Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Conversano Città Aperta, "Manovra Monti e impatto locale"

conv-città-aperta-relatori

In Sala Consiliare si è svolto, venerdì 10 febbraio, il primo incontro pubblico del movimento politico Conversano Città Aperta.  Si è discusso sulla manovra Monti e sui cambiamenti che sta portando a livello locale, nella realtà conversanese.

Le tematiche sono di grande attualità e riguardano le tasse e le prospettive di sviluppo del paese, le modifiche dell’ISEE per l’accesso ai servizi sociali e infine l’introduzione dell’IMU (tassa per i cittadini, risorsa per il Comune). Su questi temi sono intervenuti Vito Peragine, Professore associato di Scienza delle finanze, presso l’Università di Bari; Annalisa Lacalandra, sociologo, portavoce di Conversano Città Aperta; Francesco D’Argento, Ingegnere e portavoce di Conversano Città Aperta. Moderatore dell’incontro è stato Francesco Strippoli (Corriere del Mezzogiorno).

conv-città-aperta-candela-annamaria“Le tre manovre Monti Salva Italia, Cresci Italia e Semplifica Italia  − ha affermato Annamaria Candela − hanno messo in sicurezza i conti dell’Italia ma hanno contribuito a cambiare la vita quotidiana delle famiglie, dei giovani delle associazioni e delle realtà organizzate del nostro paese”. Molti decreti del governo Monti, per esempio la manovra sulle pensioni, sono stati avvertiti dai cittadini come eccessivamente pesanti. “Se andassimo ad approfondire i passaggi delle manovre − ha continuato Candela − scopriremmo in essi una svolta, un tentativo di non governare il paese alla giornata ma di segnarne il futuro”.

Molte novità contenute nelle manovre incidono nelle scelte delle amministrazioni locali (politiche socio-sanitarie, politiche ambientali, culturali) e impongono di non soffermarsi a guardare le prospettive politiche nell’ottica dell’ora ed oggi, ma  a guardare al domani.

In un’epoca di tagli dei trasferimenti erariali spetta ai comuni trovare risorse efficaci per finanziare i servizi, le politiche per le imprese e gli investimenti per le infrastrutture. Inoltre, nella manovra Monti si parla di tassazione sui patrimoni con l’introduzione dell’IMU (tassazione delle case e dei beni immobili anche all’estero). Una manovra che porterà maggiore equità in un paese come l’Italia dove la pressione fiscale è la più alta d’Europa e ha meno tasse sul patrimonio. In più cambia l’ISEE per le prestazioni agevolate e le Amministrazioni locali dovranno attivare quei strumenti efficaci a venire incontro ai bisogni reali, alle criticità delle famiglie.

La politica, dunque, deve esigere di più da se stessa. Questo è il messaggio lanciato da Conversano Città Aperta. Maggiore responsabilità e meno demagogia. 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI