Lunedì 23 Aprile 2018
   
Text Size

Ambiente e salute. I medici italiani scrivono al Ministro Clini

ministro clini

 

Al Ministro dell’Ambiente, Dr. Corrado Clini

25 Aprile 2012

 

Spett.le Ministro, Caro Collega

da Medici avvertiamo l'esigenza di esprimere serie perplessità e dissenso per alcune posizioni da Lei assunte nello svolgimento delle Sue funzioni Ministeriali. Le Sue dichiarazioni in favore della produzione di energia elettrica da centrali nucleari, la Sua posizione (più volte ribadita) a favore dell'incenerimento dei rifiuti, i recenti cospicui finanziamenti offerti per promuovere la combustione di biomasse in alcune regioni meridionali e, in ultimo, la Sua proposta di legge sulla combustione di rifiuti nei cementifici, rendono opportuno ricordarLe che numerose evidenze scientifiche nazionali ed internazionali hanno dimostrato che tutte le pratiche sino ad ora citate causano danni all'ambiente ed alla salute umana.

Riteniamo opportuno ricordarLe l'articolo 5 del codice deontologico dei Medici: “Il medico è tenuto a considerare l’ambiente nel quale l’uomo vive e lavora quale determinante più importante della salute dei cittadini. A tale fine il medico è tenuto a promuovere una cultura civile per l’utilizzo appropriato delle risorse naturali anche allo scopo di salvaguardare l’utilizzo stesso da parte delle future generazioni”.

Anche qualora Lei non riconosca valide le evidenze scientifiche sino ad ora prodotte sulla nocività di centrali nucleari, inceneritori, impianti a biomasse e cementifici con o senza co-combustione di rifiuti, riteniamo opportuno ricordarLe la necessità del rispetto del principio di precauzione, citato nell’articolo 191 del trattato sul funzionamento dell’Unione Europea. Esso afferma che ove vi siano minacce di danno serio o irreversibile, l’assenza di certezze scientifiche non deve essere usata come ragione per impedire che si adottino misure di prevenzione della degradazione ambientale.

La realtà, per fortuna composta da numerosi esempi nazionali ed internazionali costruiti nel rispetto della sostenibilità ambientale, ha dimostrato che esistono alternative valide all'energia nucleare (come il nostro Paese ha democraticamente scelto), all'incenerimento dei rifiuti e alla combustione di biomasse. Crediamo che compito principale del Ministero dal Lei diretto sia la tutela del bene comune e il perseguimento di un futuro sostenibile, nel rispetto del principio di precauzione.

Scriveva Lorenzo Tomatis, medico come Lei e noi, per anni Direttore della IARC: "Quando si parla di prevenzione del cancro, tutti pensano alla cosiddetta diagnosi precoce, ma c'è una prevenzione che si può fare a monte, cercando non di limitare i danni della malattia diagnosticandola al più presto, quanto piuttosto di evitare l'insorgere del cancro, impedendo l'esposizione alle sostanze che lo provocano. La PREVENZIONE PRIMARIA si occupa proprio di questo: fare ricerca sulle sostanze naturali o sintetiche per capire quali sono cancerogene e, una volta individuate, suggerire alle autorità sanitarie delle misure di salute pubblica per toglierle dalla circolazione. Si tratta di una strategia che protegge tutti - il ricco come il povero - ma purtroppo è bistrattata da scienziati, politici e autorità sanitarie".

Tutti siamo responsabili dell'ambiente. I medici lo sono due volte.

Da quanto sopra, riteniamo che Lei, da cittadino, Medico e Ministro, lo sia tre volte.

Cordiali saluti

Dr. Agostino Di Ciaula – internista ospedaliero – Modugno (BA)
Dr.ssa Patrizia Gentilini – oncoematologa - Forlì
Prof. Onofrio Caputi Iambrenghi – Chirurgo Generale - Università degli Studi di Bari
Dr. Gustavo Mazzi – Servizio Immunotrasfusionale USL 11 - Pordenone
Dr. Antonio Faggioli – Bologna - Libero docente in Igiene Univ. di Bologna
Dr. Manrico Guerra – Parma
Dr. Giovanni Vantaggi – Gubbio - Consigliere Comunale
Dr. Giovanni Invernizzi - Sondrio
Dr. Edi Cudicio – Medico dello Sport - Torreano (UD)
Dr.ssa Cecilia Castellani – Pisa – Ginecologo
Dr. Giuseppe Miserotti – Ordine dei Medici di Piacenza
Dr. Giuseppe Palazzo – odontoiatra - Foggia
Dr. Matteo Zuccarino – Apricena (FG)
Dr. Tonino D’Angelo – San Severo
Dr. Ferdinando Laghi – internista ospedaliero - Castrovillari
Dr. Gian Luca Garetti – Firenze
Dr. Maurizio Portaluri – Medico Nucleare - Brindisi
Dr. Giovanni Scimenes – San Severo
Dr. Gaetano Rivezzi – pediatra – Caserta
Dr. Giorgio Siro Carniello – Direttore Dip.Medico Specialistico Riabilitativo, Pordenone
Dr. Giovanni Bianco – Foggia
Dr.ssa Rosa pedale – Foggia
Dr. Cosimo Scatigna – Ceglie Messapica (BR)
Dr. Massimo Milandri – Forlì
Dr. Matteo Marolla - Torremaggiore (FG)
Dr. Gianluca Vasumi – Forlì
Dr. Prisco Piscitelli - Istituto Scientifico Euro Mediterraneo, Brindisi
Dr. Nicola Delli Quadri – S.C. area staff Direzione Strategica- Pordenone
Dr.ssa Daniela Valpiani – Gastroenterologa - Forlì
Dr.ssa Marina Risi – SIPNEI – Roma
Dr. Gaetano Filipponio - Castiglion Fiorentino ( Arezzo )
Dr.ssa Ilaria Gemo – NPI - Università di Pisa
Dr. Paolo Franceschi – pneumologo ospedaliero Savona
Dr. Mario Frusi – Cuneo
Dr. Carlo Capone – Parma
Dr. Giovanni Zanardi – Parma
Dr.ssa Maria Cirelli – Parma
Dr. Fabio Paterniti – Parma
Dr. Franco Galanti – Medico Ospedaliero – Pordenone
Dr.ssa Cesira Pollici - Treviso
Dr. Adriano Cattaneo – Trieste
Dr.ssa Annalena Saletti – Pediatra di Libera Scelta - Meldola
Dr. Lucio Sibilia– Università “La Sapienza” - Roma
Dr.ssa Giuseppina Abbate – Palermo
Dr.ssa Anna Cira Galassi – Apricena (FG)
Dr. Salvatore Biancofiore - Apricena (FG)
Dr. Costanzo Ricco - Apricena (FG)
Dr. Luigi Costanzo – Frattamaggiore
Dr. Cosimo Scatigna – Brindisi
Dr. Felice Vitullo – Lanciano
Dr. Gianfranco Porcile - Genova
Dr. Dino Leonetti – oncologo – Andria
Dr. Eugenio Bonomo, - Melilli - Ordine dei Medici di Siracusa
Dr. Sergio Conti Nibali – Messina - pediatra ACP
Dr.ssa Oriana Cortellino –Medico Nucleare - Barletta
Dr.ssa Maria Lucrezia Altieri – Barletta
Dr. Giuseppe Dipaola - Coordinatore TSRM - Consigliere Provinciale BT
Dr. Roberto Alberto De Blasi – Prof. Ass. Anestesiologia – Univ. "La Sapienza" - Roma
Dr. Paolo Basevi – Medicina Interna – Parma
Dr. Fabrizio Cramarossa – Psichiatra – Modugno
Dr.ssa Anna Maria Virgili – Roma
Dr. Simone Hardt – Cuneo
Dr. Dario Bossi – Trieste
Dr. Mario C. Canciani – Pneumologo Pediatra – Udine
Dr. Gennaro Di Giovannantonio – Venezia
Dr. Lino Del Pup - Professore di ginecologia e ostetricia - Università di Udine
Dr. Antonio Marin - Roveredo in Piano (PN)
Dr. Fabrizio Bonfigli - Trieste
Dr.ssa Danila Rosetti - Medico Medicina Generale Forlì
Dr.ssa Patrizia Pecollo – Alba
Dr. Eugenio Bonomo Medico legale, Gastroenterologo - Melilli (SR)
Dr. Nino Imbrici – Neurochirurgo – Canosa di Puglia
Dr.ssa Lorena Pattera
Dr.ssa Annalisa Cotugno – Messina
Dr.ssa Angela Pinto – Pneumologa ospedaliera – Bisceglie
Dr. Roberto Santi – Chiavari
Dr.ssa Patrizia Bortolotto - Trieste
Prof. Mariano Cherubini - II f. Univ. Trieste, Spec. in Chirurgia e Urologia
Dr. Stefano Schierano - Trieste
Dr.ssa Teresa La Notte – Gastroenterologa ospedaliera – Bisceglie
Dr.ssa Annamaria Giuffreda – Vieste (FG)
Dr. Marco Calgaro – Novara
Dr. Alessandro Franchello – Chirurgo Generale e Toracico - Torino

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI