Lunedì 12 Novembre 2018
   
Text Size

CONVERSANESE CONDANNATO PER ESTORSIONE

tribunale

Vito Ignomeriello, noto ai più con il soprannome di “Vitin crtidd”, è stato condannato in primo grado alla pena detentiva di cinque anni con il capo d’imputazione di tentata estorsione.

Le indagini sul pluri-pregiudicato conversanese erano iniziate nel 2006 a seguito della coraggiosa denuncia di un imprenditore edile, che aveva subito ripetute minacce: gli era stato intimato di pagare 50mila euro per evitare che il suo lavoro fosse compromesso, che i complessi residenziali che stava realizzando “saltassero in aria”.

L’imprenditore, restituite al mittente le intimidazioni, sceglieva la via della collaborazione con le Forze di Polizia e, nel dicembre 2008, s’inverava l’arresto dell’Ignomeriello e di due dei suoi complici.

Cominciava a questo punto l’iter giudiziario: il processo si era presentato, fin dall’inizio, non di semplice soluzione data la necessità di vagliare le prove raccolte, a carico dei tre estorsori, in quasi due anni di attività investigativa. Tuttavia, ad onta di ogni lungaggine processuale, la sentenza di primo grado, emessa dalla Procura di Bari, è giunta a sanzionare pesantemente il reo e a sancire una vittoria, sia pure non ancora definitiva, per l’intera società civile contro la malavita organizzata, o presunta tale.

Commenti 

 
#1 Angelo Lorusso2 2011-02-14 19:39
mille di questi imprenditori
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI