Venerdì 22 Giugno 2018
   
Text Size

Abili nell’abitare. Contributi e finanziamenti per l’autonomia

domos-abili- nell-abitare- main

Promuovere l’autonomia delle persone con disabilità o che hanno subíto un grave trauma è uno dei target del secondo convegno DOMOS, svoltosi martedì 28 febbraio a Conversano, dal titolo “Abili nell’abitare. Contributi e finanziamenti per l’autonomia”.

All’incontro hanno partecipato Vincenzo Gigantelli (Dirigente Asl distretto di Conversano, Polignano a mare, Monopoli), Franca Tarulli (Dirigente Ufficio di Piano Conversano, Polignano a mare e Monopoli), Maria Ventura (Medico fisiatra e responsabile assistenza protesica Asl di Bari D.S.S. n.5), Nikla Resta (assistente sociale Inail di Monopoli) e l’avv. Francesco Magistà (presidente associazione Con Loro).

Alessandro De Robertis, responsabile del progetto DOMOS, ha moderato il convegno avente l’obiettivo di illustrare le possibilità di ottenere contributi e finanziamenti validi per migliorare la vita degli utenti in casa propria. L’autonomia si realizza anche con l’uso delle tecnologie, ausili e con l’abbattimento delle barriere architettoniche. Con una mappatura dei bisogni reali e concreti delle singole persone nel quotidiano, i responsabili e ricercatori della domotica hanno ricavato informazioni tese a valutare le loro con lo scopo di renderle flessibili.

gigantelliI ricercatori hanno realizzato un kit domotico, tastabile con mano dagli utenti e che possa aiutare loro e le loro famiglie a compiere un primo passo nella conquista di una maggiore autonomia in casa propria. In questa direzione anche la Asl è desiderosa di rendersi compartecipe, sul territorio, come ha spiegato Vincenzo Gigantelli (nella foto), nel percorso di autonomizzazione degli utenti, ma, allo stesso tempo, è interessata che non ci sia l’uso sbagliato o meramente commerciale delle risorse e delle tecnologie. La Asl è impegnata, inoltre, a dare una risposta alle esigenze degli utenti e delle loro famiglie e mira a contrastare l’uso non appropriato degli ausili e lo sperpero delle risorse economiche laddove sono razionate.

Di un progetto condiviso e integrato tra enti, sanità e famiglie degli utenti ha parlato anche la dott.ssa Maria Ventura che ha evidenziato la cattiva gestione dei bisogni dell’utente e l’inadeguatezza nella valutazione dell’ausilio che è indispensabile come parte costruttiva del progetto riabilitativo. È importante, come ribadisce la dott.ssa Ventura, che siano forniti ausili adatti alle esigenze del paziente e non bisogni indotti.

restaOltre al recupero di autonomia delle persone con disabilità, si è parlato anche della ricostruzione dell’autonomia di chi ha subíto un incidente, anche sul lavoro. Su questo aspetto è intervenuta la dott.ssa Nikla Resta (nella foto), che ha evidenziato il compito dell’INAIL nella tutela globale del lavoratore per quanto riguarda gli infortuni sul lavoro e ha sottolineato come l’INAIL abbia messo sul campo azioni finalizzate alla riabilitazione individuale dell’utente, supportandolo nel reinserimento nell’ambiente familiare, sociale e lavorativo e assistendolo nel recupero psico-fisico.

Nel progetto di autonomia degli utenti disabili e traumatizzati è intervenuto, infine, l’avv. Francesco Magistà, perché tutti gli impegni, finalizzati a migliorarne l’autonomia, non possono non considerare le esigenze di avere spazi di vita fruibili e la garanzia di servizi e informazioni che consentano agli utenti di autogestirsi. Preme, quindi, secondo l’avv. Magistà, l’elaborazione di norme che garantiscano un implemento della vita qualitativa dell’utente e che si controlli la credibilità dei fornitori di ausili tecnologici.

L’amministrazione comunale a Conversano, in merito a questo, ha incrementato, come sostiene Franca Tarulli (Dirigente Ufficio di piano), le sue risorse ed vuol essere vicina agli utenti con sportelli di consulenza che consentano la conoscenza reale dei problemi delle persone, per garantire specifici servizi, anche, mettendo a disposizione tecnici specializzati e agevolazioni per le famiglie nelle spese.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI