Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

ORE 20.30: VERNISSAGE OLTRE IL VISIBILE

opera_comunicato-2

Martedì 24 Agosto 2010, alle ore 20.30, nella suggestiva cornice architettonica dell’ex Chiesa di San Giuseppe (nei pressi della Biblioteca Comunale), si inaugurerà la personale della pittrice Mary Sperti dal titolo “Oltre il visibile”, resa possibile anche grazie al Patrocino del Comune di Conversano – Assessorato alla Cultura. Presente l’artista.

«Un’occasione per ritornare nella mia città natale – commenta Sperti – e condividere con i miei concittadini il percorso fin qui svolto. Una ricerca che si è sempre più evoluta nella direzione dell’informale materico, polarità materia-forma. Il primo termine indica il magma informe delle energie primordiali; il secondo definisce l’organizzazione della materia in organismi superiori. Protagonista dell’informale di materia – nonché mio nutrimento – è il pittore francese Jean Fautrier, il quale, rifacendosi alle esperienze del Cubismo, inserisce nei suoi lavori materiali plastici che emergono dalla superficie del quadro. In tal modo cerco di rompere il confine tra immagine bidimensionale e immagine plastica, proponendo qualcosa che sfugge ad ogni semplicistica classificazione».

«Quello che voglio proporre – chiosa l’artista – sono opere dalla singolare forza espressiva, ricorrendo a materiali poveri legni, sacchi di juta, resina, plastica, lamiere. Compiere un'astrazione della realtà naturalistica per negarne o stravolgerne le forme. Creare una connessione fra bellezza fisica e culturale, fermare nelle mie tele un momento emotivo. L’animo non il visibile. Questo è quello che vorrei trasmettere a chi osserva».

Commenti 

 
#1 A. Bonito Oliva 2010-08-25 10:45
Altro bell'esempio di provincialismo
Citazione:
Quello che voglio proporre – chiosa l’artista – sono opere dalla singolare forza espressiva, ricorrendo a materiali poveri legni, sacchi di juta, resina, plastica, lamiere. Compiere un'astrazione della realtà naturalistica per negarne o stravolgerne le forme. Creare una connessione fra bellezza fisica e culturale, fermare nelle mie tele un momento emotivo. L’animo non il visibile. Questo è quello che vorrei trasmettere a chi osserva

ha imparato a memoria la 4^ di copertina del suo catalogo?
La sa la differenza tra animo ed anima ?
Non sarebbe il caso di usare uno pseudonimo?
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI