Mercoledì 17 Gennaio 2018
   
Text Size

"Comitato Casalnuovo", arriva la proposta di incontrare il Prefetto

casalnuovo

Riceviamo e Pubblichiamo la proposta pubblica di incontrare il Prefetto di Bari, dott. Mario Tafaro, avanzata dal portavoce del Comitato "Casalnuovo, un quartiere da vivere", Rocco De Benedectis.

L'esigenza di rivolgersi alle autorità sovraordinate nasce dall'assenza di risposte da parte dell'Amministrazione comunale in merito alle numerose problematiche rappresentate dagli abitanti dello storico quartiere conversanese in una serie di assemblee pubbliche. E, ancor più, dalla titubanza nel prendere in considerazioni le soluzioni avanzate dal Comitato per incrementare la mobilità e la sicurezza del Casalnuovo.

______________    ______________

 

PROPOSTA PUBBLICA

OGGETTO: INCONTRO PUBBLICO CON IL PREFETTO DI BARI

Ad oggi nessuna risposta è giunta dai nostri amministratori in ordine alle molteplici richieste discusse nelle assemblee pubbliche tenutesi da aprile 2011 a dicembre 2011.

Abbiamo più volte ribadito la richiesta di un'attenzione particolare ai temi legati alla vivibilità e alle caratteristiche storiche del quartiere Casalnuovo.

Interventi richiesti per migliorare la qualità complessiva della vita del quartiere:

− Mobilità e sicurezza nel Quartiere Casalnuovo;

− Zona a Traffico Limitato (ZTL);

− Inquinamento acustico, igiene ;

− Interventi di sistemazione delle basole;

− Parcheggi riservati per i residenti del quartiere Casalnuovo;

− Limitatori di velocità in via Matteotti e in via Rosselli.

Poter dialogare con la cittadinanza, confrontarsi al fine di varare provvedimenti utili al miglioramento del vivere quotidiano, crediamo debba essere una priorità oltre ad una grande opportunità per una Amministrazione Pubblica.

Venuta a mancare questa condizione basilare, rivolgerci al rappresentante Istituzionale che tutela l'ordine e la sicurezza nel Territorio, il Prefetto di Bari dott. Mario TAFARO potrebbe servire a far conoscere un lato importante della vita di Conversano, molto spesso trascurato ed ignorato dalle Istituzioni.

Vi chiedo cortesemente di esprimere un vostro parere sull'argomento.

 

Rocco De Benedictis

Commenti 

 
#3 Gianvito F. 2012-02-19 15:34
Quoto col sangue le parole di La_rive_gauche. Il centro storico è maltrattato in primis da parte dei residenti!
Segnala all'amministratore
 
 
#2 La_rive_gauche 2012-02-17 12:11
Mi domando quanti automobilisti sfrecciano per le vie del casalnuovo per andare da una zona all'altra della città. Tempo che la risposta sia scontata: nessuno! Allora il vero problema sono proprio coloro che lo abitano. Così come quei residenti del centro storico che abitualmente, ormai, depositano il pattume di casa nei cestini dei rifiuti da passeggio (e quando colmi per terra) sul Largo della Corte, proprio sotto la residenza del Vescovo, in bella vista per turisti e avventori vari. E nessuno che interviene: ne i vigili, ne le telecamere (antivandalismo) e nemmeno i numerosi amministratori che quotidianamente li sfiorano passandogli affianco. E poi: raccolta differenziata, decoro pubblico, porta a porta, discarica, inceneritore... Tutte ca**te sulla bocca di ignoranti e menefreghisti!
Segnala all'amministratore
 
 
#1 Ettore 2012-02-17 10:40
Credo che i limitatori di velocità vadano impiantati su più strade e non solo quelle perimetrali al Casalnuovo, non "campanilizziamo"!
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI