Martedì 11 Dicembre 2018
   
Text Size

INFERNO A ROMA: FOTO DAL NOSTRO INVIATO

manifestazione-roma-corteo

L’indignatos Day Italiano si è trasformato ben presto in guerriglia urbana nella città di Roma.  Black block scatenati. Vetrine rotte,  auto in fiamme, petardi e molotov

ROMA – dal nostro inviato de La Voce del Paese, Giovanni Petrosillo

Sabato 15 ottobre, ore 18.30. Al telefono de La Voce del Paese risponde Giovanni Petrosillo. Pure lui, come tanti, ha dovuto lasciare la capitale per paura. “Stiamo andando via, è impossibile stare qui” – risponde trafelato Petrosillo, con la voce spezzata da chi ha corso chilometri magari per evitare qualche pietra o oggetti in volo. Uscire dalla mischia e dagli scontri tra black block e forze dell’ordine, violenze che rischiano di vanificare il lavoro e le proteste sacrosante dei pacifisti. (continua in basso alla galleria fotografica).

Il nostro inviato Petrosillo racconta l’inferno nella capitale appena trova un attimo di pace in pullman, per inviarci le prime immagini: “Il corteo di protesta che ha portato ieri a Roma più di due milioni di italiani indignati provenienti da tutte le Regioni, per rivendicare il loro diritto al futuro e chiedere che il debito nazionale italiano e la crisi economica mondiale non siano un peso per le giovani generazioni.

Il corteo è partito da Piazza della Repubblica per concludersi a Piazza San Giovanni, ben presto si è trasformata in una guerriglia creata dai black-block, presenti in circa 500 unità, infiltrati nel corteo, che  hanno distrutto le vetrate delle filiali degli istituti di credito e anche alcuni negozi che trovavano lungo il loro tragitto. Sono state danneggiate due stazioni di servizio carburanti, una filiale della Manpower è andata distrutta quasi completamente, alcune autovetture incendiate (fra cui tre Suv), incendiati alcuni cassonetti dei rifiuti che sono stati buttati in mezzo alla strada e incendiati in modo preordinato.

La distruzione è iniziata quando il corteo era giunto in via Cavour, dove è stata mandata in frantumi la vetrata della filiale della cassa di risparmio di Rimini e due autovetture parcheggiate a qualche metro (un Suv Audi e Mercedes). A questo punto si è creato un clima di paura, e insicurezza che è proseguito in via Labicana, dove è stata distrutta una vetrata di un ex deposito militare, alcune macchine, e le vetrate di un ufficio postale, e due stazioni di servizio carburanti. In modo abbastanza strano e disordinato il corteo è giunto in Piazza San Giovanni, dove purtroppo si è avuto lo scontro fra le camionette della Guardia di Finanza e Polizia, che fronteggiavano i black-block e alcune centinaia di giovani che cercavano lo scontro lanciando i petardi.

In pochi muniti si è creata una vera guerra con i militari delle forze dell’ordine che cercavano di riportare l’ordine, con fumogeni e lacrimogeni e idranti, in questi scontri violenti ci sono stati a quanto pare sino ad ora almeno 70 feriti, fra cui sembrano esserci tre giovani in gravi condizioni, di cui uno in pericolo di vita essendo stato investito da una camionetta in movimento. Negli stessi momenti è andata distrutta una camionetta della polizia.”

Petrosillo ricorda l’incubo del G8 di Genova. Inevitabile il ricordo: “un assurdo anniversario che rimanda il ricordo a dieci anni fa."

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI