Mercoledì 17 Gennaio 2018
   
Text Size

Dimensionamento Scolastico. Verso la revoca?

banchi-scuola

La Sentenza della Corte Costituzionale n.147/2012 depositata il 7 giugno 2012 ha abrogato il c. 4 dell'art. 19 della Legge 111/11 con cui si disponeva la creazione di istituti comprensivi contenenti non meno di 1000 alunni. Non solo. La stessa, su ricorso anche della Regione Puglia, dichiara l'illegittimità delle verticalizzazioni delle scuole dell'infanzia, primaria e di 1° grado e pertanto sancisce l’illegittimità dell’operato dell’USR Puglia nella determinazione del piano regionale di razionalizzazione della rete scolastica.

Per questi motivi, i sindacati FLC CGIL Bari, CISL SCUOLA Bari, UIL Scuola Bari, SNALS CONF SAL Bari, chiedono unitariamente in una nota inviata al Presidente Nichi Vendola, al Capo dipartimento dell’istruzione dott.essa Lucrezia Stellacci, al Vice Direttore Generale Ruggiero Francavilla ed ai Sindaci della Provincia di Bari, di:

  revocare la D.G.R. n. 125 del 25 gennaio 2012 avente ad oggetto "Piano Regionale di dimensionamento della rete delle istituzioni scolastiche e di programmazione dell'offerta formativa per l'anno scolastico 2012-2013";

  rivedere immediatamente il proprio piano di dimensionamento della rete scolastica , avvalendosi in autotutela della sentenza della Corte costituzionale n. 147/2012;

  revocare ogni ulteriore atto amministrativo non compatibile con la suddetta sentenza ed il ripristino dello status quo ante.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI