Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

CONVERSANO, FALSE DICHIARAZIONI DI REDDITO

guardiadifinanza

Operazione della Guardia di Finanza in materia di prestazioni sociali agevolate. Denunciati 14 responsabili, tra cui una famiglia titolare di un panificio conversanese.

False dichiarazioni di reddito per scalare in graduatoria e aggiudicarsi il contributo sul canone di locazione

 

 

 

Giro di vite a Conversano. I militari della Guardia di Finanza monopolitana hanno eseguito una mirata attività di polizia economico-finanziaria per verificare l’attendibilità delle “domande di contributo integrativo per il pagamento di canone di locazione” (previsti dall’art. 11 della legge 431/1998), presentate al comune di Conversano.

Tra le numerose domande presentate, l’attenzione delle fiamme gialle si è concentrata su 19 soggetti richiedenti che avevano dichiarato redditi zero percepiti nel 2008. Il reddito è uno dei principali requisiti per scalare la graduatoria e aggiudicarsi il contributo.

L’esito dei controlli eseguiti ha però prodotto risultati contradditori rispetto ai redditi dichiarati.

I finanzieri hanno incrociato i dati delle banche dati in uso al corpo, e hanno poi individuato 14 soggetti conversanesi che avevano omesso di autocertificare i redditi di lavoro dipendente o autonomo percepiti dal proprio nucleo familiare, nonché redditi di fabbricati e di terreni. Una vera truffa ai danni delle casse pubbliche, per beneficiare del contributo integrativo e risultare quanto più vincenti in graduatoria.

Tra le persone segnalate, sono stati scoperti soggetti i cui nuclei familiari che avevano dichiarato ‘reddito zero’ ma che nella realtà hanno conseguito redditi superiori a 15 mila euro o, addirittura risultano proprietari di fabbricati e terreni.

Una famiglia titolare di un panificio di Conversano aveva addirittura un volume d’affari annui superiori ai 100 mila euro.

Per tali richieste, la somma di contributi erogati dal comune di Conversano a favore dei 14 soggetti, classificatisi così nei primi posti della graduatoria, è risultata pari a 35 mila euro.

I responsabili dovranno ora rispondere all’Autorità giudiziaria del reato di falso e di indebita percezione di erogazioni a danno dello stato.

Commenti 

 
#7 IL DUBBIOSO 2011-01-28 10:01
A CONVERSANO, TUTTI SANNO QUASI TUTTO DI TUTTI, SOPRATUTTO I DIP. COMUNALI, COME MAI AL MOMENTO DELL'EROGAZIONE NON HANNO AVUTO NEPPURE UNA PERPLESSITA'??
EPPURE SI TRATTAVA DI BEN 14 PERSONE.........
Segnala all'amministratore
 
 
#6 Welfare 2011-01-27 16:04
Perché non controllare gli abusivi delle case popolari dove oltre a inquilini che non hanno titolo dispongono anche di cospicui redditi. Spero che la GdF indaghi anche su questa gente.
Segnala all'amministratore
 
 
#5 p.laricchiuta 2011-01-27 13:24
spero che a processo visto che trattasi di reato penale(lo è???), vengano condannati a risarcire il maltolto+interessi relativi. uno può pure provare(in extremis)a fare il furbo MA la pena per ciò dev' essere significativa. gl' addetti ai controlli negl' Uffici Comunale hanno particolare dolo visto che gl' intestatari della domanda si sa chi erano...
Segnala all'amministratore
 
 
#4 Gianvito F. 2011-01-27 10:54
[mod].. Devono ridare INDIETRO questo e pure il resto! Segategli l'attività del panificio per un mese, poi vediamo se scherzano ancora oppure cominciano a lavorare con onestà.
Segnala all'amministratore
 
 
#3 mbà 2011-01-27 10:22
Caro Falchi e Colombre, personalmente non vedo come possano gli uffici comunali accorgersi di ciò, se il compito è demandato alla GdF!
Allo stesso modo mi chiedo, se ciò che dici fosse vero, quali sarebbero gli Uffici Comunali addetti a tale controllo?
Segnala all'amministratore
 
 
#2 falqui&co. 2011-01-27 10:07
e chi assume ex finanzieri corrotti nella propria azienda?
e chi fa pagare i giudici per aggiustare sentenze ?

il paese puzza dalla testa
Segnala all'amministratore
 
 
#1 falchi&colombe 2011-01-27 08:51
E' un fatto molto grave ma sopratutto va osservato come mai gli Uffici Comunali preposti non si accorgono di queste - manfrine? non è che ci sono connivenze?
Bell'esempio si da alle persone che cercano di sbarcare il lunario ogni giorno e per dignità non chiedono nulla a nessuno. Invitiamo la Guardia di Finanza a controllare ora anche gli addetti ai controlli nell'Ufficio dei Servizi sociali..... chissà!
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI