Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

Sequestrate sei discariche abusive. Indagini sulla Lombardi Ecologia

noe sequestro3

Su disposizione della Procura di Bari, i Carabinieri della locale stazione, guidati dal Maresciallo Spinelli, unitamente agli uomini dei NOE, guidati dal Capitano Colacicco, hanno sottoposto a sequestro tre siti localizzati lungo la via vecchia per Mola, a qualche chilometro di distanza da Contrada Martucci; un sito a Triggiano, presumibilmente localizzato nella zona de Le Lame, ed un sito ad Acquaviva delle Fonti che, dalle prime indiscrezioni, sembrerebbe coincidere con la vecchia discarica comunale.

sequestro-noe-2Analogo provvedimento è stato eseguito per due siti a Conversano, due campi coltivati prospicienti la discarica di Contrada Martucci.

Nei confronti della Lombardi Ecologia pesa l'accusa di violazione di cui all' art. 256 D. Lgs 152/2006 (gestione illecita rifiuti) per aver realizzato, mediante interramento, discariche abusive di rifiuti in siti che, durante il periodo emergenziale, erano stati autorizzati come piattaforme di stoccaggio.


LE INDAGINI - L'attività investigativa è iniziata lo scorso marzo, quando i Carabinieri della Stazione di Conversano fermarono Domenico Lestingi, storico dipendente della Lombardi, che aveva effettuato uno scavo in un sito (già sequestrato lo scorso 30 marzo) nei pressi di Contrada Pozzovivo, per dimostrare lo smaltimento e l'interramento illecito di rifiuti da parte della Lombardi Ecologia, società che gestisce l'attuale impianto complesso.

"Il provvedimento cautelare - si apprende nel comunicato diffuso dai NOE - risulta necessario per finalità investigative da individuarsi: nella compiuta classificazione dell'effettiva natura di quanto interrato e nella sussistenza dell'eventuale danno ambientale, previa effettuazione di carotaggi ed analisi;  nella verifica della sussistenza del pericolo di inquinamento delle falde acquifere", accertamenti che verranno effettuati con la collaborazione dei tecnici dell'ARPA Puglia e "nell'accertamento delle eventuali responsabilità per omessa bonifica".

 

Commenti 

 
#3 CATARSI 2012-05-15 07:19
Speriamo che facciano un'indagine della radioattività così come previsto nel documento approvato in Consiglio comunale. Sarebbe questo il pericolo maggiore.
Segnala all'amministratore
 
 
#2 attenziòn-battagliòn 2012-05-14 19:36
sequestrate conversano
Segnala all'amministratore
 
 
#1 falchi & colombe 2012-05-14 07:25
L'amministrazione Lovascio tace? è grave che difronte ad una notizia del genere che interessa direttamente il territorio di Conversano l'Amministrazione sta a guardare. Almeno desse seguito alle volontà del Consiglio Comunale o quello che si dice in Consiglio è un optional ?
I poteri forti vanno sempre preservati...
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI