Domenica 24 Giugno 2018
   
Text Size

AMIANTO E CAMPANE, BONIFICATO IL SEMINARIO

amianto-conversano

Sono quasi conclusi i lavori di bonifica del tetto del Seminario vescovile. Come segnalato in precedenti articoli, si trattava di circa 200 metri quadrati coperti da lastre di eternit, molte delle quali erano seriamente danneggiate o, comunque, presentavano segni di corrosione. Situazione preoccupante in considerazione della vicinanza del Seminario ad una delle zone – tra complessi scolastici e Largo della Corte – a maggior concentrazione antropica.

Altra bonifica, questa volta estetico-sonara, ha riguardato la rimozione delle sei campane che, fino a qualche mese fa, fiancheggiavano l’orologio posto sulla facciata principale e scandivano con ‘deciso vigore’ le ore del giorno. A disporne lo smantellamento è stata la Sovrintendenza che, evidentemente, non le ha ritenute confacenti e integrate con la struttura artistico-architettonica del palazzo.

Solo un dubbio: se si fosse chiesto un parere preventivo all’installazione, gli oboli dei fedeli non avrebbero trovato più utile destinazione?

Commenti 

 
#15 Anello Alnaso 2011-09-18 08:26
Si è posta tanta attenzione sullo svellimento delle antipatiche campane e poca sui tanti metri quadri dell'eternit che copriva tutta la struttura, disperdendo asbesto per tutto il salotto di città. Dobbiamo dire grazie al cielo che l'8 giugno - grandinata- ha distrutto il tetto "giustizia Divina" che ha IMPOSTO LA SOSTITUZIONE del malefico minerale.
Segnala all'amministratore
 
 
#14 T. Bertone 2011-09-17 08:34
Solidarietà al sacerdote.

Ma i suoi capi romani hanno alzato il prezzo per girare il capo dall'altra parte quando succedono certe cose:
www.ilfattoquotidiano.it/2011/09/16/%E2%80%9Cil-crocifisso-di-b-sui-seni-della-minetti%E2%80%9D/157825/
Segnala all'amministratore
 
 
#13 Gianvito F. 2011-09-16 17:38
A parte che non mi chiamo Gianfranco, ma mi spiace farle notare che non sto con la vecchia giunta comunale e quindi le sue illazioni tali rimangono. Non vedo chi dovrebbe macchinare alle spalle della Chiesa, che è uno dei poteri italiani, dato che non paga ICI ed ha mille privilegi.

La verità è che quelle campane fanno schifo quanto fa schifo la breccia nella torre dodecagonale, i cavi in via Porta Antica ed il traliccio di Telenorba. Stop.

Il fatto che una cosa non sia in progetto non vuol dire che rovina quel progetto. Quelle campane lo rovinavano, erano un pugno nell'occhio. E comunque, mi spiace comunicarle che il loro suono non era così apprezzato: nel Liceo Classico il frastuono proveniente dai Paolotti non permetteva lo svolgimento delle lezioni per cinque minuti. Dubito che un rumore così forte possa essere piacevole.
Segnala all'amministratore
 
 
#12 Sante Simone 2011-09-16 17:26
e l'orologio del palazzo comunale, fermo da qualche giorno, e muto da qualche mese perché dava fastidio a qualcuno ...
Segnala all'amministratore
 
 
#11 un sacerdote 2011-09-16 14:03
Continuare a leggere certi commenti mi convinco sempre più della macchinazione politica ch' c'è dietro. Soprattutto perchè una delle campane fu donata dalla vecchia giunta comunale! Ma chi scrive tali cose non tiene conto del valore che esse rappresentano. Caro Gianfranco, dietro quella richiesta so bene che ci sono le solite cordate. Ma ormai avete vinto! Siete stati più compatti. Mi piacerebbe che ora la stessa battaglia la facessi per altre cose abusive che ci sono in città e da tanti più anni e che non piacciono a nessuno. Le campane piacevano a molti: forse non ricordi il bagno di folla alla presenza del Vescovo, dell'abate, delle auorità e di tanti conversanesi e non solo. Ad ogni modo: avete vinto! Ora ti ricordo che anche la torre dell'orologio non era nel progetto originale neoclassico di Sante Simone, come anche quella struttura credo in cemento che è stata aggiunta. Se siete coerenti, andate fino in fondo: smantellate anche quelle. Noi vi concediamo ancora vittorie su vittorie: abbiamo da occuparci di anime, non di campane. Solo, però, ci teniamo fortemente a quello che esse rappresentano. Benefattori compresi.
Segnala all'amministratore
 
 
#10 Gianvito F. 2011-09-16 12:08
Evvviva, evviva! Finalmente la facciata neoclassica progettata da Sante Simone torna all'antico splendore, senza quei campanacci esteticamente impattanti.

@ sig. Sacerdote: lei mi sembra un po' eccessivo. Io non sono religioso e non ho nessuna querelle politica verso la chiesa dei Paolotti, ma quelle campane le reputavo un pugno nell'occhio e ne volevo la rimozione. Tutto il discorso religioso lo vedo un po'fuoriluogo, ma tant'è.

Circa la questione Fax-Traliccio, non posso fare a meno che quotare...
Segnala all'amministratore
 
 
#9 un sacerdote 2011-09-15 16:56
Peccato. Sei campane benedette sono state eliminate. Quando si mette mano a ciò che appartiene al Signore si tratta di profanazione. Danno fastidio le campane che annunciano suoni divini e invitano alla preghiera. Non danno fastidi i tanti segni di abusivismo e di inquinamento che nascondono interessi personali. Al suono di quelle campane i conversanesi sentivano l'arrivo del giorno, gli studenti scandivano le ore scolastiche, i seminaristi ricordavano la chiamata misteriosa di Dio. Evidentemente si preferiscono i rumori, il chiasso... con facilità si rimuovono i bronzi divini come se fossero amianto, esplosivo,spazzatura. In altri tempi ci si guardava bene dal mettere le mani sulle cose sacre. Oggi tutto è cambiato! Ma noi sappiamo chi c'è dietro tutto questo: la sovrintendenza non arriva a smantellare così repentimamente se non c'è qualcuno dell'arena locale che ha suonato le trombe per una questione politica personale lasciata in sospeso da un po' di tempo. Quelle campane sono dedicate alla Trinità e ai Santi. Sono il frutto di sacrifici di persone e sacerdoti che hanno offerto i loro contributi in forma di ex voto. Ma si sa, qualcuno è più interessato alle apparenze che alle intenzioni. Da prete non conservo rancore per nessuno: se volete portate via tutto, oltre al mantello, anche la tunica. Ma non potrete portar via la preghiera, il canto del cuore, l'offerta della nostra vita, anche per voi, che vi siete armati con spade e bastoni. Il Signore vi benedica e ad ogni tocco di campana possa toccarvi il cuore
Segnala all'amministratore
 
 
#8 Alleluia 2011-09-15 14:49
Ma questi signori che gestiscono patrimoni così preziosi in nome del bene della Comunità, pagano le tasse tipo l'ICI su questi beni come fanno tutti i cittadini onesti di questa Comunità?
Segnala all'amministratore
 
 
#7 CONFINANTI TRALICCIO 2011-09-15 11:16
CARA REDAZIONE, PERCHè NON RECUPERATE DALLA BIBLIOTECA COMUNALE IL NUMERO DI FAX DOVE SI ATTACCAVA FEROCEMENTE LA SCELTA DI APPORRE LE CAMPANE SUL CONVITTO? POI METTETE A CONFRONTO LE PAROLE SPESE PER LA QUESTIONE TRALICCIO SEMPRE DIFESO A spada TRATTA. EPPURE MESSE A CONFRONTO SONO DUE BRUTTURE IMPARAGONABILI, SENZA AGGIUNGERE CHE PER IL TRALICCIO C'è ANCHE IL PERICOLO DI CROLLO.... ALMENO FINO A QUANDO NON SI DIMOSTRI IL CONTRARIO
Segnala all'amministratore
 
 
#6 Circolo La Corte 2011-09-15 00:01
la sovrintendenza scorda pure i buchi alla torre dodecagonale ...
Segnala all'amministratore
 
 
#5 Confinanti Traliccio 2011-09-14 12:39
www.facebook.com/confinantitraliccionorbaconversano
ADESSO CHE LO "SCEMPIO" (MA QUANDO MAI!) DELLE CAMPANE è RISOLTO, PASSIAMO A DEMOLIRE I CAMPANILI! I CONVERSANESI ORMAI SONO CIECHI, MA LA SOPRINTENDENZA, DOVE CAVOLO HA GLI OCCHI PER NON VEDERE LA TRAVE DEL TRALICCIO E BADA ALLA PAGLIUZZA DELLE CAMPANE?
Segnala all'amministratore
 
 
#4 Straguadambio 2011-09-12 14:09
io non ho contribuito, e guardo regolamente Gad Lerner tutti i lunedì
Segnala all'amministratore
 
 
#3 gianco 2011-09-11 18:29
ma il comune ha contribuito?
Segnala all'amministratore
 
 
#2 Paolino 2011-09-11 09:55
Spesso i soldi dei fedeli fanno una brutta fine, come in questo caso. Sono i tecnici che rastrellano più di quanto speso per opere e "omissioni".
Segnala all'amministratore
 
 
#1 Kruskamus 2011-09-11 08:29
Mo ora non funziona più nemmeno l'orologio, o sbaglio?
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI