Lunedì 12 Novembre 2018
   
Text Size

“LOGOS”: DISCO D’ESORDIO PER DONATELLO D’ATTOMA

donatello_dattoma

Donatello D’Attoma, giovane pianista e compositore originario di Conversano, esordisce con il suo primo disco dal titolo LOGOS: “Un percorso sonoro che è, a tutti gli effetti, il suo personalissimo omaggio alla tradizione jazz afro-americana”.

Il nuovo lavoro di D’Attoma è stato definito “punto di partenza e punto di arrivo di un disegno musicale che si fa luce passando attraverso stati emozionali opposti ognuno dei quali rappresenta lo stadio più profondo dell’interiorità umana. Figura centrale ed elemento di coesione di LOGOS è, dunque, l’uomo che cerca l’uomo, padrone delle proprie emozioni e di quelle dei suoi simili”.

Registrato presso Sorriso Studio’s di Tommy Cavalieri (Bari) per la Pus(H) In records, la realizzazione del disco è stata possibile grazie alla stretta collaborazione di Roberto Cipelli e alla dedizioni di quattro straordinari musicisti – Gaetano Partipilo (alto sax), Donatello D’Attoma (piano, rhodes), Camillo Pace (doublebass), Lello Patruno (drums).

Commenti 

 
#5 Magna Graecia 2010-10-20 11:05
Avanti un altro intellettuale della domenica;
peccato che il mauriziocostanzoshow non vada più in onda....
Segnala all'amministratore
 
 
#4 Fabrizio Orlando 2010-10-19 23:08
Cultura è soprattutto saper ascoltare, poichè il suono o la parola, diversamente concepite come musica, altresì non arricchirebbero nessuno.
Dopo una breve ed estremamente personale definizione di "cultura del Logos", ti faccio un grande plauso Donatello, il cd lo ho ascoltato ed è bellissimo.. P.S.: il suono caldo e intenso che si percepisce in alcuni brani è davvero "nero". Un abbraccio
Segnala all'amministratore
 
 
#3 Mericano Mericano 2010-10-19 13:33
Dedico un altro mezzo minuto per ringraziarti per le belle parole:
costa meno tempo del farsi difensore d'ufficio (promotore) di sciatteria e provincialismo
Segnala all'amministratore
 
 
#2 Donatello DAttoma 2010-10-18 18:50
E' chiaro che l'autore del commento all'articolo sul disco di Donatello D'Attoma ha subito traumi psicosociali piuttosto evidenti se decide, la domenica del 17 ottobre alle 17.17, di dedicare 1 minuto del suo inutile tempo (perchè tanto ha dedicato al suo noioso intervento) ad informare i lettori di Conversano Web che l'articolo contiene errori morfologici imperdonabili (in parte condivisibili). Non soddisfatto il nostro Mericano, con la superficialità propria delle menti ignoranti e presuntuose che si registrano nel nostro Paese, accenna una critica da accattoni sulla falsa relazione tra titolo e contenuto del disco di cui, il nuovo Fedele D'Amico dei poveri, ovviamente non è in possesso.
Visto il tuo interesse ti segnalo una recensione, appena uscita per pianosolo (www.pianosolo.it), di una validissima critica italiana di nome Paola Parri. Nel suo articolo, fidati, errori non ce ne sono.
Saluti.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 Mericano Mericano 2010-10-17 20:17
un omaggio alla tradizione afro-americana ?
e allora a che c'azzecca il titolo ? mah...

e l'omaggio al genitivo sassone (a vanvera) Sorriso Studio’s dove lo mettiamo ?

e i nomi degli strumenti in inglese? fanno più figo ?
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI