Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

AMBROSONE: “MAESTRO DEL COLORE DI QUALITÀ”

Ambrosone

“Siamo qui per un duplice evento: l’inaugurazione di questa bellissima location, la Belle Epoque, diretta da Aldo Fantasia che ha dimostrato una ferma forza di volontà per approdare a questo risultato, e la personale del maestro Augusto Ambrosone”.

Così ha esordito Vinicio Coppola, giornalista e critico d’arte, chiamato al ruolo di padrino del primo esperimento che punta a combinare ristorazione e arte. Un percorso destinato a  proseguire nel tempo, con cadenza mensile, avvicendando mostre ed esposizioni d’arte varia.

Paragonato ad un “ulisside che sfida l’ignoto per condurci in un mondo dove la fantasia privilegia – continua Coppola – Ambrosone esordisce come pittore figurativo sui generis, che non traspone la realtà ma la sublima attraverso un personale estro creativo. In un secondo momento si è dedicato all’informale e all’astrattismo, ed in tale veste si presenta qui a Conversano per iniziativa del gallerista pittore Donato Pace sostenuto dal Sindaco, avv. Lovascio, che aveva già avuto modo di conoscere l’artista in occasione della sua precedente performance per la Sagra dello Spumone”.

“Evento quest’ultimo – precisa Pace –  in cui si è voluto puntare non solo al folklore ma soprattutto alla qualità e alla sperimentazione, portando l’arte al di fuori del luogo canonico e decentrando il tutto per valorizzare anche la periferia della città”.

Ritornando alla personale di Ambrosone, è stato possibile fruire ceramiche e tele che come evidenzia Coppola sono partorite da “una tavolozza mediterranea che privilegia i colori forti, caldi e sensuali del mare nostro: accattivanti nouances che vanno dalle diverse scansioni del rosso a quelle del giallo e dell’arancione, non disdegnando declinazioni diverse come l’azzurro per sortire altre avvincenti iridescenze e concedendosi, talvolta, qualche trasgressione puntando sull’opera monocromatica”.

“Qualcuno diceva ‘lavorare di ceramica, arte minore’ – interviene la scrittrice Anna Sciaccovelli.  Oggi dobbiamo congratularci con Ambrosone che esprime la bellezza dell’animo; rivela quei sentimenti segreti che ognuno di noi porta dentro. Anche un granello infinitesimo di colore ci dice provate anche voi, perché io ci sono riuscito”.

Il primo cittadino, dopo aver ringraziato per il piatto, realizzato a Conversano proprio in occasione della “Sagra dello Spumone” e donatogli dal maestro Ambrosone, ha parole di elogio per il lavoro dell’artista, capace di “coniugare un’intelligente ricerca ad una spiccata spontaneità” e per lo steso Aldo Fantasia che ha messo a disposizione il suo spazio per tali nobili iniziative. “Il segreto della nostra terra – conclude Lovascio –  è riuscire a coniugare la nostra storia, le nostre risorse con la grande capacità di noi meridionali, portando alla luce quella forza dirompente dell’arte che è sempre necessario curare con passione, la stessa che Pace mette nelle sue manifestazioni”.

Commenti 

 
#3 Banksy,!!!!! 2010-12-04 21:48
inutile cercare di parlare d'arte,anzi mi sono perso nella sua dichiarata strapotenza di maestro internazionale,strariconosciuto,strapremiato,......ma dove?
Neanche l'ubriacatura di questi tempi troverebbe giuria scientifica strafottente per un premio
come copista(le ceramiche)e disciplina nella pittura.
Dal 2 al 5 dicembre si sta svolgendo art basel miami beach, non mi risulta che
Conversano sia diventato partner
Segnala all'amministratore
 
 
#2 tea 2010-12-04 12:33
il guercio si vede che sei una persona sola e senza spunti nella vita preferisco un bel piatto pittato da un'artista che una frase sensa senso di un nulla.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 Il Guercio 2010-12-03 12:44
Impareggiabili!
Quanto sprezzo del ridicolo :D
che connubio: Ambrosone fa rima con Spumone
ed anche con salmone (colore dell'improbabile cravatta sindacale)

l'abuso della parola location è sintomatico del dilagante provincialismo
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI