Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

CONVERSANO, PASHA' E LO SLOW FOOD

castelloconversanonotte
Sedotti dal gusto, dalla qualità e dalla varietà di una cucina che viaggia per 300 km, ed è capace di rappresentare degnamente ed esaustivamente il migliore dei mondi possibili in materia di territorio, enogastronomia, cultura, tradizione.
C'era la Daunia e c'era il Salento, la Bat e Taranto, il Capoluogo e il Brindisino, in un viaggio alla scoperta di sapori e profumi che solo la Puglia può garantire, quando si parla di buona tavola.
Un vero successo, i Laboratori del Gusto di Slow Food Puglia per Agrimed 2009, salone della promozione agroalimentare delle regioni, organizzato dall'Assessorato alle Risorse Agroalimentari regionale, guidato da Dario Stefàno. Un successo in fatto di numeri, di apprezzamenti, di scoperte sensoriali, che si tradurrà in promozione del territorio pugliese per quanti hanno potuto saggiare le capacità e la verietà di proposte dei produttori e degli esperti pugliesi: come il sottosegretario Antonio Buonfiglio, ospite venerdì del convegno sull'Area di Libero Scambio Euro-mediterraneo, che ha richiesto il biglietto da visita dello chef protagonista del giorno.
Pesce, ortofrutta, formaggi freschi e pasta, sono stati presentati ad un pubblico di visitatori attenti e qualificati da un parterre di esperti; “Pesce di stagione: buon prezzo, gusto e tradizione”, “Azzurro come il mare, azzurro come il pesce”, “E li chiamano “Smoothies” (ma sono frullati)”, “Una bianca magia nostrana: i grandi formaggi freschi dell'arte casearia pugliese”, “Punto e pasta!”, i temi sviluppati da Slow Food Puglia nel corso di Agrimed.
Riconfermato, anche nell'edizione '09 del salone della promozione agroalimentare delle regioni, il successo del light lunch giornaliero, targato Slow Food Puglia, che ha visto l’incontro di vini pugliesi con la cucina tradizionale, propria di ogni provincia. Ai fornelli, chef di primo piano della ristorazione regionale. Tanti gli ospiti istituzionali accolti nello spazio-ristorante “Puglia Terra del Gusto”, tra i quali, oltre al sottosegretario Buonfiglio e al senatore Paolo De Castro, Presidente della Commissione Agricola del Parlamento europeo, la campionessa mondiale di nuoto Alessia Filippi, il nutrizionista Giorgio Calabrese, gli Assessori alle Risorse agricole di alcune regioni italiane e il professore Michele Mirabella.
Una promozione quella di Slow Food Puglia che, come nella migliore tradizione, si è fatta a tavola. Dando modo al territorio pugliese di esprimere appieno le proprie potenzialità valorizzando le specificità enogastronomiche e geografiche, agricole e culturali di ogni provincia. Andrea Conversano per la provincia di Brindisi (Masseria Parco del Castro, Speziale di Fasano), Maria Cicorella per Bari (Pashà, Conversano), Domenico Cilenti per Foggia (Porta di Basso, Peschici), Gigi Perrone per Lecce (Hotel Hilton, Lecce), Michele Rotondo per Taranto (Masseria Petrino, Palagianello) e Antonio Di Nunno per la Bat (Locanda di Nunno, Canosa di Puglia), “sono stati i compagni di viaggio che ci hanno consentito di portare a termine la missione che ci eravamo ancora una volta dati: promuovere il territorio e la cucina di Puglia”, spiega Michele Bruno, Presidente regionale di Slow Food Puglia. “Un obiettivo raggiunto: “Casa Puglia”, così definisco lo spazio-ristorante riservato agli ospiti di Agrimed, offre una panoramica completa di quello che di buono, pulito e giusto può dire la Puglia a tavola”.

Commenti 

 
#1 Iudice 2009-09-23 13:31
io c'ero!
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI