Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

Prorogata fino al 30 Aprile 2012 la mostra sulle Bande al Castello

municipio

La storia della “Bande da giro” in mostra a Conversano fino al 30 aprile 2012. La conferma arriva dall’assessore alle Politiche Culturali, Pasqualino Sibilia, che considerato l’ampio successo di pubblico e le richieste di visita registrate ha prorogato i tempi della Mostra temporanea “Bande, Maestri e Partiture nella Storia di Conversano”, un lavoro straordinario che si può ammirare nello Spazio Arte (secondo piano) del Castello Aragonese. Orari: Martedi-giovedì-venerdì: 10-12/18-20; sabato-domenica: 10/12, 19/21.

La mostra è l’ulteriore tappa di un progetto molto più grande La Banda in Testa, ideato e organizzato dall’assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Conversano in collaborazione con le due storiche bande di Conversano (la Grande Orchestra di Fiati G. Ligonzo e l’associazione culturale musicale G. Piantoni) e il patrocinio di Provincia e Regione, per valorizzare l’identità e la specificità del territorio conversanese e mettere in rete e relazione il patrimonio di risorse materiali ed immateriali che concorrono a creare la base di competitività del territorio. Questa si aggiunge alle altre già presenti del Netti e del Finoglio, senza trascurare l’aspetto archeologico, dunque rappresenta un potenziamento del Polo Museale”.

“La mostra così concepita – ha spiegato l’assessore Sibilia – anticipa un altro importante progetto: il “Museo delle Bande/ Musica”, che ospiterà la collezione dell’Associazione Culturale Musicale “G. Piantoni” e il materiale audio–video raccolto dalla Grande Orchestra di Fiati “G. Ligonzo – Città di Conversano” che racconta gli anni di attività della banda dell’associazione.”. “Uno straordinario lavoro – ha aggiunto il Sindaco Giuseppe Lovascio – che valorizza la nostra tradizione bandistica dando un’occasione soprattutto ai giovani di avvicinarsi alla tradizione”.

 

UFFICIO STAMPA

- Roberto Benigno (328.5970454)

- Maria Sportelli (392.2318950)

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI