Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

SCOPPIA IL CASO CARBURANTI

distributoribenzina
A Conversano scoppia il caso carburanti. L’ultima perviene dal centrosinistra, e precisamente da parte del gruppo consiliare del Pd, che ha indirizzato una interrogazione da discutersi nella prossima assise pubblica.

Gian Luigi Rotunno, Raffaele Piemontese e Vincenzo D’Alessandro hanno protocollato questa mattina una lettera in cui chiedono di iscrivere con urgenza all’ordine del giorno nella prima riunione pubblica e denunciano l’istanza presentata da una società petroliera per la costruzione di una stazione di servizio in via Gobetti, angolo strada provinciale per Putignano.

Una richiesta che, secondo i tre esponenti del ramoscello, potrebbe pregiudicare un’area già vessata sul piano edilizio: la zona in cui si andrebbe a costruire è tipizzata nel vigente Piano Regolatore come zona a verde pubblico. In una nota, i tre scriventi precisano che “l’autorizzazione richiesta comprometterebbe urbanisticamente una zona di per sé priva di servizi di verde pubblico e già soggetta a massicci interventi che ne hanno cambiato, non sempre in meglio, la conformazione e la vivibilità. L’area interessata dall’intervento è l’ultima area disponibile in quella parte estrema del paese e l’unica area che potrebbe consentire alla nostra città, e ad un suo intero e importante quartiere, di non consolidarsi come periferia sprovvista di aree a verde pubblico”

Di qui la preoccupazione, che si intende estesa a tutta la civica amministrazione. L’opportunità di rigettare l’autorizzazione e di riqualificare con progetti al servizio del quartiere circostante (Maristella) sono solo alcuni degli spunti di riflessione offerti dai mittenti della interrogazione, considerando infine che l’installazione di nuovi impianti dovrebbe essere regolata da pubblico bando, come vuole la legge regionale n.2/06, e che gli stessi dovrebbero insistere in aree esterne al perimetro abitativo del comune.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI