Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

UNITA’ D’ITALIA, PREPARATIVI PER I FESTEGGIAMENTI

bandiera_main

L’anniversario dei centocinquant’anni dell’Unità d’Italia è ormai alle porte. I festeggiamenti in tutto il Paese stanno per avere inizio e in ogni città, comune, paese da nord a sud si sta organizzando un evento a tema.

Anche Conversano si sta preparando a una serie di eventi dedicati a questo importante compleanno, che avranno inizio il 16 marzo per poi proseguire sino ad aprile con la solenne celebrazione per il conferimento del titolo di “Città”.

Tornando però all’Unità d’Italia, va ricordato che una delle protagoniste di questo appuntamento è senz’altro la bandiera italiana. Il tricolore, tutelato persino dall’articolo 292 del codice penale. Il verde rappresenterebbe la speranza, il bianco la fede cristiana cattolica (religione prevalente nel nostro Stato) e il rosso il sangue, sparso proprio per l’Unità del nostro Paese. La nostra bandiera, inoltre, si ispira a quella francese nata dalla rivoluzione del 1789 e dai suoi principi.

Al Municipio di Conversano proprio in questi giorni sono arrivate bandire nuove di zecca. Dimensioni standard per quelle esposte nella sala consiliare e per quelle issate sulla balconata, dimensioni ridotte per quelle poste sulle postazioni di Sindaco, assessori e consiglieri. Bandiera italiana e della Comunità Europea naturalmente e, come di consueto, la foto del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Nella nostra città, a scandire i festeggiamenti è stato messo a punto un calendario denso di eventi: dalle celebrazioni per i centocinquanta anni del liceo classico “Domenico Morea”, a conferenze, convegni, mostre di documenti storici presso la biblioteca civica, apertura straordinaria di musei e monumenti, eventi culturali a tema e importanti personaggi del mondo politico.

Commenti 

 
#2 Nocciolo Di Traverso 2011-03-17 10:36
ok ma non ricorre una cifra tonda come anniversario della Repubblica

io continuo a preferire il 25 aprile
poi fate un po' voi...
Segnala all'amministratore
 
 
#1 francesco fabiani 2011-03-16 15:28
TORINO 17 MARZO 1861: "Il Senato e la Camera dei Deputati hanno approvato; noi abbiamo sanzionato e promulghiamo quanto segue: Articolo unico: Il Re Vittorio Emanuele II... assume per sé e suoi Successori il titolo di Re d'Italia. Ordiniamo che la presente, munita del Sigillo dello Stato, sia inserita nella raccolta degli atti del Governo, mandando a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato. Da Torino addì 17 marzo 1861". Sono le parole che si possono leggere nel documento della legge n. 4671 del Regno di Sardegna. QUINDI IL 17 MARZO IN REALTA' SI FESTEGGERA' VITTORIO EMANUELE PROCLAMATO RE D'italia. SAREBBE MEGLIO FESTEGGIARE IL 2 GIUGNO, LA REPUBBLICA NATA DA TUTTI GLI ITALIANI.
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI