Lunedì 12 Novembre 2018
   
Text Size

CANAPA, LA PIANTA DAI 'MILLE USI'

canapa-conversano

Parte da Conversano il progetto per rilanciare la coltivazione della canapa in Puglia

Si è concluso con un’attiva e ampia partecipazione l’incontro tenutosi nelle sale del castello Sabato 6 Marzo sul tema: “Canapa: come coltivare, valorizzare e diffondere il suo impiego nei vari settori produttivi salvaguardando l’ambiente e le condizioni di vita dell’uomo”. L’incontro, organizzato da Claudio Natile, studente conversanese di 21 anni, è stato presieduto da Michele Castaldo, membro del consiglio direttivo e referente per la regione Campania e Calabria di Assocanapa Coordinamento Nazionale per la Canapicoltura, tra i presenti all’evento l’assessore alle politiche culturali Pasquale Sibilia e l’assessore  all’ambiente Pasquale Loiacono.

L’incontro ha voluto rappresentare un importante appuntamento per agricoltori, imprenditori, liberi professionisti, imprenditori agricoli e agricoltori. Tutti sono stati informati della possibilità di coltivare questa antica pianta e dei benefici che i suoi prodotti possono apportare all’ambiente e all’uomo.

CANAPA MULTIUSO - Claudio Natile, ha voluto più volte ribadire il suo messaggio: “ vorrei che i miei coetanei smettessero di coltivare l’individualismo e cooperassero per realizzare le canapaproprie idee e costruire qualcosa di utile e positivo”. Introducendo la serata, Natile ha mostrato al pubblico (oltre un centinaio di persone, di cui 60 hanno sottoscritto una manifestazione d’interesse) gli svariati utilizzi di questa pianta nel tempo e spiegato i motivi per cui è stata da circa 70 anni abbandonata.

SVILUPPO SOSTENIBILE - Michele Castaldo ha presentato l’associazione Assocanapa e  mostrato, con grande chiarezza, le varie esperienze svolte in Italia e , in ultimo quelle svolte in Campania, soffermandosi sui vari macchinari agricoli adatti a questo tipo di coltura, dalla semina alla raccolta. Inoltre ha evidenziando le possibilità di sviluppo sostenibile che la coltura può offrire con i suoi molteplici prodotti e i benefici offerti soprattutto in campo ambientale, ricordando che tutti i beni di consumo  ottenuti dalla lavorazione della canapa, essendo di origine biologica non presenteranno mai problemi di recupero o di smaltimento quando essi saranno dismessi. Castaldo ha infine voluto descrivere gli ostacoli da superare per l’attivazione della filiera canapa.

IL PROGETTO - L’ass. all’ambiente Loiacono ha apprezzato molto l’evento e si è detto disponibile a seguire, con l’amministrazione comunale, gli sviluppi di questo auspicato progetto: “Voglio esprimere la mia disponibilità e di tutta l’amministrazione comunale nel seguire questo progetto che ha grandi potenzialità nel miglioramento delle condizioni di vita dell’uomo”

Alla fine della relazione l’attivo pubblico ha testimoniato un vivo interesse ponendo a Michele Castaldo molte domande e quesiti che per oltre un'ora hanno reso l’incontro molto attivo e interessante.

canapa3

Commenti 

 
#7 Eugenio 2011-03-28 20:13
Si il cambiamento ci vuole,ognuno di noi ci vuole credere e vuole fare di tutto per ottenerlo,ma non spacciando e diventando cosi' la regione n.1 produttrice di canapa..
Segnala all'amministratore
 
 
#6 giuseppe 2011-03-01 22:17
io sono convinto che il progetto andrà a buon fine, perchè Claudio è preparato, esaustivo e tenace ed è supportato da tanta gente che lo stima.
Segnala all'amministratore
 
 
#5 GIOVANNI83 2010-03-17 19:32
Coltiviamo la CANAPA!!!!
Segnala all'amministratore
 
 
#4 L4c4p4g1r4 2010-03-12 22:19
in effetti la mia ironia da quattro soldi deve inchinarsi a tanta retorica già in tenera età.
Ognuno è libero di rendersi ridicolo anche inconsapevolmente.
Giovanardi non avrebbe saputo far di meglio.
Segnala all'amministratore
 
 
#3 Ilaria 2010-03-12 15:43
evidentemente chi parla di arresto e di Giovanardi non può che essere ignorante in materia..se solo fosse stato presente all'incontro avrebbe capito che il tema a cui si riferisce è ampio e un commento del genere parla da sè..purtroppo se siamo indietro è proprio a causa di persone che scrivono commenti evidentemente RIDICOLI. E anche se il tuo fosse stato un commento ironico...mi dispiace ma non c'è ironia da farsi.
Bisognerebbe solo attingere da chi riesce a sollevare il velo di Maya che offusca questa società.
Segnala all'amministratore
 
 
#2 Ilaria 2010-03-11 18:56
Spero che l'inizio di questo interessante percorso possa evolversi e coinvolgere associazioni,gruppi e soprattutto giovani che come me,come Claudio Natile che ha il merito di aver dato avvio a tutto,credono nelle potenzialità di questa antica pianta e vogliono COOPERARE per raggiungere obiettivi importanti per tutti!!!
SE NOI GIOVANI IN PRIMIS CI UNIAMO E CONDIVIDIAMO PENSIERI ED IDEE..POSSIAMO ESSERE IL MOTORE DI UN CAMBIAMENTO..CHE E' POSSIBILE..SE SOLO CI CREDIAMO!!
Segnala all'amministratore
 
 
#1 L4c4p4g1r4 2010-03-11 15:29
Amici di Morgan, se viene a saperlo l'acutissimo Giovanardi vi fa arrestare tutti e vi fa deportare a San Patrignano con le ambulanze del fratello gemello ;-)
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI