Mercoledì 17 Gennaio 2018
   
Text Size

MATURITA’: ECCO I RISULTATI FINALI

maturit

I ragazzi del quinto superiore possono finalmente tirare un sospiro di sollievo. Ebbene si, anche quest’anno sono terminati i fatidici e temutissimi esami di maturità e ora, finalmente, anche i neodiplomati potranno godersi le meritate vacanze. Per loro, infatti, è stato un anno molto faticoso, ricco di preoccupazioni ma anche di tante soddisfazioni.

Dando un’occhiata ai risultati finali, se si prende in considerazione la media nazionale, si può essere abbastanza soddisfatti anche se ci sono stati più voti bassi e meno eccellenze rispetto allo scorso anno.

A detta dei ragazzi è tutta colpa delle prove orali e anche dei commissari esterni che quest’anno non hanno reso la vita facile agli studenti. A pensarla così è, ad esempio, F.P., del Liceo Classico “D. Morea”, che ritiene di non aver preso il massimo dei voti perché “agli orali avevo un’ansia terribile e sono ‘caduto’ su una delle domande trabocchetto dei professori”.

A lamentarsi maggiormente sono comunque i ragazzi del liceo scientifico “Sante Simone” che quest’anno hanno dovuto confrontarsi con una prova di matematica molto difficile, secondo molti, “la più difficile dell’ultimo decennio”. Concorde con questa tesi è A.R. che crede che i suoi esami siano stati “condizionati particolarmente da questa prova, poiché non sono riuscita a finirla, essendomi soffermati troppo sui primi quesiti che erano impossibili da risolvere”.

Anche gli studenti dell’Istituto Socio – Pedagogico hanno trovato molte difficoltà quest’anno, B.C., ad esempio, da la colpa principalmente al cosiddetto “quizzone”, la terza prova con quesiti su più materie. “Mi ha confuso la mente – dice B. – per la sua complessità e per la sua ambiguità”.

Ad aggiudicarsi il “premio” come scuola con più eccellenze e con più lodi è stato il Liceo Scientifico che può vantare ben ventidue eccellenze, di cui sette che si sono guadagnati la lode. Segue il Liceo Classico con le sue 20 eccellenze e 3 lodi. Meno positivo, invece, il risultato dell’Istituto Magistrale che ha registrato 9 eccellenze e una sola lode. Un solo cento, invece, si è registrato nell’Istituto Professionale “De Lilla”.

Nel complesso, come detto, non è un risultato negativo. Soprattutto se si pensa a ciò che ha imposto il decreto Gelmini che stabilisce che, per il conseguimento della lode, sia necessario aver conseguito, negli ultimi tre anni di studi, almeno la media dell’otto. Il decreto, inoltre, prevede una sostanziale diminuzione del premio economico previsto per chi consegue la lode. Dai  mille euro dello scorso anno, si è passati a 650 euro. Un decreto che i ragazzi trovano discutibile non solo per la riduzione del premio economico, ma anche per il risultato complessivo da conseguire, a detta dei ragazzi quasi impossibile da raggiungere, visto che non è semplice ottenere la media dell’8 per tre anni di seguito.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI