Martedì 16 Gennaio 2018
   
Text Size

Bando raccolta rifiuti, Riprendiamoci il Futuro intervista l'ing. Longo

longo-francesco

Il Comitato Riprendiamoci il Futuro ha realizzato una videointervista al Direttore dell'Ufficio Ambiente, ing. Francesco Longo, in cui si approfondiscono le motivazioni che hanno determinato, lo scorso 12 luglio, la sospensione per un periodo di 60 giorni della gara per l'aggiudicazione del servizio di raccolta dei rifiuti.

Tale decisione deriva dall'incertezza del quadro normativo disegnato dal cosiddetto Decreto Liberalizzazioni, che incide anche sulla gestione dei servizi pubblici locali a rilevanza economica.

Un decreto, trasformato in legge il 24 marzo 2012, che ancora oggi stenta a trovare una via di definizione:"Mancavano e mancano − dichiara Longo ai rappresentanti di RIF − il regolamento di attuazione del Decreto Liberalizzazioni, che doveva disciplinare in maniera puntuale la delibera quadro, e manca la legge regionale, che doveva disciplinare i servizi pubblici locali".

In questo scenario "è subentrato il parere della Corte dei Conti pugliese in risposta ad una richiesta del comune di Noicattaro in cui si chiedeva se, nelle more della definizione del quadro normativo, fosse possibile procedere ad indizione di gara per la gestione dei rifiuti".

La risposta, depositata il 31 maggio, lascia poche perplessità: gli enti locali devono conformarsi alla nuova disciplina in materia di servizi pubblici locali, in riferimento alla prima stesura del decreto − quella concepita dal ministro Tremonti il 13 agosto 2011. In assenza di delibera quadro approvata dall'Autorità garante della concorrenza e del mercato (AGCM), la gara ipoteticamente indetta sarebbe da ritenersi nulla ed esporrebbe il comune a ricorsi da parte delle ditte partecipanti.

L'auspicio è che nei prossimi 60 giorni la normativa si cristallizzi. Nel frattempo, l'Ufficio Ambiente si è comunque messo a lavoro per trovare una soluzione temporanea, pur dovendo fare i conti con una dotazione tecnica e umana pensata nel 2002 e, chiaramente, non più esaustiva delle esigenze della città.

Il servizio di raccolta stradale, gestito in proroga dalla Tradeco fino al 31 dicembre 2012, da settembre verrà riorganizzato: "Per rimanere negli stessi costi ma aumentare l'efficienza, l'idea e di utilizzare i circa 500 cassonetti e bidoni che sono distribuiti sul territorio comunale per creare una ventina di 'isole ecologiche'. I contenitori posizionati nelle estreme periferie, spesso ricettacolo di abbandoni, saranno eliminati e questo, insieme ad una maggiore incisività dei controlli, dovrebbe garantire una migliore gestione dei flussi".

Concludendo, tra i concetti più importanti consegnati da questa videointervista c'è sicuramente la necessità che ogni cittadino si responsabilizzi abituandosi alle buone pratiche ambientali. Il sistema porta a porta, come sottolinea Longo, consente di ottenere alte percentuali di differenziata perché obbliga il cittadino ad educarsi; tuttavia se i cittadini avessero già metabolizzato il concetto di differenziazione e riduzione dei rifiuti anche con la raccolta stradale si conseguirebbero risultati soddisfacenti. Ed una buona motivazione, se la tutela dell'ambiente non bastasse, la si trova nel risparmio economico: la previsione di bilancio, elaborata in base all'attuale servizio, parla di circa mezzo milione di euro in più, con una percentuale di raccolta differenziata non superiore al 15%". Soldi che potrebbero essere risparmiati se si riducesse il quantitativo di rifiuto tal quale, smaltito in discarica al costo di 140 euro a tonnellata.

 

Le videointerviste realizzate dal Comitato Riprendiamoci il Futuro

Bando di gara per raccolta differenziata porta a porta RSU - motivi dello stop

Bando di gara raccolta differenziata porta a porta RSU - decreto Liberalizzazioni

Bando di gara raccolta differenziata porta a porta RSU - Che fine fa il progetto Esper?

Bando gara raccolta differenziata porta a porta RSU - Prospettive TarSù, Martucci giù

Commenti 

 
#1 comitato rif 2012-07-25 21:06
vi invio il link sulla situazione
dei Rifiuti interrati - Rientro ristori ambientali
video appena caricato

http://www.youtube.com/watch?v=qQjZ2nhsFu0&list=PL7554944C4E9AB7DC&index=5&feature=plpp_video
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI