Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

LA DISCARIA CHIUDE: LO HA DECISO IL TAR

discarica-manifestazione
Il Comune di Conversano ha vinto il ricorso al TAR contro il sopralzo deciso dalla Provincia e contro il decreto del 30 dicembre 2009 col quale Nichi Vendola ha  dato altri 180 giorni di vita alla discarica  privata della Lombardi Ecologia.
Un fatto tanto straordinario quanto inaspettato. Quello che avrebbe dovuto fare il Commissario Vendola e il Presidente Schittulli, l’hanno fatto i giudici amministrativi: la chiusura del terzo lotto e del suo panettone.

Infatti, questa mattina è stata emessa la sentenza con cui il TAR Puglia ha posto fine allo sversamento dei rifiuti in contrada Martucci, creando un vero precedente giurisprudenziale, trattandosi della prima volta in cui un ricorso contro decisioni afferenti gestione rifiuti, decreti commissariali e ordinanze provinciali viene accolto – tra l’altro  in tempi piuttosto rapidi rispetto ai canonici. Avremo modo di entrare nel vivo della sentenza non appena l’avremo nelle mani.

Quali sono gli scenari che si aprono, in parte, lo ha già anticipato l’assessore Lorenzo Nicastro nell’intervista che ci ha rilasciato due giorni fa: i rifiuti dei 21 comuni dell’ATO BA/5 saranno trasferiti fuori bacino.
È facile prevedere un aumento dei costi di smaltimento che, secondo quanto detto da Vendola a Conversano, potranno anche triplicarsi. L’emergenza che, fino a ieri l’Assessore regionale all’Ambiente ha sostenuto non ci fosse, potrebbe far seriamente capolino nel bacino che raggruppa tutti i comuni del Sud-Est barese.

Una situazione difficile e paradossale. Il Bari 5 è l’unico ATO ad aver realizzato gli impianti imposti dal Piano regionale, impianti osannati, di cui la Regione è andata decantando le virtù circa la loro capacità di risolvere in via definitiva il problema dello smaltimento dei rifiuti. Ora questo ATO si trova con una discarica stracolma all’inverosimile, con i “miracolosi” impianti che non funzionano così come dovrebbero, con le imprese titolari della gestione degli stessi che da nove mesi comunque introitano profitti e con i cittadini dei 21 Comuni che oggi si ritrovano a scegliere tra portare fuori bacino i loro rifiuti o tenerseli nei cassonetti per strada.

Chi sono i responsabili di una siffatta situazione? Chi si accollerà i maggiori costi dello smaltimento dei rifiuti dovuti a questa situazione?

Siamo di fronte a un servizio impiantistico di pubblica utilità la cui costruzione e gestione il pubblico ha affidato ai privati. Possibile che la Progetto Ambiente Bacinio Bari Cinque S.r.l. da tutta questa storia ci debba comunque  guadagnare e a rimetterci debba essere solo chi obbligatoriamente paga la TARSU?

Commenti 

 
#11 questaCABINAquaLAvoglioMETTEREla 2010-10-09 01:20
il Comune attendeva la risposta di un legale, non date merito al comitato che non ha condizionato un bel niente, l'unica cosa che puo aver condizionato qualche membro del comitato (colui che muove i fili attacati al presidente) è il posizionamento delle cabine, chiedasi conferma a casa delle arti
Segnala all'amministratore
 
 
#10 senzapelisullalingua 2010-10-08 19:34
Il ricorso è stato presentato dal comune di Conversano GRAZIE all'azione del Comitato. Diamo a Cesare quello che è di Cesare.
X Rosa - lascia perdere il Consiglio di Stato e leggiti punto per punto la sentenza del TAR. Altro che euforia qui si tratta del futuro dei nostri/tuoi figli!!! - SUBITO la raccolta spinta porta a porta nei 20 comuni dell'ATO - SUBITO l'attivazione del centro di compostaggio di Cellammare - SUBITO l'aggiornamento trasparente dei bandi per la raccolta prossimi alla scadenza. SUBITO l'attivazione degli impianti di differenzizione (no CDR) della Cogeam/Colari - SUBITO azioni politiche serie per la riduzione dei rifiuti a monte - SUBITO campagne di sensibilizzazione nelle scuole - SUBITO ....Riprendiamoci il Futuro!!!
Segnala all'amministratore
 
 
#9 Spungato 2010-10-08 18:56 Segnala all'amministratore
 
 
#8 p.laricchiuta 2010-10-08 15:14
il ricorso al T.A.R. è stato fatto dal comune di Conversano SOTTO pressione mediatica-popolare sennò aspetta fresco!!! la realtà è questa.
Segnala all'amministratore
 
 
#7 Rosa 65 2010-10-08 12:54
Il Consiglio di Stato farà svanire tutto e fra qualche giorno l'euforia passerà. L'effetto positivo sarà quello di far svegliare la regione che si preoccuperà(?) di elaborare una seria programmazione?
Segnala all'amministratore
 
 
#6 focolaio 2010-10-08 03:21
e adesso daje con la monnezza per strada! spriamo che bertolaso e la cricca intervengano tempestivamente!
Segnala all'amministratore
 
 
#5 TAR 2010-10-08 03:11
il ricorso lo ha fatto il comune di Conversano non il comitato.
Segnala all'amministratore
 
 
#4 danielepasquale5@gmail.com 2010-10-07 20:06
la sentenza attesta l'infondatezza delle facili soluzioni da addossare sempre sulle spalle della nostra comunità ...
attesta anche che, bene ha fatto il Comune di Conversano, ad allinearsi alla giusta lotta del Comitato!
Adesso, spero non venga in mente a nessuno di continuare a danneggiare il nostro territorio, con altre idee stupide ...
Segnala all'amministratore
 
 
#3 Beppe Cacciapaglia 2010-10-07 20:00
La notizia è di quelle che confortano, finalmente il terzo lotto chiude! Appare chiaro che è giunto il momento di cambiare rotta. Un appello a tutti i cittadini, perché adesso tocca a noi rimboccarci le maniche, per intraprendere una seria abitudine alla differenziata meticolosa e le maniche corte alle Istituzioni perché pongano in essere, subito, la raccolta dell'umido. Facciamo in modo che la linea del CDR non parti, ma per mancanza di rifiuti da bruciare. IMPEGNO!
La regione a questo punto deve sobbarcarsi, l'impegno economico di trasferire una volumetria pari a quella ricevuta da LE2-LE3-BA2-BA4 negli ultimi anni, diversamente vorrà dire che i volumi occupati dalle ATO menzionate li pagheremo noi dell'ATO BA5. Non siamo e non vogliamo essere trattati come cittadini di serie B!
Segnala all'amministratore
 
 
#2 senzapelisullalingua 2010-10-07 19:54
"Chi sono i responsabili di una siffatta situazione? Chi si accollerà i maggiori costi dello smaltimento dei rifiuti dovuti a questa situazione?"
I condannati dal TAR ovvio. No? Ah già ma siamo in Italia e quindi...
Cmq davvero un fatto epocale per Conversano e non solo.
Il comitato "Riprendiamoci il Futuro" può festeggiare meritatamente.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 cittadino 2010-10-07 19:45
grazie a tutti i ragazzi del comitato!! ora è il momento di concretizzare le proposte.
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI