si chiede, inoltre, come abbiano fatto ARPA e ASL di Conversano ad esprimere un parere congruo e approfondito già la mattina del 18 marzo su quanto concordato nella riunione del 16 marzo 2011, alla quale non erano presenti, se la stessa è terminata verso le ore 20, e il 17 marzo, com’è noto, gli uffici pubblici erano chiusi in quanto festa nazionale.

La durata dell’esercizio transitorio dell’impianto complesso è stata fissata per 30 giorni, a partire dal 28 marzo (sic!), “e comunque non oltre la data di aggiudicazione definitiva della gara”. Insomma, ancora una volta, un’ordinanza provvisoria che ha il sapore della beffa definitiva.

L’ordinanza, scritta in modo pedestre, calpesta la trasparenza degli atti amministrativi, contiene contraddizioni, strafalcioni e ancora una volta utilizza l’emergenza per contravvenire agli impegni che Regione, Provincia di Bari e Comuni hanno più volte assunto nei numerosi incontri avuti col Comitato.

In modo chiaro e forte il Comitato Riprendiamoci il futuro chiede:

1. L’immediata correzione dell’ordinanza del Commissario Delegato affinché il CDR (o ciò che potrebbe diventare CDR) non venga smaltito nella discarica di servizio/soccorso.

2. La produzione di CDR (su cui tanto ha puntato il piano regionale dei rifiuti di Vendola) da portare al di fuori degli impianti di contrada Martucci: questo impianto è stato collaudato il 30/04/2010, per cui è capace di produrre CDR, come più volte ribadito dagli uffici regionali.

3. L’inizio immediato delle operazioni di tombatura del terzo lotto della discarica Lombardi Ecologia.

4. La partenza contestuale e immediata del centro di prima raccolta e stoccaggio del materiale proveniente da raccolte differenziate.

5. Un piano di controllo delle attività degli impianti di trattamento dei rifiuti e per la produzione del CDR, che coinvolga il Comitato RIF.

6. L’avvio immediato della raccolta differenziata spinta, a partire dalla frazione umida, in tutti i Comuni dell’ATO BA/5, che sicuramente è di gran lunga più vantaggiosa per le tasche dei contribuenti, che, invece, adesso saranno chiamati a pagare molto di più per la stessa quantità di rifiuti prodotti, per un trattamento che li fa finire ugualmente in discarica (questa sì che sarebbe una bella ordinanza).

7. La risposta alle tante domande da noi fatte negli ultimi mesi sulle quantità di rifiuti scaricati in contrada Martucci, sulle fuoriuscite continue di biogas in corpi esterni alla discarica, sulla continua puzza di rifiuti che si continua a sentire a Mola e Conversano, sul perché tre pozzi su quattro siano risultati inquinati da batteri fecali alcuni mesi fa, ecc. ecc.

Il Comitato Riprendiamoci il futuro, per dar forza alle proprie richieste, ribadire la sua posizione e chiamare alle proprie responsabilità tutti gli enti e portatori di interessi collettivi, decide di presidiare la riunione dell’ATO BA/5 che si terrà in Conversano, lunedi 21 marzo 2011.

 

Al presidente Vendola il Comitato chiede di SMETTERLA DI FIRMARE

ORDINANZE DAL SIGNIFICATO SINISTRO PER L’AMBIENTE.

 

Il responsabile

Leonardo Lorusso

Commenti 

 
#7 gioggio ziotta 2011-03-23 15:42
@p.Berlusconi c'è sempre di peggio...

Il punto è che dobbiamo smetterla di accontentarci del male minore, in barba ai princìpi di una democrazia reale, vissuta sulla pelle, in deroga alle regole... per far vincere una diplomazia, un compromesso che spesso semplicemente impoverisce gli obiettivi stessi.
Segnala all'amministratore
 
 
#6 P. Berlusconi 2011-03-21 20:58
C'è di peggio... c'è chi ha votato PDL e poteva ritrovarsi la centrale ad Avetrana

L'opposizione alla proroga non mi convince se non si trova una soluzione migliore.

Quella della beffa dell'aumento della tariffa mi pare più fondata
Segnala all'amministratore
 
 
#5 Alberto 2011-03-21 15:33
CONVINTO EX SINISTRA DEPLORA LINEA VENDOLA E DICHIARA DA DOMANI DI VOTARE DI PIETRO STOP.
Segnala all'amministratore
 
 
#4 Il pacione 2011-03-21 14:01
Vendola continua a prenderci a rifiuti in faccia e ci toglie la possibilità di curare le ferite in ospedale; in pratica ci sta conducendo al cellino (albero di ulivo che tanti anni significava al camposanto). Un plauso al RIF.
Segnala all'amministratore
 
 
#3 Raffaele Cimaglia 2011-03-21 13:05
NON CI SONO PIU' PAROLE VERGOGNA,VERGOGNA,VERGOGNA,VENDOLA MAI PIU' VENDOLA MAI PIU'
Segnala all'amministratore
 
 
#2 falchi & colmbe 2011-03-21 11:03
Amici e concittadini non vi sembra che sia arrivato il momento di dire basta!
O in questo paese si ristabilisce lo stato di diritto, diritto a tutto: alla salute, al vivere sereni, a vedere il nostro ambiente e territorio rispettato, ma sopratutto sapere che non può essere "un privato" a decidere fino a che punto si deve alzare una discarica; è sempre il privato a parare il "16" quando la incapacità di più amministrazioni sta per sconfinare in responsabilità penali, ecco che si chiude il 3 lotto e si scopre lo scempio ulteriore per l'ambiente e la gente che deve pagare....tutto ruota intorno al denaro. Come può il "privato" stabilire in circa un'ora la nuova tariffa che tutti approvano... Basta vergogna!!!!
Segnala all'amministratore
 
 
#1 eco 2011-03-21 10:56
mandiamo tutto alla magistratura!
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI