Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

DEL MEDICO, LA MUSICA SACRA A CONVERSANO

del-medico-main

Si è svolto ieri sera, presso la sala forum dell’Archivio diocesano “La musica di vescovi, conti e badesse”. Una conferenza tenuta da Claudio Del Medico, maestro organista, che ha condotto una compita ricognizione storica dal Quattrocento all’Ottocento della musica sacra, soffermandosi a  raccontare le vicende musicali dei compositori conversanesi, vissuti tra il Seicento e il Settecento e attivi in Cattedrale, delle donne musiciste del monastero di San Benedetto ed ha spiegato quale fosse la pratica musicale presso la corte degli Acquaviva d’Aragona.

Del Medico ha condotto una ricerca durata circa due anni, a proposito della tradizione musicale conversanese, quasi sempre identificata con la banda. Attraverso importanti documenti dell’Archivio diocesano e dell’Archivio storico, ha dimostrato come la tradizione bandistica fosse nel nostro paese solo una delle molteplici espressioni musicali presenti.

In particolare la ricerca ha mostrato come i primi cantori della Cattedrale di cui si ha notizia (Robert e Leone) fossero attivi già nel 1221. Nel XVI secolo proprio la Cattedrale di Conversano era l'unica chiesa pugliese, oltre alla basilica di San Nicola a Bari, ad avere contemporaneamente due organi. Inoltre nel Seicento i musici della Cattedrale prestavano servizio presso la corte comitale. E ancora nel 1678 è nato a Conversano, da madre conversanese, il più grande violoncellista del Regno di Napoli: Francesco Paolo Supriano.

Insomma la nostra città d’arte si direbbe essere anche una città della musica. Durante la conferenza sono stati illustrati moltissimi documenti inediti che testimoniano la grande del-medico-2attività di vescovi, conti e badesse appunto, legate alla musica sacra. Oltre a momenti di ascolto musicale sono state allestite delle vetrine con antifonari e libri musicali dell'Archivio Diocesano normalmente non visibili. Tra gli interventi musicali, curati da Vito Abbruzzi e Beppe Caccciapaglia, l'esecuzione dell'antico Introito della messa di San Flaviano, eseguito per secoli a Conversano ed estrapolato da un libro corale custodito nell'archivio parrocchiale della chiesa del Carmine.

A concludere la serata gli interventi di Ninni Galasso, presidente della Pro Loco, che ha ringraziato Del Medico per aver concentrato i propri studi su un genere musicale spesso trascurato, e l’Assessore alla Cultura, Pasquale Sibilia che, oltre a complimentarsi per la grande competenza e passione del giovane maestro, ha rilevato come s’inizino a muovere i primi passi per la valorizzazione della musica sacra: “Quest’anno, Conversano è riuscita ad entrare nel Circuito della Settimana Santa in Puglia e questo ci permetterà di dare maggior prestigio alle nostre tradizioni, anche canore. Inoltre nell’ultimo consiglio comunale del 18 Gennaio,  sono state inserite nel circuito nazionale le cinque associazioni dei cori storici di Conversano: Piantoni, Ligonzo, I Collegia, Coro Iubilate e i Cantori del Miserere”.

Commenti 

 
#2 fabio daprile 2011-02-17 07:20
C'era, però, "il D'Aprile" (se serve, avrei anche i testimoni :-) ) che si è premurato di passare il file audio della conferenza a "la Totaro", in modo da consentire la stesura dell'articolo.

Spesso nelle redazioni ci si aiuta a coprire gli eventi...

Spero la precisazione sia stata esauriente.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 ... 2011-02-17 00:07
ma se la totaro neanche c'era all'evento!
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI