Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Concorso musicale Medieval Joust, intervista agli organizzatori

concorso-Medieval-joust

Medieval Joust è un concorso musicale, di genere indie-rock, che da qualche settimana sta intrattenendo il pubblico del Medieval Pub a Conversano, con tantissime band emergenti. Le prossime date importanti, prima e seconda simi-finale, sono il 17 e il 24 febbraio. Premi importanti attendono i primi tre classificati: soldi, passaggi in radio e un giorno in sala registrazione… tutto per alimentare la passione per la musica!

Per capire un po’ di più com’è stato organizzato il concorso e come sta andando, prima della finale, abbiamo fatto qualche domanda agli organizzatori: Giambattista Bari e Marcello Elefante.

Com'è nata l'idea del concorso musicale, da chi e perché?

"L’idea del concorso nasce verso la fine di ottobre, durante una chiacchierata davanti a una birra all’interno del “Medieval Pub”. Io (Giambattista Bari) e Marcello Elefante, discutevamo sull’eventualità di organizzare un qualcosa di carino e coinvolgente all’interno del pub, fino al momento in cui è uscito fuori l’argomento musica. Da lì in poi è stato relativamente semplice sviluppare l’intuizione di base, unendo l’esperienza lavorativa di Marcello e la mia esperienza di “musicista” che ha girato un po’ di contest musicali. Subito dopo questo primo briefing, all’organizzazione si sono uniti Angelo Lacalandra e Giuseppe Di Lorenzo figure indispensabili per la buona uscita del contest".

E' stato difficile organizzarlo?

"Una volta fissata l’idea di base, l’organizzazione è stata abbastanza scorrevole, chiaramente c’è voluto del tempo per pensare al modo migliore per unire un contest musicale di buon livello ad un locale bello ed accogliente ma con un po’ di problemi logistici".

Quanti gruppi hanno partecipato? Ci sono band di Conversano?

"Il contest prevede tre fasi e il meccanismo che regola le fasi è una sorta di gara. In ogni fase si sfidano un determinato numero di band e le band vincitrici accedono man mano alle fasi successive. Questo meccanismo prevede la partecipazione di 12 band. Le 12 band partecipanti sono state selezionate tra le 27 iscritte e tra queste, con un pizzico di amarezza, solo due tra le iscritte provengono da Conversano".

Gli altri gruppi da dove provengono e chi sono?

"Grazie all’apporto pubblicitario delle radio contattate la voce del contest si è sparsa in una discreta area geografica e questo ha portato all’iscrizione di band, per citare qualche città, da Bari, Terlizzi, Santeramo. Le 12 band selezionate per il contest sono : Disagio Acustico, Schegge di Legno, Moaning Wells, Bladestorm, Cambio di Rotta, Le verità di Morgana, MaDiè, Teste di Ghiaccio, Railway and Dogs, Il Karma, Newgate e Venaya".

E qual è secondo voi il livello tecnico?

"Le serate si stanno rivelando soddisfacenti sia per la risposta da parte del pubblico presente ma soprattutto per il livello tecnico delle band partecipanti che rende felici noi organizzatori in quanto sintomo dell’obbiettivo raggiunto di rendere il contest accattivante al punto giusto tanto da far incuriosire e partecipare band già da tempo conosciute nella provincia".

Quali sono le prossime date? E qual è il premio finale?

"Conclusa la prima fase eliminatoria, venerdì 17 febbraio, si svolgerà la prima semifinale che vedrà scontrarsi “Il Karma” contro “Le verità di Morgana”. La settimana successiva, venerdì 24 febbraio, ci sarà la seconda semifinale, “Schegge di Legno” contro “Railway and Dogs”. I premi finali sono tre: il primo premio va alla band vincitrice del contest e consiste nella somma in denaro di 300 € più un passaggio in radio nel programma “Indiepercui” di un brano inedito; il secondo premio consiste nella vincita della somma in denaro di 200 €; con la vittoria del terzo premio viene offerta alla band che se lo aggiudica un’intera giornata di registrazione nello studio “MusicAll” di Conversano. I primi due premi vengono assegnati alle due band che si sfidano in finale mentre il terzo premio viene assegnato alla band che durante la prima fase del concorso si è aggiudicata il maggior numero di voti da parte del pubblico. Con questa formula abbiamo voluto dare un peso non indifferente al pubblico che con il proprio voto è unico artefice dell’assegnazione del terzo premio".

Organizzerete altri concorsi in futuro?

"Sulla scia della buona riuscita e del discreto successo che sta avendo il “Medieval Joust”, non è esclusa una seconda edizione, come non è esclusa l’organizzazione di altri concorsi musicali, dato quello che è il motore principale che muove noi organizzatori: la passione per la musica".

Secondo voi quale impatto ha avuto il vostro concorso? E com'è la situazione musicale oggi in Italia?

"Vedendo la risposa del pubblico e delle band iscritte pensiamo che l’impatto che questo concorso ha avuto fin ora sia stato molto buono. Uno dei punti principali che noi organizzatori ci siamo posti sin dall’inizio è stato quello di mettere a disposizione delle band una discreta vetrina attraverso cui presentare i propri lavori inediti, a dar man forte a questa nostra intenzione abbiamo da subito cercato radio disposte a partecipare alle serate in modo tale da dare visibilità ed ascolto alle band partecipanti da parte degli “addetti ai lavori”. Si può dire che questo è il fulcro dell’intero contest, che rispecchia anche la difficoltà a livello nazionale di piccole realtà come la nostra nel dare voce alle proprie idee. Noi nel nostro piccolo abbiamo cercato di offrire un’opportunità a chi ha voluto credere nella genuinità del nostro progetto e mi fa piacere ribadire che per ora ci stiamo riuscendo".

Commenti 

 
#1 Barrel Of a Gun 2012-02-12 19:22
RAILWAY AND DOGS! Energia allo stato puro!
Sara
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI