Lunedì 12 Novembre 2018
   
Text Size

POMPIERE FERITO PER ESPLOSIONE: RICOSTRUZIONE

vigili-del-fuoco

UN DEPOSITO ABUSIVO DI CARBURANTE ALL'ORIGINE DELL'INCIDENTE

Venerdì sera intorno alle ore 22, nel corso di un intervento in contrada "Baccarelli" a Castellana Grotte dei Vigili del Fuoco di Putignano per domare un incendio in un trullo di campagna, un pompiere Antonio Sanna, 45 anni di origini conversanesi, è rimasto gravemente ferito, in seguito ad una esplosione che l’ha colpito in pieno. (VEDI LA RICOSTRUZIONE DELL'INCIDENTE IN BASSO)

Giunti sul luogo dell’incendio, Sanna si accingeva ad avvicinarsi al manufatto in pietra, quando si è verificata una prima esplosione che ha colpito in pieno il vigile. L’uomo vistosi avvolto dalle fiamme si è lanciato su un cumulo di terra rotolandosi. Sono intervenuti immediatamente i colleghi che hanno domato le fiamme che avvolgevano il vigile, ma neanche il tempo di mettere in sicurezza il collega, che si è verificata una seconda esplosione che ha ferito altri tre vigili del fuoco, colpiti da schegge e tegole.

Antonio Sanna non ha avuto conseguenze più gravi, grazie al vestiario ignifugo e la casco protettivo. Sanna è stato ricoverato al Perrino di Brindisi, con ustioni del secondo grado, mentre gli altri tre pompieri sono stati trasportati all’ospedale Santa Maria degli Angeli di Putignano.

Dai primi accertamenti, eseguiti da un seconda squadra di Vigili del Fuoco giunti da Bari, l'esplosione è stata causata dalla presenza di alcuni bidoncini di carburante agricolo custodito illegalmente da un pregiudicato. Al momento, l'uomo è in stato di fermo presso la locale stazione dei Carabinieri di Castellana Grotte.

A tutta la squadra del turno A e ai vigili del fuoco feriti va tutta la solidarietà e l'augurio di pronta guarigione dall’intera redazione di ConversanoWEB.com


LA RICOSTRUZIONE DELL'INCIDENTE - a cura di Melania Gasparro

La segnalazione, verso le 02.30 del mattino, ha allertato la squadra dei vigili di Putignano, che si è recata in contrada Baccarelli, verso Alberobello, per domare l’incendio. Giunti sul posto, i pompieri si sono ritrovati di fronte a due trulli che bruciavano dall’interno; nessuno di loro purtroppo sapeva che di lì a poco si sarebbe consumata la tragedia. Sotto i due coni dei trulli, infatti, era allestito un deposito abusivo di carburante. Mentre i pompieri domavano le fiamme, il fuoco ha raggiunto uno dei contenitori di benzina originando così la bolla di fuoco, detta in gergo flashover. Lo strascico dell’esplosione ha coinvolto i quattro vigili del fuoco, tra i quali Antonio Sanna. I suoi colleghi hanno riportato solo qualche contusione.

La difficoltà delle operazioni di soccorso sono state rese complicate dall’accesso problematico nell’area circostante alle due abitazioni. Unico mezzo accessibile la Fiat Punto dei carabinieri di Castellana Grotte tramite la quale si è provveduto, in seguito, al trasportato dei feriti.

Il proprietario del trullo è stato fermato dai carabinieri e interrogato a proposito del materiale combustibile  rinvenuto all’interno delle abitazioni.

Antonio Sanna, fortunatamente, è fuori pericolo grazie in particolare alla sua esperienza e alle misure di sicurezza.

VEDI ANCHE LA POSIZIONE DEI SINDACATI

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI