Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

RICATTANO PER IMMAGINI COMPROMETTENTI: ARRESTATO

carabinieri0001

COPPIA IN MANETTE PER ESTORSIONE

Estorcono 5mila euro ad un libero professionista minacciando la divulgazione di presunte immagini che lo ritraggono mentre s’impossessa di due piantine di ciclamini esposte dinanzi ad un esercizio commerciale e per questo sono stati arrestati.

Si tratta di una coppia di conviventi 40enni, lei commerciante di Polignano a Mare, lui rappresentante di Conversano, arrestati dai carabinieri della locale Stazione, con l’accusa di estorsione in concorso.

IL RICATTO PER DUE CICLAMINI - Tutto ha avuto inizio alcuni giorni fa, quando un libero professionista del luogo, passeggiando per una via del centro, nota alcune piantine di ciclamino - all’interno di una fioriera collocata sulla pubblica via - nei pressi di un esercizio commerciale e decide di prelevarne un paio in due diverse circostanze.

Qualche giorno più tardi, però, riceve una telefonata, il cui interlocutore, presentatosi come compagno della titolare di un negozio del centro, gli chiede di poter avere con lui un colloquio al fine di chiarire una vicenda.

Concordato l’incontro per quello stesso giorno, l’uomo riferisce al professionista di averlo notato, attraverso una presunta telecamera installata esternamente al negozio, mentre s’impossessava delle piantine di ciclamino. Per tale motivo, al fine di evitare la denuncia ai carabinieri e la divulgazione delle immagini registrate dagli organi d’informazione, sarebbe stato sufficiente consegnargli 5mila euro in contanti. Insomma, un aspirante Corona de noantri.

L'uomo, preoccupato per le sue conseguenze, si vede costretto, suo malgrado, a consegnare il denaro, traendo due assegni per l’importo complessivo preteso, fatti intestare dall’estorsore e alla titolare del negozio. Successivamente, capirà di essere stato vittima di un atto estorsivo e si rivolgerà alle forze dell'ordine.

IL PIANO E LA TRAPPOLA DEI CARABINIERI - Il professionista, quindi, si reca al negozio e con il pretesto di sostituire i due assegni in cambio di denaro contante, effettua lo scambio, con banconote in precedenza contrassegnate, dietro la promessa, da parte della coppia, di evitare la denuncia e la divulgazione delle immagini. Abbandonato il negozio, entrano in scena i carabinieri, che fanno irruzione nel locale. In preda allo stupore, la donna tenta disperatamente di sbarazzarsi del malloppo, lanciandolo goffamente sotto un mobile. Il gesto, però, non sfugge all’attenzione dei militari. L’operazione si conclude con l’arresto della coppia e il recupero del denaro, poi restituito alla vittima.

Terminate le incombenze di rito, i due sono stati accompagnati presso l’abitazione di convivenza e sottoposti agli arresti domiciliari, dietro precisa disposizione impartita dall’Autorità Giudiziaria.

Commenti 

 
#2 Cittadino 2010-01-19 18:06
Un professionista? Ma mi sembra di averlo gia sentito nominare.... si si dev'essere proprio un Professionista della TRUFFA
Segnala all'amministratore
 
 
#1 L4c4p4g1r4 2010-01-14 02:16
Imprescindibili domande:
e i ciclamini malColti, sono stati rimessi a posto ?
e le famose telecamere del comune che stanno lì appese a non funzionare?
il libero professionista ha per caso simpatie per il PD?
in tal caso le foto sono state offerte a Belpietro, a Feltri
o almeno al direttore dell'Informatore ?
E l'Amo che fine ha fatto?
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI