Domenica 22 Aprile 2018
   
Text Size

VENDOLA: BASTA CON I RAGGIRI!

ospedale-manif2

Il Comitato permanente per la tutela della salute ribadisce il concetto: la salute è un diritto per tutti!

Per questo sabato 26 Novembre ha aggregato numerosi cittadini in Piazza XX Settembre e ha richiamato l’attenzione dei Conversanesi sulla situazione allarmante dell’Ospedale F.Jaia.

Esilarante è stato il video di Striscia la notizia che documenta l’inaugurazione del reparto di Radiologia nel 2009. Un video che non si sofferma solo su quel reparto ma ne visita altri come quello dove è stata inaugurata la TAC di ultima generazione mai messa in funzione.

A Novembre 2009 il governatore Niki Vendola ha portato come cavallo di battaglia contro Fitto la campagna di riqualifica dell’area sanitaria pugliese compresa quella di Conversano che era ridotta in condizioni di degrado.

Ha di fatto inaugurare un nuovo pronto soccorso di eccellenza, il rinnovo di reparti di Ginecologia, Radiologia, così via con servizi annessi. Ora il degrado ce lo porta lui chiudendoli e lasciando i macchinari nuovi a rovinarsi, senza esser utilizzati.

Sembra che il governatore stia facendo marcia indietro rispetto a quanto detto nel 2009.

In Puglia il tasso ospedaliero è il più alto in Italia e la qualifica dell’area sanitaria era fondamentale. Il Comitato permanente per la tutela della salute rivendica il diritto all’assistenza sanitaria che deve essere pubblica. I cittadini non vogliono privatizzazioni.

Alla voce di protesta del Comitato si è aggiunta quella del sindaco Giuseppe Lovascio intenzionato a proseguire con azioni legali poiché gli atti presi dal governatore non sono comprensibili e non poggiano su un progetto preciso, vanno a danno della cittadina.

I Conversanesi e gli utenti cui l’Ospedale offre assistenza sanitaria non vogliono più essere raggirati; essi chiedono ‘Fatti’ non parole. Loro chiedono che vengano rimossi incarichi affidati a gente non competente e dice “Basta allo spreco di denaro pubblico!”.

Il paradosso, come dimostra il video di Striscia la notizia, è che dal 2009 sono stati spesi milioni per l’acquisto di macchinari e la rimessa a nuovo di reparti non messi in funzione. Sono stati spesi 3.500.000 € per una sala operatoria che non funziona dove tutto è accatastato. Il reparto di rianimazione è nuovo, per realizzarlo sono stati spesi ben 2.000.000 € in aggiunta ai 300.000 spesi per i reparti di Ginecologia e Geriatria e mai in funzione.

Il dott. Giuseppe Stama parla di deficit di risorse che spinge la Regione a chiudere i reparti e a ridurre il personale ma gli utenti non possono rimanere senza cure. L’Ospedale F.Jaia offre assistenza sanitaria ad un’area non circoscritta a Conversano, che comprende anche paesi come Rutigliano, Polignano: alle manifestazioni scorse hanno partecipato utenti dai paesi limitrofi per protestare.

Il Comitato è portavoce del malessere degli utenti colpiti da tagli senza criteri. Non si conoscono i progetti futuri e se queste sono le premesse la protesterà continuerà.

Il Comitato è pronto ad alzare il livello della protesta perché la gente è stanca di subire. La salute non fa distinzioni politiche, riguarda tutti. Se Vendola non incontrerà la cittadinanza entro sabato prossimo, la protesta potrebbe arrivare a Bari.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI