Martedì 11 Dicembre 2018
   
Text Size

UNA NUOVA POSTAZIONE PER RaccOlio

raccolio-3

Il servizio per la raccolta e il riciclo dell’olio da cucina, incluso nel progetto “Conversano Zero Rifiuti” promosso dall’Ufficio Ambiente, si implementa di un nuovo punto di raccolta.

raccolio-4

Difatti, oltre alla postazione attrezzata nei pressi della Scuola Elementare in via Accolti Gil – operativa il primo e il terzo venerdì di ogni mese, dalle ore 9 alle ore 13 –, è stato recentemente installato in via Castellana un contenitore permanente, dotato di apposito indice che segnala il livello progressivo di riempimento. A spazio esaurito, basterà contattare il numero verde 800.999.531 e il gestore del servizio - la SI.E.CO - provvederà allo svuotamento.

 

Come già ricordato,  la diffusa cattiva abitudine di smaltire impropriamente l’olio – magari gettandolo direttamente nel nostro lavandino – comporta un enorme aggravio dell’inquinamento dell’ecosistema. Un piccolo esempio: un litro di olio immesso direttamente in falda rende non potabile circa un milione di litri di acqua, ossia la quantità media consumata da una persona nell’arco di quattordici anni. Tra l’altro, l’olio complica la funzionalità dei depuratori che tutelano la salubrità dei nostri mari.

Commenti 

 
#7 Tony 2011-08-10 18:37
L'olio vegetale viene raccolto ( di solito senza oneri apparenti per i comuni)da ditte che lo vendono ( con l'intermediazione di RACCOLIO )perchè venga bruciato in impianti per produzione di energia elettrica a tariffa incentivata. Questo è il business finale!
Segnala all'amministratore
 
 
#6 Beppe 2011-08-10 08:08
La ritengo un'iniziativa molto positiva, alle Istituzioni spetta organizzare e proporre, al cittadino che ama l'ambiente spetta il resto.
Segnala all'amministratore
 
 
#5 Mr. Ecologo 2011-08-08 10:10
@danilo
non è che si vuole distruggere "ogni cosa", il problema rifiuti "in toto", solidi, liquidied anche gassosi, va affrontato in modo serio ed organico. Queste iniziative estemporanee non sono altro che specchietti per allodole, così qualcuno vuol far credere che si fa qualcosa per l'ambiente. Ma come si può credere che qualcuno vada a controllare un bidone abbandonato chissà dove, poi l'ufficio ambiente dovrà tenere del personale disponibile per controllare il bidone ? e quanto costerà (a noi tutti) quindi mantenere questo bidone ? e poi credi che i conversanesi andranno a piedi a svuotare un po di olio nel bidone ? Se qualcuno ci andrà lo farà in auto: consumi, parcheggio, inquinamento ecc... RIPETO: BISOGNA AFFRONTARE IL PROBLEMA IN MODO SERIO ED ORGANICO !!!!! UNO O PIU' CENTRI DI RACCOLTA PER I RIFIUTI DIFFERENZIATI, SOLIDI O LIQUIDI CHE SIANO!!! Se ci saranno queste proposte serie, credibili, attuabili e fruibili senza troppi problemi dalla cittadinanza, ci sarà un futuro migliore, altrimenti ...
Segnala all'amministratore
 
 
#4 Tony 2011-08-07 16:18
Non è che poi i soliti furbetti considereranno l'olio tra la raccolta differenziata dei rifiuti ( solidi!) urbani ?
Segnala all'amministratore
 
 
#3 danilo 2011-08-06 15:31
il numero è gratis e poi l'ufficio ambiente sicuramente manderà qualcuno a controllare!! perché dovete distruggere ogni cosa che si fa anche quando è utile?!
e poi l'olio non lo porti in discarica!! non c'entra niente con il CDR o la TARSU!!
Segnala all'amministratore
 
 
#2 Gianvito F. 2011-08-06 12:12
Ottimo! Va adeguatamente sensibilizzata la cittadinanza però, a partire dai bimbi di scuola elementare...
Segnala all'amministratore
 
 
#1 Mr. ecologo 2011-08-06 10:42
un bidone di qua, un bidone di la, bidoni per tutti!!!!! Va realizzato un centro di raccolta (o più centri) dove TUTTI possono portare TUTTO !!!! Andando in ordine sparso non si va da nessuna Parte !!!!! Cosa sono questi bidoni sparsi in giro senza criterio ????? POi la speranza che ci sia un'anima pia che va controllare l'indicatore e telefona !!!!! Con tutti i soldi che BUTTIAMO per la TARSU !!!!! Con l'affare CDR (vedere articolo precedennte)!!!!!!!!!!!! Svegliatevi !!!!!!!!!!!!
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI