Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

ITALIANI SI NASCE, SOLENGHI E MICHELI AL NORBA

italiani-si-nasce

“Italiani si nasce…E noi lo nacquimo”: lo spettacolo teatrale diretto da Marcello Cotugno e interpretato da due protagonisti d’eccezione come Tullio Solenghi e Maurizio Micheli, ieri sera è approdato anche al Teatro Norba di Conversano, in occasione della stagione teatrale 2010- 2011.

Una serata che ha visto ancora una volta il tutto esaurito; un pubblico che ha apprezzato la poliedricità di due attori che, tramite questo progetto, hanno voluto ricordare i 150 anni dell’Unità d’Italia, avvalendosi della comicità del genere della rivista, così cara a Totò, e forse non più cosi “di moda” quanto il sentimento di unità nazionale.

Durante l’incontro nel Foyer del Teatro infatti, i due attori, intervistati da Niky D’Attoma della Compagnia di Marienbad, hanno raccontato come il loro progetto non sia una rievocazione nostalgica della storia d’Italia, quanto una critica ironica dei costumi nazionali, enfatizzando quei vizi e virtù dell’italianità che ci caratterizzano da sempre.

Perciò in scena, sotto l’occhio di due monumenti come quelli di Garibaldi e del Re Vittorio Emanuele, Solenghi e Micheli hanno ripercorso le tappe della nostra storia nazionale, partendo da Adamo ed Eva, e passando attraverso i secoli e personaggi illustri come Cristoforo Colombo, Giacomo Leopardi, Leonardo Da Vinci e Giacomo Casanova, il tutto mediante travestimenti, l’uso dei dialetti e numerosi sketch musicali.

Lo scopo quindi è stato quello di cercare di rappresentare la complessità degli Italiani di ieri e di oggi, carpendone non tanto le differenze, quanto i tratti comuni. E il tutto si è ottenuto tramite il mezzo dell’ironia, la quale, secondo Solenghi, aiuta a riflettere, centrando il bersaglio con molta più precisione che non utilizzando la pura ortodossia.

In un periodo storico-sociale come quello odierno, in cui il teatro non è più motivo di divulgazione culturale, rischiando di divenire al contrario uno spettacolo alternativo per pochi “addetti”, tale progetto si impone con quella tenacia e con quel coinvolgimento che solo la risata sa fare. “Lo spettacolo comico tocca con mano la risposta del pubblico”, ha affermato Micheli, e mette in moto un vero e proprio dialogo tra attori e pubblico. Ed è ciò che si è confermato ieri sera tra le poltrone e il palco del nostro teatro.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI