Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Conversano: lavoratori a nero e braccianti figurativi agricoli

Conversano- lavoratori in nero e braccianti agricoli figurativi

Le forze dell’ordine hanno posto sotto controllo aziende e braccianti agricoli di Conversano nel corso di indagini contro il caporalato, lo sfruttamento dei lavoratori e i sussidi irregolari in agricoltura. Le indagini sono svolte dai finanzieri della Compagnia di Monopoli e della tenenza di Mola di Bari coordinati dal Comando Provinciale di Bari.  

I finanzieri hanno controllato 10 aziende agricole nel territorio di Conversano, Mola di Bari, Noicattaro, Polignano a Mare, Rutigliano.

 

Le indagini


Le aziende oggetto di indagine sono risultate ad alto rischio di irregolarità sulla base dei dati del Sistema Informativo Agricolo Nazionale (Sian), per volume d’affari e numero di lavoratori rilevato dall’INPS rispetto al numero di giornate per coltura disposto dalla Regione Puglia.

 

Le sanzioni per i lavoratori in nero


La sanzione prevista ai sensi di legge per i lavoratori in nero va da 1.950,00 euro a 15.600,00 euro per ogni lavoratore.

 

I braccianti figurativi incassano gli assegni INPS


I braccianti figurativi sono soggetti operanti con frode e danno nei confronti dell’INPS. I braccianti figurativi con il beneplacito degli imprenditori agricoli risultano lavoratori agricoli. I figurativi pagano per l’imprenditore agricolo l’importo dell’ingaggio e incassano i trasferimenti monetari assistenziali liquidati dall’INPS. Il fenomeno dei braccianti agricoli permea l’economia delle aziende agricole del Sud Est Barese.

 

 

Il mercato delle giornate appulo-lucano


Le forze dell’ordine insieme con la magistratura hanno individuato l’esistenza di un «mercato delle giornate» (Cit. Gazzetta del Mezzogiorno) organizzato anche a livello infraregionale. Duecento persone di Conversano, Noicattaro e Rutigliano, sono risultate assunte come braccianti figurativi da talune aziende materanesi. La magistratura ha instaurato un processo penale chiuso per prescrizione.

 

Braccianti figurativi a Noicattaro


Centocinquanta braccianti figurativi risultato assunti da una azienda di Noicattaro. I Carabinieri e la Guardia di Finanza eseguono gli interrogatori dei lavoratori presunti assunti dall’azienda noiana. L’accusa rivolta ai centocinquanta indagati è di aver beneficiati dei sussidi e assegni INPS senza avere offerto la controprestazione agricola.



Le indagini contro il caporalato, il lavoratori in nero e i braccianti figurativi

 

I Carabinieri, la Guardia di Finanza e gli ispettori INPS cooperano nelle indagini per scoprire i lavoratori in nero, il caporalato e i braccianti figurativi.  Le forze dell’ordine hanno controllato aziende agricole a Conversano, Mola di Bari, Monopoli, Noicattaro Polignano a Mare, Rutigliano, Sammichele di Bari. 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI