Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

PESTA SELVAGGIAMENTE UN AUTOMOBILISTA

carabinieri_arresti_manette_1_410_x_200

 

Nonostante il diritto di precedenza, riceve schiaffi e calci per non aver agevolato la manovra di guida.

L'AGGRESSORE HA AGITO CON DUE COMPLICI


Ha aggredito selvaggiamente un automobilista 63enne, ora in prognosi riservata, reo di non averlo agevolato durante una manovra di guida, provocandogli la fattura della ossa nasali e di una vertebra cervicale. È accaduto nella serata di martedì a Conversano, dove i carabinieri della locale stazione hanno tratto in arresto l’autore della brutale aggressione, M. S., un 37enne incensurato conversanese. L’accusa è di lesioni gravi in concorso con altre due persone al momento sconosciute.

Attivata da una segnalazione giunta sul “ 112” , una pattuglia dell’Arma ha prontamente raggiunto il locale pronto soccorso, dove era giunto un uomo, con una grave ferita al volto, il quale riferiva di essere stato vittima di un’aggressione in quella via Amendola. Recatisi immediatamente nel luogo indicato, gli operanti sono riusciti ad individuare l’autore del pestaggio, identificato nel 37enne.

Gli accertamenti dei militari hanno consentito di appurare che poco prima, mentre l’uomo percorreva via Amendola, giunto all’intersezione con via Napoli è stato invitato dal conducente di un’autovettura, ovvero il 37enne, ad indietreggiare per consentirgli il passaggio. Non potendo eseguire la manovra, in quanto bloccato da altri veicoli ed avendo anche il diritto di precedenza, la vittima ha ripreso la marcia. Il 63enne a quel punto è stato fatto bersaglio di ingiurie da parte del conducente dell’altro veicolo. Senza dar peso alle parole, l’uomo ha proseguito per la sua marcia, fino a fermarsi a poche decine di metri più avanti. Giunto a destinazione, appena sceso dal veicolo, il 63enne è stato aggredito improvvisamente alle spalle e colpito al volto da una serie di schiaffi e pugni sferrati proprio dal 37enne, tornato alla carica.

Nonostante ciò, il malcapitato è stato raggiunto anche da altri due sconosciuti che, trattenendogli le braccia, hanno agevolato l’azione “devastante” del suo aggressore, che continuava imperterrito nella sua azione. Le grida dell’uomo hanno attirato l’attenzione di alcuni passanti che hanno sottratto la vittima al pestaggio. Proprio uno di essi, infatti, ha accompagnato il 63enne all'ospedale. A causa delle gravi ferite, è stato subito trasferito presso il Policlinico del capoluogo barese. L’uomo, infatti, è tuttora ricoverato in prognosi riservata.

L'aggressore è in regime di arresti domiciliari, su precisa disposizione impartita dall’Autorità Giudiziaria. Sono, invece, in via d’identificazione i due complici dell’aggressore.

Commenti 

 
#3 L4c4p4g1r4 2010-06-06 03:08
è il nuovo concetto di sicurezza, bellezza
(ve li ricordate quelli che ci han giocato sopra alle ultime comunali?)
e poi si può sempre emigrare...
Segnala all'amministratore
 
 
#2 savio 2010-06-05 22:20
Queste sono cose vergognose...e si sbaglia a non dare il giusto risalto...fate nomi e cognomi..altro che privacy!!!!
Io non volgio vivere in un paese di omertosi e violenti...!!!
Segnala all'amministratore
 
 
#1 L4c4p4g1r4 2010-06-05 03:47
Benvenuti a Conversano culla della civiltà del sud-est barese.

Titoloni sui fogli provinciali dei giornali nazionali;
questa è la promozione giusta per il nostro villaggio, altro che le ciliegie bacate.

Non perdetevi nemmeno: notti bianche con schiamazzi in pubblica piazza
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI