Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

GRANDE SUCCESSO PER “FERRATI IN STORIA”

ferrati-in-storia

Sono stati trecentocinquanta gli studenti che, lunedì 21 marzo, hanno preso parte con molto entusiasmo a “Ferrati in Storia”: un viaggio da Bari a Brindisi, su di un treno storico, alla scoperta dell’Unità d’Italia. Tra i tanti studenti anche due classi del conversanese Liceo Scientifico “Sante Simone”. L’iniziativa, alla cui organizzazione ha contribuito la Fondazione Di Vagno su invito dell’Assessorato ai trasporti della Regione Puglia, ha permesso ai giovani studenti di ripercorrere la strada che ci ha portato a costituire una identità italiana attraverso la lingua, l’economia, la letteratura, la televisione e le infrastrutture. A salire in cattedra Pasquale Guaragnella, Marina Comei, Ennio Corvaglia, Lino Patruno, Donato Cafagna e Oreste Serrano. Le lezioni si sono svolte in inusuali aule didattiche: i vagoni di un treno degli anni ’30.

Giunti nel capoluogo brindisino, i ragazzi sono stati ospiti del Teatro Verdi dove ha avuto luogo un confronto impegnato, ma con toni per nulla retorici,  a cavallo tra la storia e l’attualità. Moderati da Maddalena Tulanti, vice direttrice del Corriere del Mezzogiorno, hanno dibattuto di Unità, d’Italia e di eroi del Risorgimento Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia, e Domenico Mennitti, sindaco di Brindisi. Quest’ultimo ha posto l’accento su come la comunità italiana abbia riscoperto, negli ultimi tempi, un sentimento nazionale che ci permette di confrontarci con la realtà europea e mondiale senza perdere la nostra identità. Vendola invece ha voluto scardinare quel luogo comune del Nord custode delle virtù civiche, sulle cui spalle grava il Sud delle nefandezze. Protagonista inaspettato Carlo Pisacane, eroe del risorgimento comune a Vendola e a Mennitti, meritevole secondo i due di aver tentato di allargare la rivoluzione a Sud e di aver tenuto conto nel proprio operato della dimensione sociale del popolo.

Coinvolgente anche il reading sul Risorgimento di “Sui rami di Madre Memoria”, a cura del regista e attore conversanese Pasquale D’Attoma Fanizzi, accompagnato dal contrabbasso di Vito Laforgia.

“Ferrati in storia” è stata una grande festa, come si evince dalle parole dell’avv. Mastroleo, presidente della Fondazione Di Vagno: “È una gioia vedere tanti ragazzi in festa, e non perché avessero saltato un giorno di scuola, ma per aver partecipato ad un evento che li ha molto intrigati. I docenti che hanno tenuto le lezioni sono stati tutti ammirevoli per come sono riusciti ad affascinare i più giovani. Il duetto tra Minnitti e Vendola è stato eccellente, grazie anche alla la conduzione sobria e stimolante di Maddalena Tulanti”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI