Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

NASCE LA BIBLIOTECA DEI RAGAZZI: E’ IL LORO MOMENTO

biblioteca_dei_bambini

Dopo due anni di attività nelle piazze, negli studi pediatrici, nella Casa delle Arti del paese, durante le quali genitori e lettori volontari chiedevano l’apertura di una sezione per ragazzi all’interno della Biblioteca comunale, il Presidio del libro di Conversano e la Fondazione “G. Di Vagno”, ieri mattina nel chiostro della Biblioteca Civica, hanno finalmente inaugurato la Biblioteca dei bambini e dei ragazzi.

All’inaugurazione si sono recati genitori e bambini i quali all’entrata, come in tutte le feste che si rispettino, hanno portato un loro dono: un libro da regalare alla biblioteca, come segno di buon auspicio. 

Erano presenti altresì diverse autorità: il Direttore dell’Area Politiche e Sociali del Comune di Conversano, Saverio Pansini, la responsabile Ufficio Beni Librari della Regione Puglia, Maria Anselmi, il sindaco Giuseppe Lovascio, l’assessore alla cultura Pasquale Sibilia, la rappresentante dell’ Associazione Italiana Biblioteche (AIB) Maria Abenante, le dottoresse pediatre Maria Cristina Politano e Maria Stella Liuzzi, ed infine una rappresentante del gruppo volontari Annalisa Legato.

Ognuno di loro ha speso una parola per presentare il progetto Nati per Leggere, di cui l’Associazione Culturale Pediatri (ACP) si è fatta carico a livello nazionale insieme all’AIB e al Centro per la Salute del Bambino (CSB). Si tratta di un progetto nato negli USA, arrivato nel Sud Italia soltanto pochi anni fa, che ha lo scopo di stimolare e promuovere la lettura ad alta voce sin dalla prima infanzia. È un modo, secondo il dott. Pansini “per portare avanti un discorso di cultura attraverso la lettura”.

È  la nuova pizza di incontro tra diverse generazioni” – ha affermato Annalisa Legato a rimarcare come la nascita di una biblioteca dedicata i bambini favorisca la costruzione di un rapporto più solido tra genitori e figli.

Secondo la dott.ssa M.Stella Liuzzi “l’adulto di domani sta nel bambino che stiamo facendo crescere adesso”. Ora occorre farlo in un logo vivo, di gioco e di scoperta.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI