Lunedì 20 Agosto 2018
   
Text Size

UN CLIMA INTIMIDATORIO ATTORNO AI RIFIUTI

vendola-conversano

Di fronte alla Commissione bicamerale d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti presieduta da Gaetano Pecorella (Pdl), a inizio mese, il Governatore della Puglia, Nichi Vendola, non ha nascosto la testa sotto terra ma ha descritto con lucidità e sincerità quella che è la situazione attuale della nostra Regione, compreso l’ATO Ba/5.

UN CLIMA INTIMIDATORIO E LA “COINTERESSENZA DELLA POLITICA”

Nichi Vendola ha evidenziato come in Puglia si sia instaurato un rapporto molto forte tra i signori delle discariche e le amministrazioni comunali. Ai tempi di “mani pulite” avremmo parlato di tangenti e corruzione; oggi il Governatore della Puglia definisce con il termine «cointeressenza» i rapporti che vengono ad instaurarsi tra amministrazioni comunali ed imprese proprietarie delle discariche sulla base di appalti che costituiscono «una forma di finanziamento inappropriata della politica».

Ma non solo. Il Governatore ha riferito a chiare lettere che in Puglia «si percepisce un clima di intimidazione e attorno ai rifiuti è difficile costruire una battaglia politica a viso aperto, limpida e pulita, perché c’è un clima che mette paura»

Tuttavia per il momento sarebbe eccessivo parlare di infiltrazioni mafiose, anche se la camorra e la criminalità balcanica seguono con interesse crescente quanto accade in Puglia.

VENDOLA PUNTA IL DITO SULL’ANCI

Sono stati i Comuni, secondo Vendola, nella scorsa legislatura, a bloccare le sanzioni economiche per chi non fa la differenziata: «Per due anni consecutivi ho ceduto all'Anci che, garantendo un impegno diffuso sul territorio, ha chiesto di rinviare questa specie di redde rationem economico-finanziario».  Il che riporta, appunto, al quel rischio di «cointeressenza» tra gli amministratori locali e le aziende che curano la raccolta.

AUTOCRITICA : UN CICLO DEI RIFIUTI INCOMPLETO

La Puglia deve fare i conti con un grande problema; il problema di un ciclo che non si è ancora chiuso: ogni anno finiscono in discarica 1 milione di tonnellate di rifiuti, dei quali circa un terzo non trattate.

Tolti Corigliano e Grottelline, gli impianti previsti dal Piano dei rifiuti sono quasi tutti completati. Tuttavia la differenziata (dato certificato 2009) è ferma al 16%, anche perché non ci sono le strutture per recuperare l’umido: «Se l'umido non si raccoglie - ha spiegato Vendola - è difficile passare dal 15 al 55 per cento pur essendo noi in una progressione di incremento superiore alla media nazionale». E con una buona parte della frazione secca che continua a finire in discarica per mancanza di acquirenti.

Vendola ha anche ribadito il suo sì ai termovalorizzatori: no agli inceneritori-mostro, sì a piccoli impianti «che rendano la termovalorizzazione residuale e non esaustiva».

COSA CI ASPETTA IN FUTURO ?

Il governatore ha annunciato un progetto di legge, ora in dirittura d’arrivo: «Chi fa più raccolta differenziata ha l'ecotassa, chi meno fa la raccolta differenziata più deve pagare». E poi, «un provvedimento di incentivo agli agricoltori per l'uso del compost», perché «se produciamo il compost e poi magari dobbiamo andare a portarlo in discarica, non abbiamo fatto un grande avanzamento».

L’ANATEMA DELL’ASSESSORE REGIONALE, LORENZO NICASTRO.

È assolutamente necessario ridurre le quantità di rifiuti prodotti, quando «il trend è invece drammaticamente espansivo»: in caso contrario «noi difficilmente ce la caveremo, neppure con la raccolta differenziata, che rischia di essere una specie di evocazione taumaturgica».

Alla luce delle pesanti dichiarazioni rilasciate dal Governatore della Puglia, sarà interessante osservare quali saranno le conclusioni ed i provvedimenti che verranno proposti dalla Commissione bicamerale d’inchiesta quando i lavori saranno terminati.

Commenti 

 
#16 Angelo Lorusso 2011-03-26 20:21
eco-balle, ci sono due modi di fare politica.

Uno è sostituirsi alle volontà locali (il tanto temuto centralismo democratico alla sovietica).

L'altro è rispettare i ruoli altrui (la tanto agognata idea autonomista/federalista?). Ma ciò significa un atto di fiducia verso i diritti/doveri. E significa anche attendere i tempi altrui.

Se inserisci tutto ciò in un cambio di direzione con quella che era la situazione innescata prima di 6 anni fa, ti puoi rispondere del perchè certe dinamiche impiegano tempo (che in queste cose DEVE ESSERE dell'ordine degli anni perchè siano fatte con criterio).

Poi se volete semplicemente qualcuno contro cui bestemmiare fate pure. Intanto rimanete tutti sul divano a grattarvi la pancia.
Segnala all'amministratore
 
 
#15 finitura 2011-03-26 15:20
come dice il lumbard: si era fatto o si era fatto fare?
Segnala all'amministratore
 
 
#14 Angelo Lorusso 2011-03-26 02:59
Terron Orsay, sei la ciliegina sulla torta.
Segnala all'amministratore
 
 
#13 LE ECO-BALLE 2011-03-25 23:52
@Angelo Lorusso2: ma ci spieghi perche' Vendola dopo 6 anni di Governo Regionale queste cose le racconta solo ora? Te lo spiego io perchè. Perchè siccome si e' reso conto del suo fallimento politico, non potendo fare mia culpa, non gli rimane altro che addossare le colpe ad altri (all'ANCI, agli amministratori comunali, ai Comuni) Ma mi faccia il piacere.....
Segnala all'amministratore
 
 
#12 Angelo Lorusso2 2011-03-25 18:57
Alberto, non credo purtroppo. Forse un Ente a partecipazione pubblica sarebbe meglio.

@ Mike: finalmente ho l'occasione di dire un paio di cose che mi tengo nel gargarozzo da un po'. Molto abile è stata la conduzione della campagna mediatica che è riuscita nel convogliare le responsabilità in un punto, senza analizzare.

Analizziamo:

RIFIUTI
Contratti firmati da Fitto, di difficile annullamento totale.

Mancanza di sensibilità delle singole amministrazioni nell'implementare servizi di differenziata (se vai sul sito del tetrapack, Conversano ad esempio è l'unica nei dintroni a non poterlo riciclare).

Il rifiuto rimanente dopo la differenziata, se appositamente trattato con le moderne tecnologie, può dare energia praticamente senza polveri sottili e inquinamento (vedi altro articolo e mio commento). Naturalmente è più opportuno distribuire queste macchine nei territori, per permettere alla collettività un loro controllo diretto. Immensi carrozzoni sono di ben più difficile accesso.

Poichè il signore di cui sopra non ha la bacchetta magica, e certe dinamiche richiedono tempi dilatati per essere attuate (soprattutto se in solitudine istituzionale, senza appoggio degli enti locali) vedremo nel medio termine, a rigor dei fatti, chi ne avrà merito e colpa.

SANITA'

è semplicemente ridicolo continuare ad attaccare un Ente locale come la amministrazione regionale per dei tagli operati a livello nazionale.

Per quanto riguarda la vicenda Tedesco, è stato tutto chiarito dagli atti giudiziari e dalla cronaca ancillare credo.
Segnala all'amministratore
 
 
#11 A.Lacandela 2011-03-25 14:38
Ad essere precisi i termovalorizzatori previsti dal piano Fitto erano dieci. Quelli che si è riusciti a fermare li si sono fermati. li altri no.
Segnala all'amministratore
 
 
#10 Terron Orsay 2011-03-25 12:09
[mod]
Fitto è l'origine di molti dei nostri guai, avviatisi in periodi di vacche grasse.
Ora che siamo in crisi volete la salute dall'ospedale ?
Dove sono i fondi che ci nasconde (visto che nel governo conta solo la Lega) ? Son serviti per pagare le multe sulle quote latte degli allevatori del nord ?
Fino a quando pagheremo tasse per i contratti sui derivati firmati perché Palese non sa l'inglese ?

w Masaniello
e le accise sui carburanti del compagno Tvemonti
Segnala all'amministratore
 
 
#9 Alberto 2011-03-25 11:31
I rifiuti, come l'acqua, come "l'aria" devono essere a conduzione pubblica. Forse, forse, migliorerebbe qualche aspetto.
Segnala all'amministratore
 
 
#8 Libera 2011-03-25 11:24
Che le ditte che gestiscono il trattamento dei rifiuti siano spesso colluse con malavitosi e/o ecomafie è tristemente noto:
ve li ricordate i ceffi che venivano mandati da noi a placare i bollenti spiriti ?

Pare strano che oggi abbiano i colletti bianchi?
Segnala all'amministratore
 
 
#7 mike 2011-03-25 10:42
Nella prima campagna elettorale i temi, se ricordate, erano condensati in due NO:
- il primo contro i tre termovalorizzatori pubblici previsti dal piano Fitto;
- il secondo contro il piano di riordino ospedaliero ( sempre di Fitto ).
Oggi Masaniello si dichiara favorevole ai termovalorizzatori (privati) però piccoli!! e per quanto riguarda la sanità..sfacelo completo.La prossima campagna elettorale ( nazionale ) avrà, per tema, altri due No: al nucleare ed alla privatizzazione dell'acqua. Visto il precedente, spero proprio che non vinca più alcuna competizione e si dedichi al teatro, a lui più confacente.
Segnala all'amministratore
 
 
#6 U Ross 2011-03-24 20:43
Chiedete al vostro Silvio
vi risolve il problema in 3gg
come a NA

Segnala all'amministratore
 
 
#5 Angelo Lorusso 2011-03-24 16:23
rabbia rabbia rabbia. Ma basta prendersela con qualcuno e passa tutto.

Meno faticoso che cercare di capire il problema sicuramente.
Segnala all'amministratore
 
 
#4 lasvoltagiusta 2011-03-24 15:21
noto che i commenti alle dichiarazioni di Vendola rilasciate in Commissione bicamerale d'inchiesta, sono solo il pretesto per tentar di nascondere la lunga coda di paglia dei nostri opinionisti improvvisati.
Vendola sostiene che intorno alla vicenda rifiuti c'è un clima "intimidatorio" esercitato dai rappresentanti delle pochissime imprese che operano in tutta la regione in regime di oligopolio, dunque chiedo ai commentatori è vero o non è vero???
vendola dichiara che gli stessi imprenditori esercitano, con loro eletti o uomini di fiducia, pressioni e condizionamenti all'interno delle amministrazioni locali, dunque chiedo ancora ai nostri commentatori è vero o non è vero??? al paese nostro l'uomo di lombardi e i suoi compari da quanti anni sono presenti nelle stanze del palazzo di città???
vendola, dichiara ancora che la regione ha promulgato una legge in materia che poneva gli obiettivi di crescita della raccolta differenziata, ma quella legge senza l'intesa con l'Anci (ass.naz.comuni italiani) non ha potuto prevedere alcuna sanzione per chi non si adeguava, dunque niente sanzioni, niente obiettivi, anzi i comuni e quindi gli ATO hanno fin qui impedito di fatto che si raggiungessero i risultati attesi.
rispetto quest'ultima constatazione, chiedo ancora una volta l'analisi è giusta o no???
tutti i cittadini meridionali (in particolare) di qualunque colore politico, sanno bene che da sempre la monnezza porta con se malaffare, malavita,corruzione e malapolitica...
oppure queste cose le ha inventate Vendola???
Segnala all'amministratore
 
 
#3 senza rancore 2011-03-24 13:34
noto che il mago di terlizzi ha già intrapreso l'attività nel campo del cinema. il ruolo di masaniello gli si addice da gran professionista.auguri per il futuro spero immediato.
Segnala all'amministratore
 
 
#2 Cilluzzo 2011-03-24 11:13
Questo significa arrampicarsi sugli specchi ! E questo per Vendola vale anche per la sanità ? Ma mi faccia il paicere.....se ne vada !
Segnala all'amministratore
 
 
#1 sabio 2011-03-24 07:47
messa tanta carne al fuoco per gli altri. E lui?
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI