Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Oleificio conversanese sversa in falda le acque reflue. Denunciato il titolare.

carabinieri0001

Militari del Comando Provinciale di Bari (Compagnia di Monopoli, Tenenze di Mola e Putignano), nel corso della corrente campagna olearia hanno eseguito un piano straordinario di controllo finalizzato a verificare, attraverso riscontri fisici e contabili, la tracciabilità dei prodotti oleari di qualità a difesa dei consumatori e degli interessi economici delle aziende “sane” che operano nel settore agro-alimentare.

In diversi casi, tali controlli si sono conclusi con il rilevamento di irregolarità’ anche gravi.

In particolare, nel Comune di Conversano sono state appurate immissioni di acque reflue, provenienti dalla molitura delle olive, all’interno di pozzi abusivi, profondi circa 100 metri. Facilmente immaginabili i danni provocati per le falde acquifere. Il titolare dell'oleificio è stato denunziato all’Autorità Giudiziaria.

Commenti 

 
#5 Platone 2013-02-07 19:40
E l'amministrazione tutta, compresa l'opposizione è silente, nessun provvedimento? nessuna notizia di deprecazione? insomma ha ragione domenico lestingi: non interessa nulla a nessuno. Esultiamo per il Nicodemismo dei nostri nostromi.
Non ci dispiacerebbe sapere l'oleificio in questione.
Segnala all'amministratore
 
 
#4 redjoe 2013-02-03 18:14
Ogni anno il comune dovrebbe emettere apposite ordinaze, il comune da circa tre anni è latitante.
Segnala all'amministratore
 
 
#3 domenico lestingi 2013-01-30 21:56
si sentono sempre piu liberi di agire tanto a chi interessa
Segnala all'amministratore
 
 
#2 Beppe Cacciapaglia 2013-01-30 11:34
Ancora uno scempio che ammazza il territorio e mortifica tutti. I controlli devono essere più frequenti e mirati. Sono anni che grido la necessità di istituire un corpo di Vigili dell'Ambiente; utopia?
Segnala all'amministratore
 
 
#1 Peppino 2013-01-30 11:02
Semplicemente sconcertante, va messo in galera e buttate le chiavi
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI