Venerdì 22 Giugno 2018
   
Text Size

'DOTARE IL DISTRETTO DI UNA SEDE UNICA'

distretto-sanitario-conversano-monopoli-polignano-asl-ba

 

 

Occorre dare al nostro distretto sociosanitario (Conversano-Monopoli-Polignano) una sede fisica unica e efficiente. Questa è la prima delle proposte contenute nel documento (clicca qui presentazione e documento) illustrato dai partiti dell’opposizione di Conversano.

“Dotare il distretto di una sede unica di tutti gli uffici distrettuali e di tutti i servizi amministrativi e di base (solo ad es.: farmacia distrettuale, ufficio vaccinazioni, anagrafe assistiti, esenzione ticket, ecc…), che sia localizzata a Conversano, dove peraltro – si legge ancora nel documento – è stato individuato il suolo su cui edificare, è già stato acquisito il nulla osta rispetto ai vincoli paesaggistici, è già stata sottoscritta apposita convenzione tra Comune e ASL, e la ASL ha già sviluppato la progettazione definitiva dell’immobile, per un importo stimato di circa 6,5 milioni di euro, oltre le attrezzature, fino a un totale di 11 milioni di euro”.

Il documento stila un elenco dei servizi e delle strutture da localizzare nella sede nuova del distretto:

la direzione del Distretto (strutturarotunno-bonasora-lacandela-laricchiuta-preti complessa);

direzione della Struttura Cure primarie e intermedie; coordinamento delle Cure Domiciliari;

tutte le strutture semplici che afferiscono alla Direzione del Distretto;

Struttura Semplice Direzione Amministrativa;

Struttura Semplice Assistenza Consultoriale;

tutte le strutture semplici che afferiscono alla Direzione della Struttura Complessa Cure Primarie e Intermedie;

la Unità di Valutazione Multidimensionale;

la Porta Unica di Accesso;

l’URP del Distretto;

la sede del Centro di Salute mentale di riferimento distrettuale;

la sede del SERT di riferimento distrettuale; la sede territoriale del Dipartimento di Prevenzione (Ufficio Vaccinazioni e Dispensario di Igiene Sociale);

sede del centro di riabilitazione del Distretto”.

 

I VANTAGGI – La proposta, unitamente alle altre (fare dell’ospedale Iaia un centro Polifunzionale di Terzo Livello), sembra rivendicare maggiore centralità del ruolo di Conversano nel distretto sociosanitario, rispetto a Monopoli. Una guerra tra le due città che si consuma da diverso tempo per contendere servizi e personale ospedaliero.

I proponenti sono convinti che “una struttura unica recherà immediati vantaggi non solo in termini di visibilità del ruolo e delle funzioni del Distretto, ma anche in termini di maggiore accessibilità dei servizi al cittadino e di risparmio netto sui costi fissi di gestione connessi all’affitto delle innumerevoli sedi sparse per le città di Conversano e di Monopoli, che ospitano i diversi servizi”. 

VEDI ANCHE PRESENTAZIONE DOCUMENTO E PROPOSTA

Commenti 

 
#2 La CRISI 2011-11-14 20:36
IN TEMPI DI CRISI E RIDUZIONE di servizi QUESTI pensano a spendere Milionate distribuiti in appalti di EDILIZIA.....e io PAGO!!
Segnala all'amministratore
 
 
#1 Beppe Cacciapaglia 2011-11-14 07:00
Sono sconcertato dal fatto che con una megastruttura come quella dello Jaja, che in gran parte resterà inutilizzata, si pensi ad infierire, ancora, in una zona del territorio conversanese già aspramente compromessa. Potremmo investire parte di quell'enorme cifra in una bella pineta che, in quell'area, ci starebbe proprio bene. Cemento.. cemento.. cemento.. sprechi.. sprechi.. sprechi..
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI