Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

'L'AGE D'OR' CHIUDE IMAGINARIA FILM FESTIVAL

imaginaria-2011

Il cinema è lo strumento migliore per esprimere il mondo dei sogni, dell’emozioni, dell’istinto”.
(Buñuel, Dei miei sospiri estremi.)

Questa sera conclude, dopo quattro giornate che hanno registrato il tutto esaurito, la nona edizione di Imaginaria Film  Festival nel complesso di San Benedetto a Conversano con la premiazione delle opere in concorso e la proiezione speciale del capolavoro nonché manifesto assoluto del cinema surrealista "L'Age d'Or" di Luis Buñuel

L'evento, totalmente gratuito, sarà presentato dal regista teatrale Pasquale D'Attoma Fanizzi ed accompagnato da un quintetto di musicisti jazz composto da Milena Pesole (voce), Donatello D’Attoma (piano/synth), Nini Morgia (guitar), Lello Patruno (drums), Stefano Montuoso (bass).

Dopo l’uscita di “Un chien andalou”, Luis Buñuel diventò molto conosciuto nell’ambiente culturale delle avanguardie europee, ed entrò a far parte del gruppo dei surrealisti insieme a Salvador Dalì. Per lui fu un’adesione piena e militante allo spirito etico del gruppo e non un trampolino di lancio per mire personalistiche, come fu per Dalì, per cui non pensò di sfruttare l’improvviso clamore intorno al suo nome per tentare la fortuna nell’ambiente ufficiale del cinema. Quello che voleva fare era continuare con il filone surrealista, portare avanti il suo intento di demistificare la natura umana e svelarne la vera essenza. Il film uscì in un unico cinema di Parigi nel dicembre del 1930 e fu uno dei primissimi film europei a utilizzare il sonoro.

Anche stavolta il titolo è casuale e non c’entra nulla con la storia: “L’age d’or” (“L’età dell’oro”). Come in “Un chien andalou”, si tratta più che altro di una storia simbolica (i personaggi non hanno nome né cognome), slegata da regole di unità di azione, luogo o tempo. Si concede però più tempo alla storia, con una cura maggiore nella rappresentazione e nello svolgimento delle scene, tanto da sembrare a volte un film di impianto “classico”, anche se non mancano le trovate surreali e gli accostamenti simbolici. L’intento è sempre quello di svelare la natura torbida e irrazionale degli istinti umani, soprattutto quelli sessuali. In più si aggiungono temi politici e sociali più legati all’attualità dell’epoca (anticlericalismo, lotta di classe, ipocrisia e insensibilità dei ceti più ricchi). La novità stilistica di questo film è però l’uso del mezzo preferito dai surrealisti per diffondere le proprie idee, cioè lo scandalo.

age_dor

E lo scandalo prodotto da questo film sarà così clamoroso che sarà tolto dalla visione pubblica per 50 anni. Il film si apre con un prologo in cui si descrive la vita degli scorpioni, a mo’ di documentario
scientifico. Stilisticamente serve per mostrare come anche la natura sia “cattiva”, diversa dall’idea buonista che solitamente ce ne facciamo. La scena seguente è ambientata su alcune scogliere marine, dove quattro vescovi in pompa magna salmodiano una messa. Per gran parte il film racconta i tentativi dei due amanti (interpretati da Gaston Modot e Lia Lys) di portare finalmente a termine un amplesso, sia mentalmente che fisicamente.

La storia avrà però un esito a sorpresa. Il film si conclude con una delle scene più blasfeme mai girate, con l’accostamento simbolico dell’iconografia di Gesù con la figura del Duca di Blangis, l’abietto e depravato protagonista delle  “120 Giornate di Sodoma” di Sade. Abbondano le allusioni alla masturbazione: cartelloni pubblicitari con donne in estasi seguiti da immagini di dita, Lia Lys che appare in una scena con il dito fasciato, una vacca che giace sul suo letto. In un’altra inquadratura Gaston Modot si avvicina alla macchina da presa fino a farsi inquadrare in primissimo piano il bottone che chiude la patta dei pantaloni. Ma la scena più famosa rimane quella in cui Lia Lys, momentaneamente abbandonata dal suo amante, si sfoga succhiando a mo’ di fellatio il dito alluce di una statua. Altro elemento portante è la satira dell’alta società e della retorica politica dell’epoca. L’ultima inquadratura del film, con una croce da cui pendono capigliature e barbe, ci fa capire che voleva alludere a tutte le guerre e le esecuzioni a morte avvenute in nome della religione cristiana. Si tratta comunque di una scena che anche oggi scatenerebbe polemiche a non finire, figurarsi nel 1930.

Dopo solo sei giorni, il cinema in cui il film era in programmazione fu assalito da un gruppo di militanti di estrema destra e completamente distrutto. Fu l’occasione che il prefetto aspettava per vietare la proiezione pubblica del film, il quale rimarrà proibito fino al 1980.
“L’Age d’Or” ha rappresentato in pratica l’inizio e la fine del cinema surrealista. Nessuno provò a continuare sulla strada indicata da Buñuel, visto che la società dell’epoca non era pronta a recepire un messaggio così forte e rivoluzionario. Buñuel stesso pagò cara questa sua scelta, restando fuori dal grande cinema fino agli anni ‘60. Non si pentì però mai e seguitò con modestia, onestà e coerenza la sua missione etica di mostrare le verità scomode e nascoste del nostro mondo umano.
Buona visione.

Imaginaria Film Festival

Complesso di San Benedetto – Conversano

Info: 3389222118
http://www.imaginariafilmfestival.org

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI