Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

PULIAMO IL MONDO: RACCOLTI 6 QUINTALI DI RIFIUTI. Gallery.

puliamo-il-mondo

Anche quest’anno, il diciottesimo, l’esercito dei cappellini gialli non ha deluso. In molti hanno aderito all’appuntamento “Puliamo il mondo”, manifestazione nazionale che ha trovato – come da consuetudine – terreno fertile anche nella nostra città, grazie all’impegno del Circolo “Legambiente Abron”, presieduto da Giuseppe Cacciapaglia.

Sei chilometri lungo i quali, guanti alla mano, i volontari si sono impegnati a ripulire il tratto di strada che, da via San Lorenzo, conduce al Lago di Agnano. Una delle bretelle più frequentate dagli amanti della corsa, vessata dall’incuria di chi considera le banchine delle strade alla pari di private discariche.

Un trattore con rimorchio al seguito – messo a disposizione dal presidente della Coldiretti Donato Fanelli – ha consentito ai volontari di depositare le buste che, metro dopo metro, si riempivano degli “avanzi” dei nostri stessi concittadini. Il tutto è stato poi conferito in uno scarrabile, gentilmente concesso dalla Tradeco.

Indispensabile, poi, l’appoggio della Polizia Municipale – che ha garantito lo svolgimento della manifestazione in tutta sicurezza – e di Luigi Lorusso, contitolare della Newtion S.n.c., azienda impegnata nel campo delle energie rinnovabili, che con un furgone, adattato alla bisogna, ha funzionato da supporto per la distribuzione di acqua e di tutto il materiale necessario. Menzione di merito, infine, al Segretario Generale del Comune di Conversano, dott. Francesco Mancini, unico rappresentante delle istituzioni ad aver aderito con solerzia.

Ciò che conta in queste manifestazioni è il messaggio: educare alla pratica della selezione e del  corretto smaltimento dei rifiuti, al fine di evitare il degrado urbano e rurale. Ma, in questa circostanza, al messaggio s’è aggiunta la concretezza: il “raccolto” è stato decisamente “fruttuoso”. Circa 6 quintali dei più disparati oggetti: rottami di ogni tipo, bottiglie di vetro, pacchetti di sigarette, tubi per l’irrigazione dismessi e tantissima plastica.

Il bilancio, dunque, non può che essere positivo: “Uno degli scorci più belli della campagna conversanese – commenta Cacciapaglia – è stato restituito alla sua integrità. Unico rammarico è l’aver dovuto costatare l’assenza della fascia liceale, a fronte però della partecipazione dei ragazzi delle scuole elementari e medie”. “Ora, spenti i riflettori della manifestazione, l’appello che rivolgiamo a tutti i concittadini – conclude il Presidente di Legambiente Abron – è a non vanificare la fatica fatta anche in loro vece, dando un chiaro segnale di civiltà”.

Ultima notazione che rileva la cifra civica intrinseca nell’evento: le “bandiere del cigno” sono state listate a lutto per commemorare Angelo Vassallo, il sindaco di Pollica – un comune del Cilento – brutalmente assassinato il 5 settembre scorso per aver condotto una lotta senza quartiere in difesa di ambiente e legalità. 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI