Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

BLOCCATO CENTRO DI PROCREAZIONE ASSISTITA

procreazione-assistita1

Nello scorso consiglio monotematico, oltre ad affrontare il già complesso problema della conciliazione tra residenti ed esercenti per la transitabilità del centro storico, si è avuta l’ennesima doccia fredda: il centro di Procreazione Medicalmente Assistita è stato bloccato dalla Direzione generale dell’Asl di Bari.

Dopo il rinvio da Dicembre – mese nero per la Regione se anche la “chiusura” della discarica fu procrastinata – ad Aprile; il “fiore all’occhiello dell’intera provincia”, “il reparto d’eccellenza” – stanti le definizioni di Vendola e del suo braccio destra Fiore in occasione dell’inaugurazione del Pronto soccorso, dei reparti di radiologia e senologia e della nuova TAC dello “Jaia” – almeno per il momento non partirà.

La motivazione che ha portato, lo scorso 29 marzo, alla revoca della delibera del dicembre 2009, la quale consentiva l’inizio della progettazione del servizio, sembra di natura tecnica: le procedure d’avvio della gara d’appalto sarebbero contrastanti con la normativa vigente sul Riordino della disciplina in materia sanitaria” (decreto legislativo 502/92, artt. 8bis e 8quater).

Ancor prima di poter versare lacrime per non aver avuto nessun rappresentante locale in seno alla giunta regionale, Conversano ha il primo benservito?

Commenti 

 
#2 danielepasquale5@gmail.co 2010-04-20 15:55
La poltitica é anche questo:
per ottenere bisogna avere consistenza!
Ci siamo divisi in mille rivoli affidando il nostro voto al forestiero ...
Chiediamo aiuto quindi ai vari rappresentanti del piddì.
O, in alternativa, chiediamo un pò tutti che Conversano, che pure ha tributato una caterva di voti al buon Nichi, venga rappresentato nella Giunta regionale dal più suffragato dei suoi candidati locali.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 Mario Daniele 2010-04-20 00:58
Rendiamo grazie a Bonasora.....
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI