Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

VICINI AL DOLORE DELLA FAMIGLIA LONGO

greta-longo-gemelli

Il padre dei due gemellini travolti sulle strisce pedonali a Palermo si chiama Francesco Longo, ed è funzionario dell’assessorato all’Ambiente del Comune di Conversano.

Ieri, a Palermo, si sono svolti i funerali di Greta Longo, la bimba di 8 mesi. Il piccolo Samuele, gemellino di Greta, fortunatamente è fuori pericolo.

Quando mercoledì al Comune di Conversano apprendono della morte di Greta, il silenzio è angosciante. Il dolore per la tragedia che ha colpito la famiglia Longo, immenso. Il sindaco Giuseppe Lovascio, il vicesindaco Bugna, funzionari e dipendenti comunali, Mimmo Pace dell'ufficio personale, il consigliere comunale Gungolo, erano tutti a Palazzo di Città quando il telefono ha annunciato il triste epilogo in sala operatoria a Villa Sofia, dove Greta era stata trasportata d’urgenza a seguito del forte trauma cranico.

“Mia figlia sarà sepolta a Bari - ha detto il padre di Greta - Il sindaco di Bari Michele Emiliano ha dato la sua disponibilità ad aiutarci in questo momento terribile.” Al funerale, accanto alla piccola bara bianca, c'è l’inseparabile mucca di peluche. Migliaia di persone hanno atteso Greta all’uscita della chiesa.

Francesco Longo, barese di nascita, ingegnere e funzionario del comune di Conversano, ha 32 anni e un lavoro - come testimonia l’amico assessore alle politiche giovanili di Bari, Fabio Losito - per lui gratificante.

L’ingegnere ha anche ricoperto l’incarico di tecnico della struttura commissariale per i rifiuti della Regione Puglia. Mercoledì 11 aveva preso parte alla conferenza dei capigruppo per discutere su uno dei temi di scottante attualità per Conversano e l’intero bacino del Sud Est: la discarica di Contrada Martucci.

Quando a Palermo si consuma la tragedia, Francesco Longo è in quella riunione; non ha ancora programmato le sue ferie. A Ferragosto avrebbe raggiunto la moglie, con tutta la sua famiglia, per concedersi il meritato riposo. Qualcuno informa l’uomo dell’incidente, forse la moglie. Gli uffici comunali gli prenotano subito un volo Bari-Palermo con scalo a Roma e partenza alle ore 15. Francesco chiama i parenti, loro evitano di entrare nei particolari. In quegli istanti, Greta entra in sala operatoria. I medici fanno il possibile. Nella ricostruzione della dinamica dell'incidente, si scopre che il suo corpicino ha fatto da scudo per Samuele. Qualche ora dopo, alle 14 circa, i medici si arrendono, mentre Francesco Longo è già in partenza per Palermo e al Comune di Conversano sono tutti in ansia, attendono dal papà di Greta notizie incoraggianti.

Intanto, Walter Gregorio, 31 anni e Angelo Ferrante, 43, conducenti della Operl Meriva che dopo aver urtato la Peugeot 206 si è schiantata contro il passeggino gemellare, sono indagati per omicidio colposo.

La redazione di Conversanoweb si unisce al dolore che ha colpito la famiglia Longo.

"Il dolore è troppo grande per regnare in piccoli cuori"

KAHLIL GIBRAN

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI