Martedì 16 Ottobre 2018
   
Text Size

Avis. Giornata donazione del sangue. Parla Lillo Frangiamore

Frangimore-Lillo-vice-presidente-Avis

In occasione della giornata straordinaria per la donazione del sangue, che si terrà domenica 18 marzo, Lillo Frangiamore (nella foto in alto), vice presidente amministrativo AVIS di Conversano, ci ha concesso un’intervista per delucidare il motivo per cui l’associazione sta promuovendo, spesso, giornate per la raccolta del sangue.


In cosa consistono e che funzione hanno per la cittadinanza le giornate straordinarie di donazione del sangue?

"Le giornate straordinarie sono di routine, per consentire ai donatori, che non possono andare in settimana, di donare nei giorni liberi da lavoro. Sono abbastanza gradite e c’è una buona presenza dai 20 ai 40 donatori. Quest’anno ne abbiamo fatte sei con scadenza bimestrale, proprio per consentire ai vari donatori di farlo spesso. Quest’anno le giornate straordinarie sono servite ancor di più, perché il centro trasfusionale di Conversano sta funzionando a singhiozzo, solo un giorno alla settimana e, quindi, queste giornate sono importanti per la raccolta del sangue".

 

Come mai il centro trasfusionale funziona solo un giorno alla settimana?

"Per carenza di medici. Noi abbiamo chiesto il ripristino dell’attività di tre giorni almeno, con l’inclusione del sabato (giornata propizia per molti donatori, che per motivi di lavoro non possono donare il sangue durante gli altri giorni). Purtroppo queste richieste cadono nel vuoto.


Perché secondo voi non c’è adeguato ascolto alle vostre istanze?

"Per motivi organizzativi dei medici. Il centro trasfusionale è collegato a quello di Monopoli e c’è carenza di personale medico e tecnico. Questa decisione non è stata accolta favorevolmente da noi, perché vediamo disperdere quello che abbiamo seminato in questi vent’anni".


La giornata straordinaria di raccolta del sangue di domenica vuol essere, quindi, straordinaria per questo motivo?

"No, le giornate sono straordinarie per permettere ai donatori di partecipare alla raccolta del sangue anche in giorni non di apertura del centro trasfusionale. Questo vien fatto da sempre dall’associazione AVIS di Conversano. Non è, quindi, una cosa eccezionale. Il 29 Aprile ci sarà, infatti, un’altra giornata di donazione domenicale con l’autoemoteca per poter donare in luoghi pubblici".


Vuole aggiungere qualcosa?

"Dispiace che il centro trasfusionale non operi in piena funzionalità per consentire ai donatori di svolgere questo atto così importante. A metà giugno festeggeremo i venti anni di attività dell’associazione AVIS di Conversano e speriamo che, con la riorganizzazione dell’ospedale Florenzo Jaia, il centro trasfusionale riprenda la sua normale attività".

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI