Domenica 21 Ottobre 2018
   
Text Size

INTERRAMENTO FERROVIA. LA RIUNIONE IN REGIONE

interramento_ferrovia

Ritorniamo a parlare del progetto di interramento della rete ferroviaria di Conversano, all’indomani di un recente confronto con i vertici regionali.

“Insieme al Sindaco Giuseppe Lovascio – riferisce il Vicesindaco e Assessore ai Lavori Pubblici, avv. Carlo Gungolo – abbiamo incontrato l’Assessore Minervini e, contestualmente, ci siamo confrontati con il suo staff tecnico e con i dirigenti dell’Area Trasporti della Regione Puglia: è stata l’occasione per mostrare le tavole relative allo studio di fattibilità dell’interramento della ferrovia”.

L’incontro segue una precedente riunione in cui, secondo quanto indicato dalla Regione, l’Amministrazione aveva provveduto ad inviare una nota ufficiale per richiedere la convocazione di una conferenza dei servizi, cui parteciperanno l’Ufficio Tecnico di Conversano, il consulente esterno del Comune, l’ing. Vittoriano Bruno, che ha redatto lo studio di fattibilità, i tecnici della Regione e delle Ferrovie Sud-Est. Obiettivo del meeting sarà, appunto, entrare nel merito del progetto con le opportune valutazione tecniche al fine di iniziare, come è auspicabile, la fase operativa.

“Durante questo confronto in Regione – continua l’Assessore – abbiamo anche osservato che l’intervento, del quale abbiamo dimostrato la congrua fattibilità – può trovare copertura all’interno dei fondi del Programma Operativo FESR Puglia 2007-2013: in particolare c’è una cospicua somma che dovrebbe essere spesa dalle Ferrovie Sud-Est per l’ammodernamento e l’efficientamento delle reti ferroviarie”.

È da rilevare che il futuro del nostro nodo ferroviario non è un desiderata di una sola parte politica, bensì un’esigenza ritenuta inderogabile dall’intera Città: “Ci sono pericoli evidenti per la comunità come i passaggi a livello incustoditi all’interno dell’abitato (via Tre Pergole) o i passaggi a livello frapposti ai nuclei scolastici (il Liceo Magistrale e la relativa palestra, il triennio e il biennio del Liceo Scientifico). Un flusso giornaliero e numeroso di ragazzi che ogni giorno attraversano quei binari con tutti i pericoli del caso, che la cronaca più o meno recente ci ha già tristemente reso noti”.

Queste ed altre le argomentazioni che i funzionari dell’Ufficio Tecnico della Regione hanno peso in debita considerazione, tanto da impegnarsi a convocare la richiesta conferenza dei servizi entro dieci giorni.

“Contiamo sulla sinergia – conclude Gungolo – che si deve creare tra i vari Enti preposti per la risoluzione di criticità di tale spessore. Non spendere i fondi FESR per risolvere problemi seri della collettività sarebbe un delitto”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI