Martedì 21 Agosto 2018
   
Text Size

SOLAR DAYS: “DIAMO ALLA LUCE L’ENERGIA”

solar_day_-_leg

Domenica 15 maggio Legambiente Conversano ha aderito alla quarta edizione di “Solar Days”, la campagna nazionale informativa e divulgativa sulle fonti alternative e in particolare sull’energia solare.

Per l’occasione è stato allestito uno stand dove la ditta triestina Paradigma e la Newtion, dei due giovani imprenditori Lorusso Luigi e Perricci Massimiliano, hanno messo a disposizione dei cittadini la propria esperienza nel settore per rispondere ad ogni quesito sull’installazione di pannelli fotovoltaici.

“Ad oggi – spiega il Presidente di Legambiente, Giuseppe Cacciapaglia – il sole è la fonte alternativa più pulita: ha un impatto ambientale nullo poiché non produce né gas serra né scorie inquinanti da smaltire. A questo si aggiunge che, soprattutto nel Mezzogiorno, sarebbe il sistema più efficiente per sganciarsi dalla dipendenza del greggio e dalle oscillazioni del mercato dell’energia, nel completo rispetto dell’ecosistema”.

Ma la “lista dei pro” continua: basterebbe pensare che per ogni kWp (Chilowatt picco) installato, nel corso dell’anno, evita l’immissione di circa 870 chili di CO2 nell’atmosfera.

“In debito conto – prosegue Luigi Lorusso – vanno considerati  gli incentivi statali della durata di venti anni a cui va sommato il risparmio in bolletta per tutto il periodo di vita dell’impianto (che supera i 30 anni). Grazie al Conto Energia, inoltre, è possibile ammortizzare l’investimento in soli 6 anni”.

L’aggiornamento, la sperimentazione e la ricerca sono poi all’ordine del giorno in questo settore in continua evoluzione. L’ultimo gioiello presentato dalla Newtion si chiama NewBox System: “Un sistema – spiega Massimiliano Perricci – che consente di monitorare tramite un SMS le performance dell’impianto: dall’andamento giornaliero al rendimento in euro, fino alla quantità di CO2 evitata. E sempre attraverso un SMS viene prontamente segnalato al cliente qualsiasi tipo di anomalia o malfunzionamento. Non manca anche un’avanguardistica integrazione con elementi di programmazione domotica, utili alla protezione del sistema”.

Commenti 

 
#7 Angelo Lorusso 2011-05-28 14:49
Perchè hai scritto tante righe senza rispondere alle mie domande e trasformando il senso delle mie frasi?

Meglio parlarne in pubblico e di persona. non voglio inquinare queste pagine come fai tu.

p.s.: forse tu certe cose LE SAI. io le studio.
Segnala all'amministratore
 
 
#6 marroneconsumista 2011-05-27 15:55
@rossocomunista (2)
Si certo, per avere informazioni sui metodi di riciclo dovremmo informarci presso gli uffici comunali, non presso università, centri di ricerca etc... (STIAMO FRESCHI!!!!)
I pannelli sono riciclabili, speriamo anche gli amministratori (quasi tutti), altrimenti fra 20 anni altro che problema di riciclo dei pannelli!!!
E poi chi l'ha detto che bisogna riclicare i pannelli fra 20 anni ???? 20 anni è la durata degli incentivi, allora i pannelli avranno una resa media dell' 80% all'attuale, e possono essere usati fino a 100/150 anni.
D'accordissimo sul risparmio energetico, i pannelli dovrebbero essere obbligatori (dove possibile installarli) sia sugli edifici pubblici che quelli privati di nuova costruzione.
In questo modo non servirebbe ricoprire alcuna distesa con pannelli, sarebbe già più che sufficiente per coprire il fabbisogno nazionale di energia (ovviamente quando il sole è "disponibile").
E poi: il rendimento è si del 20%, ma è un confronto errato ed inutile con altre fonti e/o tecnologie.
Fosse anche dell'1%, il sole è gratis, pertanto il costo dell'energia sarebbe 1% di 0 = 0. Fosse anche il rendimento del combustibile all'80%, l'80% del costo del carburante sarà sempre superiore a 0. E poi in vena di improponibili confronti sui rendimenti, sai che il rendimento delle barre di combustibile nucleare è intorno al 2% ? Magari bastasse questo per scoraggiare l'uso del nucleare !!!! A proposito, una centrale nucleare e i suoi residui, sono rifiuti speciali ? Quanto costa smaltirli ? Non è che per caso sono già stati seppelliti nelle ns. vicinanze ? Come tu dici anche i rifiuti di elettronica alcune volte non vengono riciclati correttamente, ma sarebbe tecnicamente possibile farlo. Questo discorso vale per qualsiasi tipo di rifiuto, starebbe a noi e a chi ci governa evitarlo, altrimenti finiremo proprio messi male (altro che la monnezza di Napoli).
Saluti
Segnala all'amministratore
 
 
#5 rossocomunista 2011-05-26 19:24
cito:"
E poi che c'entra il rendimento col costo (diretto ed indiretto) dell'adozione di un sistema, vero parametro." fatti una ricerca di cosa comportò la sostituzione del benzene col piombo nella benzina "verde".. [mod]!!!
Segnala all'amministratore
 
 
#4 rossocomunista 2011-05-26 19:23
@marronecomunista: ribadisco, informati presso il comune di conversano e vedrai che, dopo i vent'anni d' utilizzo, a CONVERSANO i pannelli fotovoltaici diventano rifiuto speciale! come dicevo tra parentesi nel mio intervento. hai ragione TU ma non possiamo mica pensare di ricoprire il territorio e seppure lo facessimo, non basterebbe a soddisfare il fabbisogno. bisogna, ad esempio ciò l' Amm. Com. può farlo, solarizzare(coprire con pannelli fotovoltaici) gl' edifici pubblici per la loro indipendenza energetica, impiegare infissi e vetri "a tenuta" e via discorrendo. NESSUNO ha la soluzione pronta.

@Angelo Lorusso: ma che [mod] credi di sapere solo tu le cose? [mod] vatti ad informare quant'è il RENDIMENTO della conversione fotovoltaica. [mod] tra l' altro, sai come viene "riciclato" 1 pc? fatti 1ricerca e vedi come vengano bruciati a cielo aperto TONNELLATE di spazzatura elettronica nell' Africa nera... altroché. speciale non vorrà dire di certo tossico per NOI... [mod] vendoliane non ne vogliamo sentire più!
Segnala all'amministratore
 
 
#3 marroneconsumista 2011-05-26 18:04
@rossoconsumista
Si certo, a fine vita utile, i pannelli diventano un rifiuto speciale, nel senso che non vanno conferiti in discarica ma RICICLATI AL 100%
Invece vorrei sapere ... a fine vita utile, una centrale a combustibile, o nucleare, che tipo di rifiuto è ?????
Segnala all'amministratore
 
 
#2 Angelo Lorusso 2011-05-26 15:59
il 20% rispetto a che? hai sparato un numero a caso, senza sapere cosa vuol dire.
Sai quant'è il rendimento della tua auto?
Sai cos'è un rendimento?

E poi che c'entra il rendimento col costo (diretto ed indiretto) dell'adozione di un sistema, vero parametro.

P.s. Rifiuti speciali non vuol dire tossici. Il silicio si riutilizza.

20 anni è il tempo calcolato di sfruttamento commerciale. Come lo sono tre anni per un pc. Tu cambi un pc ogni tre anni? I pannelli sono dichiarati operativi fino ad 80 anni di vita.

ma lascio a voi il resto del piacere

http://lmgtfy.com/?q=smaltimento+pannelli+fotovoltaici
Segnala all'amministratore
 
 
#1 rossocomunista 2011-05-26 11:42
sarebbe "la fine del mondo" se non fosse che dopo il tempo di vita utile, i pannelli divengano un rifiuto SPECIALE(confermato dalla risposta dell' ing. LONGO al quesito postogli dal consigliere A. COPPOLA nell' assise comunale); il rendimento resta per ora dell'ordine del 20%MAX...
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI